‘Festa du Triunfu’ a Ciminna

Autore:

Categoria:

15,943FansLike
478FollowersSegui
580FollowersSegui

Foto da www.agoraciminna.it
Foto da www.agoraciminna.it

8 Dicembre  2014
si festeggia l’Immacolata

la ‘Festa du Triunfu’, dedicata alla Vergine Maria ha più di duecento anni. I festeggiamenti cominciano alle quattro del mattino, con la veglia durante la quale i paesani si ritrovano per mangiare  insieme salsiccia o ‘a ‘nfriulata’, una focaccia ripiena di carne tritata di maiale, cipolle  e spezie  e bevono vino. Nella notte si tiene una processione con una statuina della Madonna e, si accendono fuochi con legna che si è accatastata la notte prima.

Qualche Notizia sulla “Festa du triunfu”.

La festa dell’Immacolata é molto sentita da tutto il popolo Ciminnese con una ampia partecipazione a tutte le funzioni religiose e alla processione per le vie del paese.

La storia di detta processione si presume tragga origine dall’avvenimento svoltosi nel lontano 1781. I frati del Convento di San Francesco D’Assisi di Ciminna, avevano commissionato la statua lignea dell’Immacolata allo scultore per il giorno 7 di dicembre, vigilia della festa dell’Immacolata Signora.

Il popolo, impaziente per il ritardo della consegna di detta statua, spinto dalla devozione, andò incontro con fanali, torce di cera, etc. ai portatori della “gran cassa” contenente il simulacro.

Caricatosi quindi la statua, la portarono in trionfo fino a Ciminna e per le strade maestre fino alla chiesa dove il popolo, alla vista dell’immagine, meravigliato, altro non fece, con incessanti lacrime, che ringraziare IDDIO.

Da quel giorno in poi a Ciminna si svolge in interrottamente ogn’anno “U Triunfu” (che consiste appunto nel portare in trionfo per le vie del paese una piccola statua dell’Immacolata ricordando l’evento del 1781), accompagnata dalla banda musicale, canti popolari e da una moltitudine di gente e preceduta dalla fiaccolata di “mazzuna” e di falò “Vampe”.

La processione ha inizio dalla chiesa di San Francesco alle ore 04,00 circa, dopo aver sfilato per le vie del paese ritorna in detta chiesa.

da http://www.partecipiamo.it/

Ti è piaciuto? Condividilo con gli amici!

Rimani aggiornato su Telegram

Redazione
Redazione
Un gruppo di persone accomunate dalla passione per la Sicilia, ma sopratutto per Palermo, con la sua storia millenaria, la sua cultura unica e le sue molte, moltissime sfaccettature.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

Ti potrebbe interessare anche...

Come partecipare al X Premio Nazionale di Poesia “L’arte in versi”

Ancora due mesi per partecipare al X Premio Nazionale di Poesia “L’arte in versi” Ci sono ancora due mesi di tempo per aderire alla decima...

Villa Branciforti di Butera a Bagheria

STORIA                   Don Giuseppe Branciforti, principe di Pietraperzia e conte di Raccuja, deputato del regno, già pretore di Palermo ed esponente di uno dei maggiori casati...

Il giardino della Cuncuma a Palermo

Forse oggi è una rarità poter ascoltare la parola Cuncuma in un discorso comune tra le nuove generazioni, giocoforza la lentissima ma inesorabile scomparsa...

Carusi, addevi e picciriddi: i bambini in Sicilia

Sono molti i modi in cui chiamiamo i bambini in Sicilia. Dipende dalle diverse province dell’isola dove il termine bambino cambia, pur mantenendo lo...

La Sala delle Donne

A Palermo in passato non erano molti i luoghi pubblici dedicati solo alle donne. Eppure pochi sanno che ve ne era uno in particolare...

Jack Churchill: L’ufficiale che sbarcò in Sicilia con arco e spada

Che qualcuno sia sbarcato in Sicilia armato di spada, arco lungo e frecce, non è certo una novità nella storia millenaria della nostra isola....