Visite guidate gratuite alla Biblioteca Comunale di Palermo

188

biblioteca-comunaleDopo un lunghissimo periodo di chiusura, dovuto ai lavori di restauro e adeguamento alla vigente normativa sulla sicurezza, riapre al pubblico la Biblioteca comunale di Palermo.

Visitabili la Sala Amari, col deposito dei Preziosi e rari, che si apre sull’atrio interno della Biblioteca, con le sue secentesche librerie dipinte, riportate all’originario splendore da un accurato restauro, e le due  Sale lignee,  le  ottocentesche sale lettura storiche al primo piano, e impreziosite dagli arredi originari con scaffalature su due livelli con ballatoi percorribili ornati dalla straordinaria collezione di ritratti di Siciliani illustri denominata Famedio (Tempio della fama).

Possibile visitare le torri librarie, parte del primo intervento, con la nuova sistemazione dei volumi.

Ultime tappe del percorso, la Chiesa di San Michele Arcangelo, di impianto trecentesco, sottoposta a modifiche nel Cinquecento e dal 1870 sottratta al culto e usata (fino ad oggi) per custodire i depositi librari della Biblioteca comunale e l’attiguo complesso della Chiesa dei SS. Crispino e Crispiniano con i pertinenti spazi esterni e locali adiacenti, oggetto dei recenti lavori di ripristino che andrà ulteriormente ad arricchire le attività e l’offerta di questo importantissimo polo culturale della città nel contesto di Ballarò.

Orari e servizi

Dal mese di gennaio 2017, la Biblioteca aprirà al pubblico nei seguenti orari: dal lunedì al venerdì ore 9.00-13.00 e mercoledì anche 15.30-17.30. Per tutto il mese di gennaio, per promuovere una conoscenza più ampia del complesso monumentale, dell’Istituto e del suo patrimonio, saranno organizzate visite guidate gratuite, su prenotazione a cura di personale interno (telefonare al numero 091-7407949).

Dal mese di febbraio saranno riattivati i servizi di front-office, consultazione e prestito in loco.

Continueranno regolarmente quelli già attivi ( informazioni bibliografiche, ricerche a distanza e rilascio di copie digitali, prestito interbibliotecario), nonchè i servizi on line fruibili dal sito Librarsi  (catalogo on line, prestito on line, news-letters, Teca digitale – sportello on line da cui è già possibile consultare in rete 400 codici riprodotti) o dalla apposita nuova app libr@rsi  scaricabile gratuitamente per dispositivi IOS e Android, dalla quale è possibile accedere a tutti i testi del catalogo, identificando quelli di interesse e individuando le biblioteche in cui sono disponibili.

Fonte: Comune di Palermo

CONDIVIDI

LASCIA UN COMMENTO