whatsappFatti dare i compiti, telefona e fatti dare i compiti!! Questo era il tormentone che tuonava nelle stanze della mia casa quando, raramente, non andavo a scuola. Mia madre non smetteva di invitarmi a telefonare ai miei compagni fino a quando, sfinita, non eseguivo.
E ciò è accaduto fin dalla prima elementare fino al liceo. A nessuno sarebbe mai venuto in mente di far chiamare la mamma o il papà, tanto meno esistevano i “gruppi” o le “mailing list”.
A malincuore forse, ma si provvedeva personalmente a chiamare, magari il compagno meno simpatico, ma il più bravo e attento che dettava al telefono i compiti, pagina per pagina, esercizio per esercizio.
Ed ora è arrivato whatsapp e sono arrivati i gruppi, di classe, dei docenti, ma anche dei genitori che si assumono l’onere di comunicare i compiti per casa dei loro figli attraverso la rete, di dare informazioni sulle gite, le entrate anticipate, gli scioperi, sollevando i loro figli da qualsiasi iniziativa e prestando soccorso dinnanzi alle piccole difficoltà e necessità tipiche della loro età, tessendo una rete di relazioni tra genitori che spesso è motivo di incomprensioni, malintesi e dissapori.
Diamo merito alla tecnologia, alle innovazioni e alle moderne forme di comunicazione che hanno semplificato la trasmissione delle informazioni e ci consentono di stare al centro del mondo, ma non dimentichiamo, più che mai oggi in tempo di regali natalizi, che i nostri ragazzi hanno bisogno di essere stimolati, di essere messi di fronte alle difficoltà piccole e grandi per poter crescere in autonomia, per accrescere la propria autostima, per non avere, da adulti, bisogno degli altri ed essere in grado di vivere, con dignità e consapevolezza la propria vita familiare e professionale.
E allora ben venga whatsapp, ma utilizziamolo con la consapevolezza che ciò che scriviamo “resta”, che le parole hanno un significato reale, che spesso sostituendoci ai nostri figli e intromettendoci nelle loro relazioni tra pari, diamo solo un apparente ed immediato sostegno, ma rischiamo di dare un altro peso alle parole e talvolta fraintendere le loro volontà o di ostacolarle.
La scuola e le famiglie fanno parte di un’unica comunità educante, si lavora all’unisono per favorire la crescita delle nostre bambine e bambini, delle nostre ragazze e ragazzi. Una crescita all’insegna del progresso, ma anche dell’autonomia, dei sani valori, dell’autostima, della comprensione e del rispetto dell’altro e del senso di appartenenza.
Un caro e sincero augurio di Buon Natale e Felice anno nuovo a tutti.

Iole Ciaccio
Dirigente dell’Istituto Comprensivo Statale “Michelangelo Buonarroti” di Palermo

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.