Cosa vedere a Palermo? I luoghi più belli e caratteristici

La città di Palermo è ricca di storia e possiede una grande tradizione religiosa che si esprime nelle sue belle e caratteristiche chiese. Notevoli tracce dei domini e delle casate che si sono succeduti nei secoli hanno lasciato tracce lungo le strade principali e nei palazzi storici, molti dei quali sono visitabili. Ecco alcuni dei luoghi più belli da vedere.

Autore:

Categoria:

Itinerari Artistico-culturali Palermo

La Cattedrale

cattedrale1

Una delle prime tappe turistiche per chi ha deciso di visitare Palermo è la Cattedrale,  gioiello storico di architettura e simbolo della città.  Oggi più che un monumento, rappresenta una preziosa testimonianza di espressioni artistiche e architettoniche diverse, e visitarla è come sfogliare delle pagine di storia e di arte.
Grande capolavoro dell’arte siciliana,  la Cattedrale di Palermo fa parte del percorso arabo-normanno destinato a divenire patrimonio mondiale dell’Unesco. La sua bellezza comincia con l’esterno che presenta un ampio portico quattrocentesco in stile gotico catalano,  con tre arcate ogivali, di forma arabeggiante e fiancheggiate da due torri laterali ed una bellissima cupola  tardo barocca per di più visitabile insieme ai suoi tetti. L’interno in stile neoclassico è a croce latina e a tre navate. Qui sono custodite le spoglie dei reali di Sicilia, di Federico II e di Ruggero II, e quelle di Santa Rosalia, patrona di Palermo. Nella cripta è conservato Il “Tesoro della Cattedrale”dove è possibile ammirare la corona della Regina Costanza d’Aragona.

La Cattedrale si trova in Corso Vittorio Emanuele  tel. +39 091.334376

Per conoscere la storia, gli orari d’apertura, le visite dei tetti e gli ingressi alle stanze del tesoro clicca qui


La Cappella Palatina

Definita, da Guy de Maupassant, la chiesa più bella del mondo, la Cappella Palatina si trova  all’interno del Palazzo reale, in quanto cappella privata del re Ruggero II d’Altavilla.
Gioiello inestimabile, ricca  di splendi mosaici bizantini  considerati tra i più belli di tutta la Sicilia è come un libro illustrato che racconta la storia di Cristo,  della Genesi,  dell’antico testamento e  dei Santi Pietro e Paolo.
Unico al mondo e di notevole importanza e pregio è il  meraviglioso soffitto ligneo a stalattiti che lascia incantati chi lo osserva. Nell’ abisde , maestoso e di grande impatto, il Cristo Pantocratore e al di sotto il mosaico raffigurante la Madonna tra santi, risalente al XVIII secolo.

La Cappella Palatina si trova a Piazza Indipendenza, all’interno del Palazzo Reale.

Per conoscere la storia, gli orari d’ingresso e il costo clicca qui


Il Palazzo Reale

Palazzo Reale

Il Palazzo Reale di Palermo (noto anche come Palazzo dei Normanni) sorge nel nucleo più antico della città, sopra un insediamento punico. Durante la dominazione araba viene edificato il primo corpo del palazzo, con l’arrivo dei Normanni a Palermo, nel 1072, ebbero inizio i lavori di ricostruzione ed ampliamento che avrebbero condotto nel 1130, dopo l’incoronazione di Ruggero II d’Altavilla, alla trasformazione della fortezza in Palazzo Reale e centro nevralgico del potere… I Borbone di Sicilia ristrutturarono il Palazzo Reale, commissionando pure le nuove decorazioni della Sala d’Ercole, ambiente utilizzato oggi per le riunioni dell’Assemblea Regionale Siciliana (Parlamento Regionale)

Per saperne di più clicca qui


San Giovanni degli Eremiti

particolare San Giovanni degli Eremiti_1

Considerato uno dei monumenti simbolo di Palermo, San Giovanni degli Eremiti  è tra i più interessanti esemplari dell’arte siculo-normanna. Non potremmo mai immaginare Palermo senza il fascino esotico delle cupolette intonacate di rosso che sovrastano la Chiesa.
L’interno, di forma geometrica semplice, si presenta spoglio, assai severo e disadorno di ogni decorazione, ma con degli effetti di luce tali, da ricompensare ogni sorta di scultura o pittura. Quello che resta oggi dell’antico monastero benedettino è l’elegante “chiostro” risalente alla fine del XIII secolo. Vi si accede attraverso un lussureggiante giardino ottocentesco di tipo mediterraneo (una piccola oasi di pace).
Il complesso di S. Giovanni degli Eremiti fa parte dei nove monumenti inseriti nel percorso arabo-normanno palermitano candidato a divenire patrimonio mondiale dell’Unesco.
San Giovanni degli Eremiti si trova in Via dei Benedettini tel. 091 6515019

Per conoscere la storia, gli orari d’ingresso e i costi clicca qui


S. Maria dell’Ammiraglio: La Martorana

chiesa della martorana

Nel cuore di Palermo, facilmente raggiungibile e assolutamente da vedere è la Chiesa di S. Maria dell’Ammiraglio, più comunemente chiamata “La Martorana”, senz’altro una delle più belle chiese esistenti.
Al suo interno si mescolano diversi stili, normanni, arabi, bizantini, tra cui dei meravigliosi mosaici, testimonianza della cultura bizantina in in Sicilia,  insomma, un piccolo gioiello che lascia incantati chiunque lo visiti.
Bella e suggestiva ha sulla sommità della sua cupola, il “Cristo assiso benedicente“, splendida anche la pavimentazione policroma a mosaici e tarsie marmoree, una tappa obbligata nella visita  della città.  Le celebrazioni delle messe sono di rito ortodosso.
La Chiesa di S. Maria dell’Ammiraglio si trova a Piazza Bellini 3   tel. +39.0916161692 – +39.0916176155

Per conoscere la storia, gli orari d’ingresso e i costi clicca qui


Chiesa del Gesù (CASA PROFESSA)

La chiesa del Gesù, comunemente conosciuta dai palermitani con il nome di Casa Professa, che le deriva dall’annessa casa madre dell’ordine, è uno dei monumenti più celebri del capoluogo: senza dubbio una delle chiese più fastose di tutta la Sicilia, tra le massime espressioni dell’arte barocca, nella sua forma più “ridondante”, ricca, appariscente ed esuberante.
La facciata principale è sontuosa ma semplice ripete il motivo delle chiese barocche gesuitiche. L’interno è un vero capolavoro do arte barocca.
La chiesa è amministrata dai padri Gesuiti che ne furono i fondatori…
La chiesa è ubicata alla fine del quartiere Ballarò il famoso mercato nella omonima piazza Casa Professa.

Per conoscere la storia clicca qui


La Chiesa di San Giuseppe dei Teatini

Nel cuore del centro storico, in uno degli angoli più affascinanti e ricchi di storia della città, la seicentesca croce di strade che divide la città in quattro parti, i cosiddetti “Quattro Canti”, troviamo un edificio religioso di riconosciuta magnificenza architettonica: la magnifica chiesa di San Giuseppe dei Teatini, uno degli esempi più belli e suggestivi del primo barocco siciliano, sia per l’eleganza della costruzione, sia per il notevole livello artistico complessivo.

La chiesa fu fondata nel 1612 per volontà dell’Ordine dei padri Teatini di San Gaetano Thiene che ancora amministrano questo luogo di culto.

La Chiesa si trova in Via Vittorio Emanuele, 311, 90134 Palermo

Per conoscere la storia clicca qui


I tetti della Cattedrale

Da li puoi dominare tutta Palermo. Di notte vedi tutte le luci della città brillare nel buio e una bellissima sensazione di immensa grandezza ti invade, di giorno puoi scorgere tutte le cupole delle varie Chiese, distingui i teatri, individui le ville, il Palazzo Reale, la Cala di Palermo. Un privilegio a cui non rinunciare: vedere da vicino e perfino toccare una così straordinaria meraviglia architettonica.

I tetti si possono visitare tutti i giorni ma ancora più suggestiva risulta la visita serale. Quando la città diventa un magnifico scenario che si illumina e si tinge di ombre e colori dorati.
Per conoscere la storia clicca qui


La Chiesa della Magione

Questo monumento, che si trova ai margini dei circuiti turistici tradizionali, ha sempre un suo fascino particolare, quasi spirituale: la nuda pietra, le linee semplici delle sue strutture, lo scarno apparato ornamentale, sembrano voler non farci dimenticare che la religione prima di ogni altra cosa, deve essere “povertà”.

SI erge sul lato meridionale di ampio spazio nella omonima piazza Magione, una spianata formatasi in seguito ai bombardamenti aerei del 1943.

La chiesa è tra le più antiche della città, costruita subito dopo la chiesa dei Vespri, con la quale ha una particolare somiglianza. Ma qui è annesso e ancora vivibile il monastero col suo meraviglioso chiostro che si può visitare.

Per conoscere la sua storia clicca qui


 

L’Oratorio di Santa Cita

Uno dè più nobili oratorj della Città per grandezza, ornamenti, e dovizia al maggior segno riguardevole” (Mongitore).
L’edificio religioso si trova in via Valverde in pieno centro storico, nelle vicinanze della Vucciria e dalla piazza che prende il nome dai Cavalieri di Malta.

Si può vedere il tripudio della maestria del maestro stuccatore Giacomo Serpotta. Ti immergerai nel biancore dei gessi così riccamente decorati in ogni minimo dettaglio. Gli angioletti che giocano sembrano invitarti a partecipare alla loro semplice gaiezza spirituale.
L’Oratorio si trova in Via Valverde, 3, 90133 Palermo 

Per conoscere la storia clicca qui


Piazza Pretoria

Fontana-pretoria-4

Una delle più belle fontane d’Italia, un esempio di Rinascimento toscano, composta da due anelli concentrici di pietra divisi da un anello d’acqua, sormontati da scalinate che fungono da piccoli ponti e parapetti di marmo. Al centro uno stelo composto da tre vasche posizionate una sull’altra, dove fuoriesce un fusto di marmo che sorregge un puttino con una cornucopia, simbolo mitologico di cibo e abbondanza, gli déi dell’Olimpo ed i fiumi di Palermo.  Tutto intorno statue nude di uomini e donne, divinità pagane e teste di animali che versano acqua nelle vasche. A racchiudere la monumentale fontana una cancellata in ferro battuto di Giovanni Battista Basile (1858)  che presenta quattro varchi ornati da otto Erme ( pilastrini sormontate da una testa scolpita ). Lateralmente il quattrocentesco Palazzo delle Aquile, sede del Comune.
Piazza Pretoria si trova in Via Maqueda vicina ai quattro Canti.

Per conoscere la storia clicca qui


Le Catacombe dei Cappuccini

cappucciniUn immenso patrimonio unico al mondo di memorie storiche e dati scientifici si conserva nel sottosuolo di Palermo, un viaggio a ritroso nel tempo e nello spazio, per alcuni considerato suggestivo, per altri macabro, a voi il giudizio.
Nelle Catacombe dei Cappuccini si conservano oltre ottomila scheletri e corpi mummificati, di tantissimi personaggi più o meno illustri, che qui trovarono riposo, tra i quali, la mummia di Rosalia Lombardo, una bambina morta di broncopolmonite il 6 dicembre del 1920 (una settimana prima di compiere due anni), conosciuta come: “La Bella Addormentata”,  la dolcissima bambina dai capelli biondi, da molti studiosi considerata a ragione, la più bella mummia del mondo.
Le Catacombe dei Cappuccini si trovano in Piazza Cappuccini, 1     tel +39 091.6524156 – 329 4150462

Per conoscere la storia, gli orari d’apertura e il costo clicca qui


Il teatro Massimo

Il Teatro Massimo Vittorio Emanuele, di Palermo, è il più grande teatro lirico d’Italia ed il terzo d’Europa. La struttura, realizzata in stile neoclassico-eclettico, richiama le forme dell’architettura classica, con la sua celebre scalinata, le colonne con capitelli corinzi, il porticato e la grande cupola metallica. Sorge nell’attuale piazza Verdi

Per conoscere la storia clicca qui


La Zisa

La Zisa di Palermo è uno dei monumenti più importanti della Sicilia, nonché uno dei Patrimoni mondiali dell’Umanità riconosciuti dall’UNESCO, fa parte dell’itinerario arabo-normanno di Palermo, Cefalù e Monreale,
Le sue sale ospitano il museo d’arte araba che raccoglie una notevole collezione di antichi manufatti di matrice islamica di straordinaria importanza, rinvenuti durante campagne di scavo effettuate a Palermo, ed altri provenienti da diversi paesi del bacino del Mediterraneo.

Per conoscere la storia e gli orari di visita clicca qui


La Cuba

Situata all’interno di quello che un tempo era l’esteso parco di caccia dei re normanni chiamato il “Genoard ” ( paradiso della terra ), la Cuba (dall’arabo qubba) che vuol dire arco, volta, sorge poco lontano da Porta Nuova nell’attuale corso Calatafimi.
Questo sontuoso palazzo, che presenta tutti i caratteri peculiari dell’ architettura d’età normanna, fu voluto da Guglielmo II il Buono ed  era uno dei sollazzi regi (luoghi di delizie), ed un tempo era circondato da un magnifico parco con vigneti, frutteti e da una grande peschiera.

Per conoscere la storia clicca qui


Il Santuario di Santa Rosalia

Ogni palermitano che si rispetti è andato a visitare almeno una volta nella sua vita il santuario di Santa Rosalia, la patrona di Palermo. Ma questo luogo tanto sacro, quanto suggestivo merita la visita di ogni turista che viene in città.

Da quando il 15 luglio del 1624 sono state trovate le ossa che si presuppone possano essere della Santuzza, il santuario di Santa Rosalia è diventato meta di pellegrini che hanno chiesto grazie, molte delle quali ottenute viste le numerose offerte votive lasciate nel santuario.
Per saperne di più clicca qui


I Mercati storici

mercato-del-capoI mercati storici sono da sempre situati nel cuore dei centri urbani, sono dei luoghi privilegiati non solo per lo scambio delle merci ma anche per l’integrazione culturale. A Palermo infatti li ritroviamo incastonati nel tessuto urbano del centro storico: ad esempio all’interno del mandamento dell’Albergheria troviamo Ballarò, all’interno del mandamento la Loggia vi è la Vucciria e nel mandamento Monte di Pietà troviamo il mercato del Capo.
Entrando nei mercati ci sentiremo travolti da mille suoni, la nostra vista è colpita da mille tinte e al nostro naso arrivano odori di ogni genere. Tutto è messo in bella mostra: frutta, verdura, pesce, macelleria, cibo da strada, e i prezzi? Ottimi! Quella dei mercati è una tappa consigliata, ci riempie di allegria, tutto è in movimento ed ogni cosa, ogni colore e suono non è affatto frutto del caso e sembra voler dire: Benvenuti al mercato!

Per saperne di più clicca qui


I Palazzi storici

Palermo-Palazzo-Chiaramonte steriPalermo è una città ricca di bellissime Chiese e Monumenti,  ma è anche ricca di antiche dimore nobiliari che raccontano la storia di chi le ha abitate, il loro gusto, la loro ricchezza; raccontano la storia di Palermo.
Alcuni di questi palazzi sono tutt’ora residenze private, altre sono diventate musei o luoghi di incontri, conferenze e arte, altri ancora sedi della regione o del comune altri ahimè abbandonati.
Facciamo un piccolo elenco di bellissimi palazzi che possono essere visitati dietro prenotazione.

Palazzo Ajutamicristo  Via G.Garibaldi, 23 Tel. e Fax: +39.091.6161894
Palazzo Villafranca  Piazza Bologni 18 PalermoTel 091 6118168 091 322601
Palazzo Mirto    Via Merlo 2 Tel. +39 091 6164751
Palazzo Butera  
Via Butera, 18  tel 091 611 0162
Palazzo Asmundo  Via Pietro Novelli 3  0916519022   3356687798
Palazzo Valguarnera Gangi    
Piazza Croce dei Vespri, 6 –  tel. 091 616 2718
Palazzo delle aquile   
Piazza Pretoria
Palazzo Steri 
Piazza Marina 61  tel 091 6253892  091/6075306
Palazzo Branciforte  
Via Bara all’Olivella, 2   tel 091.8887767

Le Chiese
I Palazzi
I Monumenti

Se sei alla ricerca di un ostello a Palermo in cui passare la notte ecco la lista dei migliori alloggi in città con un ottimo rapporto qualità/prezzo!

Guarda il video per scoprire alcune delle esperienze più autentiche in città (sottotitoli disponibili).

Rimani sempre aggiornato con la cultura, segui Palermoviva

9,951FansLike
417FollowersSegui
536FollowersSegui
Redazione
Redazione
Un gruppo di persone accomunate dalla passione per la Sicilia, ma sopratutto per Palermo, con la sua storia millenaria, la sua cultura unica e le sue molte, moltissime sfaccettature.

2 COMMENTI

Rispondi a Andrea Mehanna Cancella la risposta

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Ti potrebbe interessare anche...

Festività natalizie. Chiusura al transito veicolare via Ruggero Settimo e senso unico p.zza Castelnuovo

Il servizio Mobilità Urbana del Comune di Palermo ha emanato un'ordinanza di chiusura al transito veicolare di via Ruggero Settimo e istituzione del senso...

La tradizione dell’Immacolata in cucina

La festa dell'Immacolata inaugura il periodo delle festività natalizie e a Palermo devozione e tradizione si fondono facendo di questa ricorrenza una delle feste...

Santa Lucia: Arancine, panelle e cuccìa…

Santa Lucia: storia e tradizione La storia racconta che Santa Lucia nacque a Siracusa intorno al 283, era di famiglia nobile e fu promessa sposa...

Pasta chi vruocculi arriminati

La pasta chi vruocculi arriminati è uno dei piatti palermitani per eccellenza insieme alla pasta con le sarde e gli anelletti al forno. Il nome...

La Cassata Siciliana

  La storia della cassata siciliana Dall'arabo "qas'at" anche la cassata ha la sua leggenda. Si racconta infatti che un pastore saraceno stava impastando della ricotta...

Listarelle di peperoni in agrodolce

I peperoni in agrodolce sono un contorno molto diffuso nella cucina siciliana, ottimi per accompagnare piatti a base di carne, di pesce o riso...