Palermo brucia…ultimi focolai

Autore:

Categoria:


incendio-1La prima ondata di caldo dell’estate ha letteralmente trasformato, Palermo in uno scenario apocalittico. La colonnina di mercurio  ha fatto segnare, temperature superiori ai 40 gradi. Numerosi roghi sono cresciuti a dismisura nelle montagne che circondano la città e, alimentati dal forte scirocco, hanno già bruciato diversi ettari di boschi e prati. A giudicare dall’inferno scaturito ieri, possiamo tranquillamente identificare questa serie di incendi come i più gravi degli ultimi anni.

Oltre agli incendi di Monreale e Bagheria, che hanno causato attimi di paura e l’evacuazione delle scuole, i roghi più vasti hanno interessato numerosi comuni delle Madonie, tra cui Lascari, Gratteri, Collesano e tutta la zona di Cefalù.  Evacuate scuole e sospesi i ricoveri programmati all’Ospedale Giglio di Cefalù.
Purtroppo si sono avute notizie di feriti.
Fiamme anche a Partinico, Montepellegrino, l’Arenella e l’Addaura.

Sembra assurdo, ogni anno, dover commentare sempre le stesse notizie relative ad incendi e devastazioni boschive. Purtroppo sembra ormai diventata una specie di tradizione.

vigili del fuocoDifficile è stato anche l’intervento dei vigili del fuoco, impegnati a pieno organico su più fronti, anche fuori dalla provincia di Palermo.

Purtroppo Palermo non è nuova ad episodi del genere, ma forse è lecito chiedersi in che modo simili situazioni possano essere evitate.

Indaga, ovviamente, la Procura, per l’origine quasi sicuramente di natura dolosa.

Non sono ancora del tutto spenti gli incendi in Sicilia, ma, come conferma la Protezione Civile l’emergenza sta lentamente rientrando, a Palermo, ancora qualche rogo sulla sommità di Monte Pellegrino, due canadair sono ancora al lavoro.

Palermo brucia

Ti è piaciuto l'articolo? Condividilo con i tuoi amici!

Rimani aggiornato con la cultura...

12,055FansLike
478FollowersSegui
567FollowersSegui
Samuele Schirò
Samuele Schirò
Direttore responsabile, redattore e fotografo di Palermoviva. Amo Palermo per la sua storia e cultura millenaria.

1 COMMENTO

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

Ti potrebbe interessare anche...

La Sicilia sarà “zona rossa”, ecco le ultime notizie

16 gennaio 2021 La Sicilia sarà "zona rossa" dalla mezzanotte tra sabato e domenica (17 gennaio), per due settimane (fino a domenica 31 gennaio). Lo...

Screening per alunni e docenti delle scuole primarie e secondarie di primo grado

Avviate le operazioni di screening per alunni e docenti delle scuole primarie e secondarie di primo grado in vista del possibile ritorno a scuola...

Caponata di carciofi

I carciofi sono ortaggi molto apprezzati e usati nella cucina siciliana. La Caponata di carciofi è una variante invernale della conosciutissima Caponata di melanzane...

La Chimica Arenella, storia di un’eccellenza perduta

Il nome di Chimica Arenella forse non dirà niente ai più giovani, mentre qualcuno forse ne ricorderà le vicende passate, purtroppo molto spesso costituite...

La chiesa nascosta sotto la Cappella Palatina

Dentro il Palazzo dei Normanni, fiore all’occhiello di Palermo, si trova la semi sconosciuta Chiesa di Santa Maria delle Grazie, spesso impropriamente scambiata per...

Cassata siciliana al forno

La cassata siciliana al forno è un dolce buonissimo di pasta frolla che racchiude un ripieno cremoso di ricotta di pecora e gocce di cioccolato fondente, una variante della...