Home eventi - www.palermoviva.it Debutta al Teatro Biondo di Palermo, “La gioia” di Pippo Delbono, un’esplosione floreale per celebrare la vita con le sue luci e le sue ombre

Debutta al Teatro Biondo di Palermo, “La gioia” di Pippo Delbono, un’esplosione floreale per celebrare la vita con le sue luci e le sue ombre

Dal 15 al 18 febbraio 2024

La gioia di Pippo Delbono al Teatro Biondo di Palermo:

un’esplosione floreale per celebrare la vita con le sue luci e le sue ombre

Dopo una lunga tournée mondiale, che dall’Europa ha raggiunto la Cina, il Giappone, l’India e il Cile, arriva giovedì 15 febbraio, alle ore 21.00, al Teatro Biondo di Palermo lo spettacolo La gioia di Pippo Delbono, autore di culto della scena contemporanea internazionale. Repliche fino al 18 febbraio.

Delbono ha cominciato la sua formazione nel teatro di tradizione, per poi dedicarsi, in Danimarca, allo studio dei principi del teatro orientale, attraverso un rigoroso lavoro sul corpo e sulla voce, approdando infine al Tanztheater di Pina Bausch, dove ha interpretato alcuni celebri spettacoli della coreografa. Nei primi anni ’80 ha fondato la propria compagnia con la quale ha realizzato quasi tutti i suoi spettacoli, tra cui Il tempo degli assassini, Barboni, La rabbia, dedicato a Pasolini, Guerra, Esodo, Gente di plastica, Urlo, Il silenzio, Questo buio feroce, Dopo la battaglia, Orchidee, Vangelo. Quello di Delbono è un teatro “dell’esperienza”, nel quale gli stati d’animo, le personalità, le fisicità degli interpreti sono centrali e nel quale si elaborano gioie, dolori, entusiasmi, in una parola, la “verità” della vita.

Insieme a Delbono sono in scena ne La gioia: Dolly Albertin, Gianluca Ballarè, Margherita Clemente, Ilaria Distante, Mario Intruglio, Nelson Lariccia, Gianni Parenti, Pepe Robledo, Grazia Spinella, mentre sarà presente solo in voce e nello spirito Bobò, l’attore iconico di Delbono, sordomuto e analfabeta, che il regista aveva incontrato nel manicomio di Aversa, dove era rinchiuso da 47 anni.

«Ho scelto di intitolare lo spettacolo La gioia, una parola che mi fa paura, che mi evoca immagini di famiglie felici, di bambini felici, di paesaggi felici. Tutto morto, tutto falso – spiega Pippo Delbono – Quanta paura c’è a pronunciare la parola morte. Va bene se si tratta di una morte spettacolare, patetica, ma quanta paura c’è nell’accettare la parola morte con serena lucidità. Penso a questo spettacolo come a un racconto semplice, essenziale. Penso alla gioia come a qualcosa che c’entra con l’uscita dalla lotta, dal dolore, dal nero, dal buio. Penso ai deserti, penso alle prigioni, penso alle persone che scappano da quelle prigioni, penso ai fiori. La recita di ogni sera non è più recita, ma è un rito, è un apparire e un gesto unico che lega chi agisce a chi guarda, in un comune respiro. Fare uno spettacolo sulla gioia vuol dire cercare quella circostanza unica, vuol dire attraversare i sentimenti più estremi, angoscia, felicità, dolore, entusiasmo, per provare a scovare, infine, in un istante, l’esplodere di questa gioia».

Invece di fissarsi in delle immagini precise, dei suoni, dei movimenti sul palcoscenico, Pippo Delbono e gli attori della sua compagnia cercano di compiere ogni giorno un passo in più verso questa esaltazione assoluta, questa bruciante intuizione. Ecco allora il circo, coi suoi clown e i suoi balli. Ecco pure il ricordo di uno sciamano che con la follia libera le anime. Ecco quindi malinconie di tango e grida soffocate in mezzo al pubblico. Ecco una pienezza di visioni, che si susseguono, si formano, si confondono e si perdono una via l’altra, centinaia di barchette di carta, sacchi di panni colorati a comporre, sembra, quel «mare nostro che non sei nel cielo» della laica preghiera di Erri De Luca, fino all’esplosione floreale, creata da Pippo assieme a Thierry Boutemy, il fleuriste normanno di stanza a Bruxelles e abituato a lavorare in lungo e in largo per il mondo.

Gli attori salgono così sul palcoscenico uno dopo l’altro e prendono, ognuno con il suo diverso sentire, il pubblico per mano e ne fanno un compagno di viaggio, parte di una comune ricerca inesauribile. Storie personali, maschere, danze, clownerie, memorie sono tutte sfuggenti immagini di persone alla ricerca della gioia.

Così, se ogni replica è la tappa di un viaggio, ogni frammento che compone lo spettacolo è un singolo passo. Il viaggio non si arresta mai, così come la girandola caleidoscopica di sentimenti e immagini. Ogni replica regala una sorpresa, a chi decide di mettersi in cammino e seguire il ritmo della compagnia e di questa ricerca infinita della gioia.

______________________

note dell’autore

Ho scelto di intitolare lo spettacolo La gioia, una parola che mi fa paura, che mi evoca immagini di famiglie felici, di bambini felici, di paesaggi felici. Tutto morto, tutto falso. Mi ha colpito La morte di Ivan Il’ič di Tolstoj, in cui il protagonista, nei suoi ultimi giorni di vita, si riconcilia con tutta la sua esistenza, anche con i momenti più tristi e grigi.

E da qui mi era venuto in mente come possibile titolo La morte gioiosa. Ma poi un amico mi ha detto: “Ma chi viene a teatro a vedere uno spettacolo in cui c’è la parola morte? In questi tempi dove la gente va a teatro per rilassarsi anche con opere impegnate culturalmente, ma che li riconcilia.”

Quanta paura c’è a pronunciare la parola morte. Va bene se si tratta di una morte spettacolare, patetica, ma quanta paura c’è nell’accettare la parola morte con serena lucidità. Mi ricordo quando a Manila sono entrato in un luogo che si trovava totalmente dentro una discarica di immondizia, dove vivevano moltissime persone. C’era un odore insopportabile di fogna. Ovunque c’erano spazzatura, topi, uccelli, insetti. Mi ricordo di queste donne che lavavano i loro vestiti, si profumavano, si truccavano, e ridevano moltissimo tra di loro.

E poi mi ricordo tanti anni fa in India, a Varanasi, la città dove vanno a morire gli Indiani, mi ha avvicinato un folto gruppo di bambini che saltavano, ridevano come animali impazziti. I loro piedi erano grandi, deformi, gonfi come palloni. Ma i loro visi, i loro occhi, mi trasmettevano un senso di verità, di lucidità, di vitalità, di gioia. Tante cose ho visto e vissuto in questi anni, spesso dimenticate, ma quegli occhi gioiosi nella discarica di Manila e sulla riva del Gange, li porterò con me per tutta la vita.

Penso a questo spettacolo La gioia come a un racconto semplice, essenziale. Penso alla gioia come a qualcosa che c’entra con l’uscita dalla lotta, dal dolore, dal nero, dal buio. Penso ai deserti, penso alle prigioni, penso alle persone che scappano da quelle prigioni, penso ai fiori.

Pippo Delbono

____________________________

La gioia

uno spettacolo di Pippo Delbono

con Dolly Albertin, Gianluca Ballarè, Margherita Clemente, Pippo Delbono, Ilaria Distante,

Mario Intruglio, Nelson Lariccia, Gianni Parenti, Pepe Robledo, Grazia Spinella

e con la voce di Bobò

composizioni floreali Thierry Boutemy

musiche Pippo Delbono, Antoine Bataille, Nicola Toscano e vari artisti

disegno luci Orlando Bolognesi

costumi Elena Giampaoli

tecnico luci Orlando Bolognesi

suono Giulio Antognini

set e oggetti di scena Enrico Zucchelli

responsabile di produzione e tournée Alessandra Vinanti

organizzazione durante il processo creativo Silvia Cassanelli

organizzazione Davide Martini

tour manager Riccardo Porfido

direttore tecnico Fabio Sajiz

si ringraziano Enrico Bagnoli, Jean Michel Ribes, Alessia Guidoboni – assistente di Thierry Boutemy e Théâtre de Liège per i costumi

produzione Emilia Romagna Teatro ERT – Teatro Nazionale

co-produzione Théâtre de Liège, Le Manège Maubeuge – Scène Nationale

durata: 1 ora e 20 minuti

calendario delle rappresentazioni:

giovedì 15 febbraio ore 21

venerdì 16 febbraio ore 21

sabato 17 febbraio ore 19

domenica 18 febbraio ore 17

Data

15 - 18 Feb 2024
Expired!

Ora

21:00 - 23:00

Luogo

Teatro Biondo (PA)
Via Roma, 258, Palermo

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.