Palermo cuore grande – Lettera aperta della turista bergamasca

Una turista bergamasca in quarantena a Palermo per coronavirus, ha voluto scrivere una lettra per ringraziare la città per la meravigliosa accoglienza che, nonostante le difficoltà, le è stato riservato.

Autore:

Categoria:

16,020FansLike
478FollowersSegui
596FollowersSegui

In una lettera aperta, una delle turiste di Bergamo in quarantena per coronavirus a Palermo, ha voluto ringraziare i palermitani per la meravigliosa accoglienza a loro riservata. Nonostante la situazione di disagio, per loro e per un’intera città in cui il Covid-19 non era ancora arrivato, tutte le persone che hanno avuto a che fare con loro hanno dimostrato un grandissimo senso di vicinanza ed ospitalità.

Ecco il testo della lettera che questa turista (anonima) rilascia al quotidiano Bergamo News al suo ritorno a casa.

 

“Siamo partiti da Bergamo venerdì 21 febbraio, giorno del mio compleanno, quando non era ancora scoppiata l’emergenza virus. Rivivo la felicità di essere per la prima volta a Palermo. Il viaggio in Sicilia era il mio regalo di compleanno, mi godevo minuto per minuto la bellezza di questa città, di questa isola, ricca di secoli di storia e di testimonianze artistiche. Ero anche molto felice di incontrare i palermitani. Voglio bene ai miei amici siciliani che vivono a Bergamo: sono persone straordinarie.

Ho un magnifico ricordo di una collega d’ufficio siciliana: minuta di corporatura, gigantesca di carattere: leale, risoluta, forte! Mentre godevamo dei mosaici bizantini (e non solo quelli), iniziavano ad arrivate notizie allarmanti da casa: tutti erano preoccupati ed in parte spaventati. L’ultimo momento felice è fissato dalla foto di lunedì a Cefalù. Mi godevo ogni sfumatura del tramonto sul mare consapevole di essere una persona fortunata.

Ma di notte abbiamo scoperto di aver portato con noi il virus: sgomento, paura per la nostra salute e dispiacere per Palermo, per aver portato il virus.
I miei tamponi sono sempre risultati negativi. Il pensiero è andato a tutte le magnifiche persone incontrate durante il tour, ho chiesto mentalmente scusa a ognuno. Ripenso al nostro autista, all’uomo “della giacca gialla”, ai ristoratori, alle guide: vorrei rassicurarli e chieder loro di scusarci.

In hotel da due parole gentili di una persona dello staff, ho compreso la vera grandezza dei siciliani e dei palermitani. Non nutrono rancore: hanno capito che è successo e scopro che il loro senso di ospitalità va oltre!
Per quanto è possibile in hotel ci “coccolano” anche se sono in quarantena come noi, lavorano per noi. I locali vicini ci mandano le loro specialità, ci fanno avere libri, una famiglia dirimpettaia ha preparato panelle per tutti e 28, vogliono farci sentire a casa e ci sono vicini; l’emozione è leggere “Sono le persone che fanno i luoghi”.

Il direttore dell’hotel parlando del loro impegno per noi dice “con amore” malgrado tutti i problemi che abbiamo e stiamo ancora procurando! AMORE è una parola grande che tocca dentro; così questa quarantena diventa un momento per riflettere su empatia, ospitalità, sui valori importanti della vita.
Con queste mie righe desidero esprimere la mia profonda gratitudine, il mio sincero ringraziamento alla Sicilia e a Palermo! In particolare all’hotel Mercure centro, al direttore e al suo personale. Un grazie di cuore ai nostri magnifici sette eroi!”

CR

Ti è piaciuto? Condividilo con gli amici!

Rimani aggiornato su Telegram

Samuele Schirò
Samuele Schirò
Direttore responsabile e redattore di Palermoviva. Amo Palermo per la sua storia e cultura millenaria.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

Ti potrebbe interessare anche...

La Pupaccena: la tradizionale Pupa di Zucchero

La Pupa di Zucchero, anche detta Pupo di zucchero o Pupaccena, è un dolce tipico siciliano amatissimo dai bambini, consumato quasi esclusivamente nel periodo...

Via Nina Siciliana

La via Nina Siciliana va da via Perpignano a via degli Emiri. È dedicata alla poetessa siciliana, vissuta nel XIII secolo, la cui esistenza è...

Via Stanislao Cannizzaro

La via Cannizzaro va dalla via Oreto alla via Recupero. È intitolata al chimico palermitano Stanislao Cannizzaro, nato nel 1826 e morto a Roma nel...

Ferdinandea, l’isola siciliana che non esiste

Tra le tante isole che circondano le coste della Sicilia, in pochi conoscono l’Isola Ferdinandea. Il motivo è molto semplice, non esiste più, almeno...

Biscotti “tetù”

Un classico della pasticceria siciliana del periodo dei morti sono i biscotti "tetu e teio", "uno a te e uno a me”  perché uno...

Girolamo Colloca: il re della Vucciria

Durante la seconda metà del Cinquecento, una serie di trasformazioni urbanistiche avviarono un processo di rinnovamento radicale di Palermo che da medievale si avviava...