Festa del SS.Crocifisso a Villafrati

Autore:

Categoria:

16,020FansLike
478FollowersSegui
584FollowersSegui

Dal 13 al 16 settembre 2018

dalle ore 21.00 alle ore 03.00

 FESTEGGIAMENTI IN ONORE DEL SS.CROCIFISSO   

CENNI STORICI SUL SIMULACRO DEL SS. CROCIFISSO DI VILLAFRATI
Il simulacro del Crocifisso, attribuito da qualcuno a fra Umile da Petralia, è una scultura in legno dipinto, risalente alla fine del secolo XVII (1675-1699). La pregevole croce in legno intarsiato (altezza cm 203, larghezza cm 101) in realtà, è opera di ebanisti villafratesi. L’arrivo del simulacro del Crocifisso a Villafrati risale all’anno 1780. Leggenda vuole che tale statua venisse trasportata verso Castronovo di Sicilia su un carro trainato da buoi, i quali, stanchi per la fatica del viaggio, si fermarono davanti alla soglia della chiesa di Sant’Antonio da Padova – costruita al limite della trazzera Regia – e si rifiutarono di proseguire. Gli abitanti del paese rimasero colpiti dall’episodio, interpretandolo come un segno di predilezione del Signore, e non permisero che il simulacro fosse portato via. Nel 1878 i villafratesi fecero costruire a loro spese una chiesa in onore del SS. Crocifisso, sorta probabilmente sulle rovine del preesistente edificio dedicato a Sant’Antonio da Padova. Il simulacro del Crocifisso oggi si trova in buono stato di conservazione; grazie alle numerose e generose offerte dei fedeli sono stati finanziati due interventi di restauro – nel 1984 e nel 2006 – eseguiti dal prof. Angelo Cristaudo di Acireale. A seguito di un attento esame del particolare del livido procurato dalla corda stretta alle caviglie, tipico dello stile spagnolo di rappresentare il Crocifisso, il prof. Cristaudo, afferma che con esattezza, il simulacro è databile alla seconda metà del XVII secolo.

Ti è piaciuto? Condividilo con gli amici!

Rimani aggiornato su Telegram

Redazione
Redazione
Un gruppo di persone accomunate dalla passione per la Sicilia, ma sopratutto per Palermo, con la sua storia millenaria, la sua cultura unica e le sue molte, moltissime sfaccettature.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

Ti potrebbe interessare anche...

Caciocavallo all’Argentiera

Antipasto tipico siciliano. Un piatto dai profumi ingannevoli, poiché dalla sua preparazione scaturisce un profumo che fa subito pensare alla cottura di una pietanza a...

Le cupole rosse della Palermo Arabo Normanna

Il dilemma cupole, una tematica che riguarda la nostra storia nel periodo arabo-normanno potrà apparire strano e contraddittorio: saranno state veramente rosse o no? Da...

Via dell’Università

La via dell’Università va dalla via Maqueda alla via Nino Basile, rua Formaggi e salita Raffadali. Anticamente questa via era conosciuta, nel tratto iniziale, come...

Torta al Cioccolato di Modica

Parlare oggi di Cioccolato di Modica significa parlare di un prodotto alimentare pienamente riconosciuto come "marchio di origine"! Conosciuto nel mondo per la sua...

Vellutata di zucca

La vellutata di zucca è una classica ricetta autunnale e invernale, un ottimo primo piatto vegetariano che scalderà le vostre fredde serate. Un piatto di...

Taglierini alla parchitana

Ingredienti per i taglierini 500 gr di farina di semola di grano duro 4 uova 1 cucchiaio di olio d’oliva per il sugo 1 cipolla 1 spicchio d’aglio olio mezzo bicchiere di vino 50...