Festa del SS.Crocifisso a Villafrati

Autore:

Categoria:

13,528FansLike
478FollowersSegui
576FollowersSegui

Dal 13 al 16 settembre 2018

dalle ore 21.00 alle ore 03.00

 FESTEGGIAMENTI IN ONORE DEL SS.CROCIFISSO   

CENNI STORICI SUL SIMULACRO DEL SS. CROCIFISSO DI VILLAFRATI
Il simulacro del Crocifisso, attribuito da qualcuno a fra Umile da Petralia, è una scultura in legno dipinto, risalente alla fine del secolo XVII (1675-1699). La pregevole croce in legno intarsiato (altezza cm 203, larghezza cm 101) in realtà, è opera di ebanisti villafratesi. L’arrivo del simulacro del Crocifisso a Villafrati risale all’anno 1780. Leggenda vuole che tale statua venisse trasportata verso Castronovo di Sicilia su un carro trainato da buoi, i quali, stanchi per la fatica del viaggio, si fermarono davanti alla soglia della chiesa di Sant’Antonio da Padova – costruita al limite della trazzera Regia – e si rifiutarono di proseguire. Gli abitanti del paese rimasero colpiti dall’episodio, interpretandolo come un segno di predilezione del Signore, e non permisero che il simulacro fosse portato via. Nel 1878 i villafratesi fecero costruire a loro spese una chiesa in onore del SS. Crocifisso, sorta probabilmente sulle rovine del preesistente edificio dedicato a Sant’Antonio da Padova. Il simulacro del Crocifisso oggi si trova in buono stato di conservazione; grazie alle numerose e generose offerte dei fedeli sono stati finanziati due interventi di restauro – nel 1984 e nel 2006 – eseguiti dal prof. Angelo Cristaudo di Acireale. A seguito di un attento esame del particolare del livido procurato dalla corda stretta alle caviglie, tipico dello stile spagnolo di rappresentare il Crocifisso, il prof. Cristaudo, afferma che con esattezza, il simulacro è databile alla seconda metà del XVII secolo.

Ti è piaciuto? Condividilo con gli amici!

Rimani aggiornato su Telegram

Redazione
Un gruppo di persone accomunate dalla passione per la Sicilia, ma sopratutto per Palermo, con la sua storia millenaria, la sua cultura unica e le sue molte, moltissime sfaccettature.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

Ti potrebbe interessare anche...

Villa Trabia

Com'è abbastanza noto, sin dal XVII secolo presso l'aristocrazia siciliana, che possedeva già sontuosi palazzi a Palermo, si era affermata la consuetudine di costruire...

Bonus cultura: una guida per aiutare i diciottenni a capire come utilizzarlo

Come usare il bonus Cultura 18app? È un'iniziativa del Ministero per i giovani ed è dedicata a promuovere la cultura! Se sei nato nel 2002 e...

Chiesa del Carmine: dentro il cuore di Ballarò

Quante volte, da ragazzo, sono passato davanti al portone della chiesa del Carmine senza accorgermi della sua esistenza? Gli anni della prima adolescenza, quando...

L’urna con le ossa di Santa Rosalia

Fra qualche giorno ricorrerà il 397° festino della nostra amatissima patrona Santa Rosalia, ma anche quest’anno ci toccherà rinunciare alla sfilata del carro trionfale...

Rosalia Sinibaldi “la Santuzza”, Signora di Palermo

Rosalia Sinibaldi non è soltanto un’immagine ritratta in uno dei quadri presenti all’interno della Galleria Regionale di Palazzo Abatellis, né una rappresentazione lapidea che...

Il Barone Agostino La Lomia al Grand Hotel delle Palme

Lo storico albergo ‘Grand Hotel delle Palme’ di Palermo ha riaperto, dopo due anni di restauro, mantenendo integro l’ambiente Liberty dell’epoca. L’antico Hotel di...