Apertura “Sala Martinez Rubio” al Museo Diocesano di Palermo

Autore:

Categoria:

27 febbraio 2019

Conclusa una parte del riallestimento nello scorso ottobre 2018, il Museo Diocesano di Palermo ha aperto alla pubblica fruizione una nuova sala al piano nobile del Palazzo Arcivescovile, intitolata all’Arcivescovo Pietro Martinez Rubio (1657-1667).

Da qualche anno la Soprintendente ai BB.CC.AA. di Palermo, guidata dall’arch. Lina Bellanca, ha portato avanti, a cantiere aperto, i lavori di restauro e di riallestimento del Museo Diocesano di Palermo che attendono la definitiva conclusione.

Alla fine del 2018 si è, dunque, proceduto alla riapertura di alcune sale solo parzialmente riordinate e di altre con nuove opere esposte, secondo il progetto del curatore prof. Pierfrancesco Palazzotto, vicedirettore del Museo, in sinergia con l’arch. Bellanca.

Tra le sale rinnovate e riaperte sono state la Sala delle Croci al pianterreno (con manufatti dal XIV al XVI secolo) e la Sala delle Arti decorative barocche al seminterrato, con l’esposizione della collezione Lagumina dei mattoni di censo in ceramica maiolicata sei-settecentesca.

Oggi apre al piano nobile la sala adiacente alla torre medievale intitolata a mons. Pietro Martinez Rubio, Arcivescovo di Palermo (1657-1667). L’ordinamento museologico di Palazzotto ha, infatti, infatti, tenuto conto dello stemma di Martinez in stucco con putti presente sull’apertura che va alla Sala Borremans e vede il ritratto seicentesco del presule collocato nella medesima sala.

Accanto al ritratto di Martinez sono stati posti i ritratti dell’arcivescovo Matteo Basile (1731-1736), committente dell’ambiente adiacente al pittore fiammingo Guglielmo Borremans (1733-34), autore anche di questa pittura, di mons. Giovan Battista Naselli dei duchi di Gela, Arcivescovo di Palermo (1853-1870), il cui stemma compare in una pianeta presente qui in mostra, e del cardinale Gaetano Trigona e Parisi, Arcivescovo (1833-1837), cui si dovette il completamente del gruppo di campanili neogotici (1833-1835), posti sopra il torrione e dovuti all’architetto Emmanuele Palazzotto (1798-1872).

La parete di fondo mostra una grande vetrina con manufatti di arte decorativa della Sicilia occidentale in epoca barocca, tra coralli, alabastro, argento, seta e ceroplastica.

In attesa di collocazione, il prezioso ostensorio in corallo a retroincastro della metà del XVII secolo si trova in mostra presso il monastero di S. Caterina per la mostra “Sacra et preziosa”, fino a maggio 2019.

Info Museo Diocesano di Palermo:

via Matteo Bonello, 2 (Palazzo Arcivescovile di Palermo), accanto alla Cattedrale

0916077303, 0916077215 – museo@diocesipa.it

www.museodiocesanopa.it

Facebok: Museo Diocesano di Palermo (mudipa)

Instagram: museodiocesanopalermo #mudipa

Twitter: Museo Diocesano Pa  @MuDiPalermo

Pinterest: Museo Diocesano Palermo

Youtube: museo diocesano di palermo

Ti è piaciuto l'articolo? Condividilo con i tuoi amici!

Rimani aggiornato con la cultura...

11,034FansLike
478FollowersSegui
557FollowersSegui
Redazione
Redazione
Un gruppo di persone accomunate dalla passione per la Sicilia, ma sopratutto per Palermo, con la sua storia millenaria, la sua cultura unica e le sue molte, moltissime sfaccettature.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

Ti potrebbe interessare anche...

Nuovo dpcm, tutte le misure adottate dal Governo.

25 ottobre 2020 Il Presidente del Consiglio, Giuseppe Conte, ha firmato il Dpcm 24 ottobre contenente le nuove misure per fronteggiare l'emergenza epidemiologica da Covid-19. Il...

Al via il servizio online per il cambio di domicilio

Il servizio online di Cambio domicilio è entrato in vigore da lunedì 26 ottobre e consentirà ai cittadini di effettuare il cambio per l'intero...

La Pupaccena: la tradizionale Pupa di Zucchero

La Pupa di Zucchero, anche detta Pupo di zucchero o Pupaccena, è un dolce tipico siciliano amatissimo dai bambini, consumato quasi esclusivamente nel periodo...

Ecco cosa prevede la nuova ordinanza di Musumeci

Ordinanza del 24 ottobre 2020 Circolazione e spostamenti Per evitare assembramenti, su tutto il territorio regionale, dalle 23 alle 5, sono limitati gli spostamenti con ogni...

Il giorno dei morti raccontato da Andrea Camilleri

Fino al 1943, nella nottata che passava tra il primo e il due di novembre, ogni casa siciliana dove c’era un picciliddro si popolava...

Torna a Palermo “Le vie dei tesori”. Tutti i luoghi aperti alle visite

Le Vie dei Tesori è tra i più grandi Festival italiani dedicati alla valorizzazione del patrimonio culturale, monumentale e artistico delle città di Palermo ma anche della Sicilia.