Chiesa di Santo Spirito – Palermo

Autore:

Categoria:

La chiesa dentro il cimitero

Sono tantissimi i palermitani che si sono recati almeno una volta nel cimitero monumentale di S. Orsola. Per rendere omaggio ai propri defunti, per assistere ad un funerale di un parente o di un amico. Entrati dall’ingresso principale, si percorre il grande viale alberato alla cui fine un Cristo benedicente sopra una colonna accoglie i morti ed i visitatori. Nella piazza, a sinistra la chiesa dove si celebrano le sacre esequie dei morti. 
È molto antica. Costruita nel 1178 per volere dell’arcivescovo Gualtiero Offamilio, lo stesso che poco dopo avrebbe fatto costruire la cattedrale di Palermo.

La chiesa che adesso si vede isolata, faceva parte di un monastero affidato ai monaci cistercensi. Del monastero non è rimasto più nulla. È stato distrutto nel corso dei secoli mentre la stessa chiesa veniva deturpata da costruzioni che nulla c’entrano con la costruzione originale. Fino a quando nel 1795 l’area venne affidata alla Compagnia di Sant’Orsola per realizzare il cimitero. 

Nel 1882, nel VI centenario dei Vespri Siciliani, sull’onda emotiva si arrivò alla determinazione di ripristinare il complesso alle condizioni originarie. Se ne occupò l’architetto Giuseppe Patricolo che guidò i lavori. Alla fine, di tutto il complesso poté essere recuperata solo la chiesa liberata da tutte le costruzioni. Esattamente quella che vediamo adesso, con piccole aggiunte, come il grande rosone centrale che è piuttosto recente.

L’esterno mostra lo stile semplice ma elegante delle chiese normanne con le decorazioni a chiaroscuri ottenute alternando pietra lavica e pietra tufacea, contaminazione fra gli stili arabo-normanno e gotico

L’interno ha la struttura di basilica a tre navate, con colonne di tufo su cui si aprono degli archi ogivali, semplici e spogli, ma di un fascino tale da rendere bello tutto ciò che lo compone.
E per finire, sopra l’arco dell’abside maggiore, si può ammirare un bellissimo crocifisso ligneo risalente alla prima metà del XV secolo.

La Chiesa di Santo Spirito non è molto frequentata: nei giorni feriali vengono celebrate le messe dei funerali. La domenica sono in molti coloro che desiderano immergersi in un clima di preghiera e di riflessione che viene generosamente elargita con amore da Frate Angelo Li Calsi.

Se vuoi visitare la chiesa, puoi farlo tutti i giorni dalle 9 alle 12,00.

Orario Sante Messe:
Dal lunedì al sabato ore 10:30
Da Ottobre a Giugno
Domenica e festivi ore 09:00, 10:30, 12:00
Da luglio a Ottobre
Domenica e festivi una sola messa alle 10:00

Ti è piaciuto l'articolo? Condividilo con i tuoi amici!

Rimani aggiornato con la cultura...

12,831FansLike
478FollowersSegui
567FollowersSegui
Saverio Schirò
Saverio Schiròhttps://gruppo3millennio.altervista.org/
Staff member. Appassionato di Arte e Teologia e di tutto ciò che è espressione della genialità umana.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

Ti potrebbe interessare anche...

L’Ammiraglio Gravina, il palermitano che affascinò Napoleone

Tra i personaggi illustri della nostra città, merita senza dubbio una menzione Federico Carlo Gravina, principe di Montevago, palermitano di nobili origini che fece...

Borghi dei Tesori. Nasce il network di 42 piccoli comuni siciliani sotto l’egida delle Vie dei Tesori

PALERMO. Dai siti archeologici alle fortezze saracene, dalle miniere abbandonate alle concerie fantasma, dai castelli aggrappati al cielo agli acquedotti seminterrati, dagli ipogei ai...

Ma quanto è buono il pane a Palermo!?

Il pane è buono dappertutto, e in ogni luogo ha la sua forma, il suo sapore, la sua tradizione. Come non ricordare il famoso...

Un anno di Covid

Esattamente un anno fa, il 25 febbraio 2020, abbiamo avuto in Sicilia il primo caso di coronavirus, una turista bergamasca in visita a...

Le Catacombe dei Cappuccini

Chi visita il cimitero sotterraneo dei Cappuccini si appresta a compiere un viaggio a ritroso nel tempo e nello spazio, certo, ma soprattutto in...

Pasta al ragù siciliano

Quando ero bambina uno degli odori che mi svegliava nelle fredde domeniche d’inverno era quello del “ragù siciliano”. Mamma si alzava alle sei del mattino...