Dove vai a Natale?

Una domanda ormai classica: per Natale dove vai? E qui cominciano spesso i guai, i mugugni, le incomprensioni, le liti. Già, perché per 364 giorni all’anno si fa quello che si vuole, spesso disinteressandosi degli altri e poi arriva Natale e dobbiamo necessariamente “diventare più buoni”. Ovviamente senza parlare di chiesa, di Messa, di Incarnazione, di Gesù che viene.
La realtà è che predomina la tradizione, le usanze, gli obblighi e faccende di questo genere. E allora ci si stressa andando in giro per i negozi a comprare i regali più improbabili per accontentare tutti. Ma non si può spendere così tanto, così eccoci intenti a scovare oggetti tanto a buon mercato quanto spesso inutili.
E dove si va? A casa nostra no, c’è poco spazio. Bronci e telefonate. E se andassimo fuori a mangiare? E poi gli inviti, le scelte, le esclusioni dolorose ma necessarie, la spesa, le sedie in prestito, gli addobbi, i preparativi…
Poi è l’ora del pranzo. Pronti ad abbuffarci fino a stare male. Le tombolate, i mercanti in fiera, i giochi moderni che nessuno conosce, mentre qualcuno si addormenta stravaccato sui divani.
Infine, chi rimane, mangia gli avanzi (tranquilli ce ne sono anche per domani), qualcuno se li porta a casa. Poi tutti via: finalmente anche questo Natale è finito!
A volte, però dimentichiamo qualcuno….
Se non lo avete ancora visto guardate questo spot pubblicitario tedesco della catena EDEKA

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.