Biscotti “tetù”

Dolci tipici della cucina siciliana, A Palermo vengono serviti tradizionalmente durante il periodo dei morti

Autore:

Categoria:

13,528FansLike
478FollowersSegui
580FollowersSegui

Un classico della pasticceria siciliana del periodo dei morti sono i biscotti “tetu e teio”, “uno a te e uno a me”  perché uno tira l’altro, piccoli e tondeggianti biscotti a base di pasta frolla mista a mandorle ricoperti di glassa al cioccolato o glassa bianca, che si possono trovare nei panifici e pasticcerie  anche in tutti gli altri periodi dell’anno.

Tradizionalmente questi biscotti (probabilmente di origine catalana) andrebbero fatti lavorando gli avanzi di pasticceria, ma è possibile anche farli da zero seguendo questa semplice ricetta.

Tetù al cacao
500 gr. di farina 00
150 gr. farina di mandorle
150 gr. di zucchero
1 uovo
150 gr. di strutto
50 gr. di cacao amaro
8 gr. di ammoniaca
i semi di 1 bacca di vaniglia
cannella
latte q.b.

Per la glassa al cioccolato
2 album
250 gr. di zucchero a velo
2 cucchiai di cacao amaro

Tetù bianchi
500 gr. di farina
150 gr. di mandorle ridotte a farina
150 gr. di zucchero
150 gr. di strutto
8 gr di ammoniaca per dolci
1 pizzico di sale
semi di 1 baccello di vaniglia
1 uovo
1 chiodo di garofano schiacciato
latte qb

Per la glassa bianca
2 album
250 gr. di zucchero a velo




Procedimento per i biscotti

Mescolare tutti gli ingredienti e lavorare l’impasto sino ad ottenere un composto liscio e omogeneo, aggiungendo il latte, poco alla volta, sino a raggiungere una consistenza morbida, lasciare riposare l’impasto per 1\2 ora
Formare delle palline della grandezza di una noce (circa 25 gr. ciascuna) e disporre in una teglia coperta da carta forno
cuocere in forno caldo a 180° per 20 minuti
sfornare e lasciare raffreddare prima di passarli nella glassa

Procedimento per la glassa

Mescolare gli albumi e lo zucchero a velo con una frusta o in un mixer sino ad ottenere una glassa liscia e omogenea, dividerla in due ciotole e in una aggiungere il cacao amaro e mescolare bene, avvolgere i biscottini nelle glasse, sino ad esaurimento, e disporli nuovamente nelle teglie ricoperte di carta forno. Rimettete in forno a 150° per circa 3 o 4 minuti.

 

Ti è piaciuto? Condividilo con gli amici!

Rimani aggiornato su Telegram

Serafina Stanzione
Serafina Stanzione
Staff member. Redattrice, responsabile e curatrice della sezione dedicata agli Eventi a Palermo

2 COMMENTI

  1. Buongiorno ho letto che nei biscotti al cioccolato lo strutto è 50 gr. anziché 150 gr. come in quelli bianchi… è corretto o un errore di scrittura? Grazie in anticipo x la risposta vorrei farli

Rispondi a Redazione Cancella la risposta

Please enter your comment!
Please enter your name here

Ti potrebbe interessare anche...

Santa Maruzza, la chiesa dei Beati Paoli

Nel quartiere Capo di Palermo, nella piazza che porta il nome dei Beati Paoli, si trova la piccola chiesa di Santa Maria di Gesù,...

Comu rissi l’anticu: l’origine dei detti popolari a Palermo

Mio padre diceva: "comu rissi l'anticu..." quando citava uno dei suoi detti popolari, ma chi fosse questo fantomatico saggio non l'ha mai saputo spiegare....

La (vera) storia delle Teste di Moro

Le cosiddette Teste di Moro sono uno dei pezzi più popolari tra le ceramiche Siciliane. Dalle origini antichissime, questi caratteristici vasi raffigurano tipicamente la...

5 chiese nascoste e bellissime di Palermo

Quando si parla delle chiese più belle di Palermo, subito ci vengono in mente alcuni degli edifici più famosi della città, come ad esempio...

Torna a Palermo “Le vie dei tesori”. Tutti i luoghi aperti alle visite

Le Vie dei Tesori è tra i più grandi Festival italiani dedicati alla valorizzazione del patrimonio culturale, monumentale e artistico delle città di Palermo ma anche della Sicilia.

‘Mpanatigghi: i dolci siciliani a base di carne

I cultori della gastronomia siciliana sapranno già che in Sicilia, soprattutto nell’area di Modica, esistono dei curiosi dolci chiamati ‘mpanatigghi o impanatigghi, costituiti da...