Una via al giorno: Via Giuseppe D’Alessi

Samu-miniatura_1-640x90

La via D’Alessi va da via Maqueda a piazza Bologni.

Giuseppe D’Alessi (o D’Alesi), nato a Polizzi Generosa nel 1612 e di professione battiloro (ovvero un artigiano specializzato nell’assottigliamento delle lamine d’oro). Questo, nel maggio 1647 si mise a capo di una rivolta popolare scoppiata a causa dell’aumento del prezzo del pane. Tale rivolta fu tanto efficace che il viceré Pietro Fuxardo Zuniga, marchese de los Veles fu costretto a fuggire dalla città e Giuseppe D’Alessi fu proclamato capitano generale e sindaco perpetuo della città.
Per circa tre mesi ottenne una grande influenza sulla città, mettendo in soggezione i nobili ed il clero. Indusse una grande adunanza nella chiesa di S. Giuseppe, in cui riunì i principali baroni del regno, l’Inquisizione e una grande folla di suoi sostenitori del popolo. Questa mossa gli fece guadagnare l’approvazione di alcune importanti riforme.
Giunti alla decisione di sbarazzarsi di lui, i suoi nobili avversari politici decisero di mettere in atto una congiura per screditarlo, sfruttando la scarsa radicazione dei suoi ideali sociali e politici. In poco tempo il piano ebbe successo e il popolo, con estrema volubilità, iniziò a rivoltarsi contro di lui. Gli stessi che poco prima lo avevano acclamato lo pugnalarono e decapitarono il 22 agosto 1647, di fronte alla non più esistente chiesa di S. Maria della Volta.
Una lapide posta nell’attuale via Napoli ricorda il luogo in cui avvenne l’esecuzione.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here