La Sicilia torna in zona gialla

Da lunedì mattina la Sicilia sarà zona gialla.

Il passaggio di fascia ridarà ai siciliani la libertà di spostarsi al di fuori del proprio comune senza giustificarne il motivo.

Si dovrà sempre rispettare il coprifuoco delle 22,00, così come sarà obbligatorio indossare la mascherina nei luoghi chiusi e vigerà ancora il distanziamento sociale.

In zona gialla si può fare visita ad amici e parenti in non più di 4 persone, esclusi i minorenni.

Riaprono i ristoranti a pranzo a cena, ma solo all’aperto. La misura è stata introdotta nel nuovo decreto Covid firmato dal presidente Mario Draghi.

La riapertura dei ristoranti al chiuso, ma solo a pranzo, avverrà a partire dal 1 giugno.

Resta invece sempre consentito il servizio di asporto fino alle 22 e la consegna a domicilio. Possono sedersi al tavolo massimo 4 persone, a meno che non si tratti di conviventi, con una distanza minima di un metro tra i commensali.
I bar possono restare aperti fino alle 22 con servizio al tavolo. Si può consumare solo al tavolo e solo all’aperto

Riaprono anche teatri, cinema, musei, aree archeologiche, ancora chiuse palestre.

Sì al calcetto, ai circoli sportivi, ma con attività al momento solo all’aria aperta, ma senza poter utilizzare gli spogliatoi.

Riaprono le piscine solo all’aperto e gli stabilimenti balneari

Sempre chiusi nei festivi e prefestivi i centri commerciali, ad eccezione di farmacie, parafarmacie, presidi sanitari, punti vendita di generi alimentari, tabacchi ed edicole.

Un gruppo di persone accomunate dalla passione per la Sicilia, ma sopratutto per Palermo, con la sua storia millenaria, la sua cultura unica e le sue molte, moltissime sfaccettature.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here