Il secolo dei musei

Dal 12 ottobre al  31 gennaio 2019

100 CAPOLAVORI DALLE RESIDENZE IMPERIALI RUSSE

Peterhof, Tsarskoye Selo, Gatchina, Pavlovsk

Palazzo Sant’Elia – Palermo

La mostra è considerata dal Governo della Federazione Russa come uno dei progetti chiave del festival internazionale “Russian Seasons in Italy”, in corso di realizzazione nel 2018.

Le principali Museums-Reserves russe – Peterhof, Tsarskoye Selo, Gatchina, Pavlovsk -, orgoglio e patrimonio nazionale della Russia, per la prima volta in Italia, mostreranno quei pezzi unici delle loro collezioni che riflettono la ricchezza delle ex residenze imperiali. Tra questi  oggetti d’arte eccezionali vi sono dipinti, acquerelli, costumi, porcellane, bronzi, mobili creati dai migliori maestri di Russia, Italia, Inghilterra, Francia, Cina e altri paesi.

Sarà un percorso attraverso la storia e la vita degli Zar di Russia, condotti per mano all’interno delle  quatto residenze imperiali.

Molti degli oggetti in mostra, che appartenevano direttamente agli imperatori russi, sono di natura commemorativa. Tra questi la camicia di Pietro I, le divise degli imperatori Paolo I, Alessandro I, Nicola I, Alessandro II, le poltrone trono di Nicola I e Alessandro III. L’esposizione presenterà vasi in porcellana e set di rara bellezza e gusto artistico, tra cui il famoso servizio Guryevsky (20 articoli) realizzato per Alessandro I dalla Fabbrica di Porcellana Imperiale. Per la sua decorazione sono stati usati diversi chilogrammi d’oro. L’esposizione includerà particolari dei complessi storici museali, per esempio, oggetti provenienti dalla non sopravvissuta “Lyons Hall”, che è stata creata per volontà dell’imperatore Alessandro II nel Palazzo di Caterina di Tsarskoye Selo.

Una parte della mostra è indirizzata specificamente al pubblico italiano ed è associata alla storia del viaggio in Italia nel 1845-1846 del soggiorno a Palermo dell’imperatore Nicola I e della moglie l’Imperatrice Alexandra Feodorovna.

Nel secolo della loro vita museale, Peterhof, Tsarskoye Selo, Gatchina, Pavlovsk hanno sperimentato le difficoltà dell’autodeterminazione post-rivoluzionaria, la perdita e la distruzione degli ensemble dei palazzi, la rovina e la rinascita delle loro collezioni, l’amarezza dei fardelli e il trionfo del sontuoso recupero.

Queste pagine della storia dei musei saranno rivelate nell’apposita «sala cinema» ricavata tra i saloni del Palazzo Sant’Elia.

La mostra si preannuncia come un evento spettacolare nel panorama culturale e museale italiano che susciterà grande interesse da parte del pubblico europeo, contribuendo a rafforzare ulteriormente il dialogo culturale italo-russo.

Orari:

da martedì a venerdì dalle 9:30 alle 18:30 (ultimo ingresso alle 18)

sabato e domenica dalle 10 alle 18:30 (ultimo ingresso alle 18)

Chiuso: tutti i lunedì compresi il 24 ed il 31 dicembre 2018 e nei giorni 25 dicembre 2018 e 1 gennaio 2019.

Biglietti:

Intero: 6 EURO

Ridotto: 5 EURO (over 65, gruppi superiori a 15 persone, studenti universitari previa esibizione del tesserino)

Ridotto Scuole e dipendenti della Città Metropolitana : 3 EURO

Ingressi omaggio: Giornalisti ( previa esibizione del tesserino); Portatori di handicap e accompagnatore (che dimostri la propria appartenenza ai servizi socio sanitari); Guide turistiche, accompagnatori e interpreti (solo se accompagnano gruppi o classi)
Bambini:
da 0 a 5 anni: gratuito
da 6 a 11 anni: 3,00 EURO
da 12 anni : intero

Visite Guidate

Prenotazione obbligatoria ai seguenti recapiti: prenotalatuavisita@gmail.com – 0916162520

Per gruppi non inferiori a 15 unità: 2,00 da sommarsi al biglietto di ingresso all’esposizione di € 5,00

Scolaresche (per classi non inferiori a 20 unità) :  € 1,00 da sommarsi al biglietto di ingresso all’esposizione di € 3,00

La prenotazione va effettuata entro e non oltre 5 giorni prima della data della visita ed eventuali annullamenti o variazioni devono essere comunicati 24 ore prima della visita.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.