Biscotti “tetù”

Dolci tipici della cucina siciliana, A Palermo vengono serviti tradizionalmente durante il periodo dei morti

Autore:

Categoria:

15,943FansLike
478FollowersSegui
579FollowersSegui

Un classico della pasticceria siciliana del periodo dei morti sono i biscotti “tetu e teio”, “uno a te e uno a me”  perché uno tira l’altro, piccoli e tondeggianti biscotti a base di pasta frolla mista a mandorle ricoperti di glassa al cioccolato o glassa bianca, che si possono trovare nei panifici e pasticcerie  anche in tutti gli altri periodi dell’anno.

Tradizionalmente questi biscotti (probabilmente di origine catalana) andrebbero fatti lavorando gli avanzi di pasticceria, ma è possibile anche farli da zero seguendo questa semplice ricetta.

Tetù al cacao
500 gr. di farina 00
150 gr. farina di mandorle
150 gr. di zucchero
1 uovo
150 gr. di strutto
50 gr. di cacao amaro
8 gr. di ammoniaca
i semi di 1 bacca di vaniglia
cannella
latte q.b.

Per la glassa al cioccolato
2 album
250 gr. di zucchero a velo
2 cucchiai di cacao amaro

Tetù bianchi
500 gr. di farina
150 gr. di mandorle ridotte a farina
150 gr. di zucchero
150 gr. di strutto
8 gr di ammoniaca per dolci
1 pizzico di sale
semi di 1 baccello di vaniglia
1 uovo
1 chiodo di garofano schiacciato
latte qb

Per la glassa bianca
2 album
250 gr. di zucchero a velo




Procedimento per i biscotti

Mescolare tutti gli ingredienti e lavorare l’impasto sino ad ottenere un composto liscio e omogeneo, aggiungendo il latte, poco alla volta, sino a raggiungere una consistenza morbida, lasciare riposare l’impasto per 1\2 ora
Formare delle palline della grandezza di una noce (circa 25 gr. ciascuna) e disporre in una teglia coperta da carta forno
cuocere in forno caldo a 180° per 20 minuti
sfornare e lasciare raffreddare prima di passarli nella glassa

Procedimento per la glassa

Mescolare gli albumi e lo zucchero a velo con una frusta o in un mixer sino ad ottenere una glassa liscia e omogenea, dividerla in due ciotole e in una aggiungere il cacao amaro e mescolare bene, avvolgere i biscottini nelle glasse, sino ad esaurimento, e disporli nuovamente nelle teglie ricoperte di carta forno. Rimettete in forno a 150° per circa 3 o 4 minuti.

 

Ti è piaciuto? Condividilo con gli amici!

Rimani aggiornato su Telegram

Serafina Stanzione
Serafina Stanzione
Staff member. Redattrice, responsabile e curatrice della sezione dedicata agli Eventi a Palermo

2 COMMENTI

  1. Buongiorno ho letto che nei biscotti al cioccolato lo strutto è 50 gr. anziché 150 gr. come in quelli bianchi… è corretto o un errore di scrittura? Grazie in anticipo x la risposta vorrei farli

Rispondi a Mary Cancella la risposta

Please enter your comment!
Please enter your name here

Ti potrebbe interessare anche...

Villa Branciforti di Butera a Bagheria

STORIA                   Don Giuseppe Branciforti, principe di Pietraperzia e conte di Raccuja, deputato del regno, già pretore di Palermo ed esponente di uno dei maggiori casati...

Come partecipare al X Premio Nazionale di Poesia “L’arte in versi”

Ancora due mesi per partecipare al X Premio Nazionale di Poesia “L’arte in versi” Ci sono ancora due mesi di tempo per aderire alla decima...

Pasta con crema di zucchine e gamberetti

La pasta con crema di zucchine e gamberetti è un delizioso e delicato piatto che non fa parte strettamente della cucina tipica siciliana, ma...

Il giardino della Cuncuma a Palermo

Forse oggi è una rarità poter ascoltare la parola Cuncuma in un discorso comune tra le nuove generazioni, giocoforza la lentissima ma inesorabile scomparsa...

Carusi, addevi e picciriddi: i bambini in Sicilia

Sono molti i modi in cui chiamiamo i bambini in Sicilia. Dipende dalle diverse province dell’isola dove il termine bambino cambia, pur mantenendo lo...

La Sala delle Donne di Palermo

A Palermo in passato non erano molti i luoghi pubblici dedicati solo alle donne. Eppure pochi sanno che ve ne era uno in particolare...