Samu miniatura_1

Cari Amici,

dopo nove anni di enormi soddisfazioni, sacrifici, palpitazioni e forti emozioni ci ritroviamo così, a commentare il grande dispiacere sportivo che ci è toccato. Purtroppo questa annata è stata maledetta più di tutte le altre insieme. Un misto di politiche societarie sbagliate, errori di valutazione ed accanimenti di ogni genere ci hanno, alla fine, condannato alla retrocessione in B con una giornata di anticipo. Anche se molti di noi non volevano crederci il cammino del Palermo sembrava segnato sin dalle primissime giornate in cui il pallone non voleva proprio entrare e che ci hanno visto uscire sconfitti in quattro delle prime cinque partite. Da allora la maledizione non ha rallentato e ha continuato a sferzarci per tutto l’anno fino al conseguimento di questo nefasto risultato. Purtroppo il Palermo quest’anno è stato proprio incapace di vincere, troppi pareggi, troppi risultati buttati via al 90’ troppe partite giocate in modo rinunciatario e poi, quando finalmente sembrava che Sannino, al suo ritorno in panchina, avesse trovato la quadratura del cerchio facendo risorgere Ilicic nel ruolo di mezzapunta, ecco che il destino torna ad accanirsi contro i rosa con la condanna firmata dall’Udinese di Guidolin e controfirmata dal gol di Toni nella sconfitta di Firenze, proprio i protagonisti della storica promozione e del primo trionfale anno di Serie A. Ora non ci resta che raccogliere i cocci di ciò che è stato e cercare di ricominciare dall’inizio, sfruttando la serie cadetta come rampa di lancio per un nuovo inizio. L’intento della società sembrerebbe chiaro, una squadra forte in grado di risalire subito la classifica e di riguadagnare la promozione già in un anno, e penso che i tifosi meritino questo compenso. Ancora una volta abbiamo dimostrato di essere una delle migliori tifoserie d’Italia, applaudendo e sostenendo i nostri colori fino alla fine, ed essendo pronti a fare lo stesso anche nel purgatorio della B. Non demordiamo e continuiamo a portare avanti la nostra passione, nella speranza di poter tornare a gioire ancora di nuovi successi, di nuove emozioni, di nuove soddisfazioni, perché i tifosi di Serie A non retrocedono mai.

Ancora, sempre e per sempre Forza Palermo!

6 COMMENTI

  1. Compimenti per la lettera, con cui sono d’accordo sino a poco prima della conclusione della tua bellissima disamina: avendo constatato che questa retrocessione non è che il risultato finale del modo barbaro con cui il presidente del Palermo quest’anno ha gestito la società e la squadra, non possiamo non nutrire dubbi sulla fattibilità di una pronta risalita in serie A.
    Le solite chiacchere di Zamparini travestite da promesse questa volta stanno a zero, quindi dopo tutto quello che è successo per colpa sua non possiamo che aspettarlo alla prova dei fatti. Con le sue scelte disastrose ha fatto retrocedere sportivamente una società dai grossi mezzi e una città che non lo meritava. Detto questo continueremo a tifare per i nostri colori sempre e ovunque, la nostra passione di certo non retrocede. Ciao e Forza Palermo a tutti!

    • Caro Marcos,
      non potrei essere più d’accordo con te. I dubbi sono più che legittimi date le recenti gestioni societarie, tuttavia io sono uno di quelli a cui piace sperare, da una parte per via del fatto che la serie B non conviene a nessuno, dall’altra perché credo che, nonostante l’inevitabile smantellamento che seguirà, quei quattro pezzi che rimarranno saranno ancora in grado di dare una forma ad una squadra competitiva. Se poi dovesse succedere altro (tipo la cessione della società) allora tutto cambia, ma credo sinceramente che chiunque abbia da guadagnare in caso di promozione immediata. Comunque le mie sono solo ipotesi, come tifoso spero solo che tutto vada per il meglio e che non siamo, invece, vittime di un piano più grande (non so bene di chi) che ci vuole danneggiare in ogni modo. Continuiamo a sperare e Forza Palermo.

  2. Bellissima lettera. Sono d’accordo nel dire che la tifoseria è una delle migliori d’Italia, e sono davvero in tanti a dirlo. Basti ricordare gli applausi dopo l’1-7 subito contro l’Udinese qualche anno fa e il sostegno dato alla squadra fino all’ultimo. Tifosi davvero grandi.

    • Per civiltà, supporto alla squadra e presenza anche nei momenti difficili. Dopo la matematica retrocessione la tifoseria mi sembra ancora molto compatta e determinata a sostenere la squadra anche in serie B. Questo è lodevole e non succede dappertutto.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.