Palermo e le Mummiate

MummiatePer chi fosse un profano del termine le cosiddette mummiate, a Palermo, sono gli sguardi indiscreti che gli uomini lanciano alle donne più giovani e attraenti. Questo fenomeno, che gli americani amano definire Street harassment (ovvero molestie di strada), ha dato recentemente vita ad un esperimento sociale che sta girando rapidamente il mondo. Questo esperimento prevede che una ragazza, in genere dotata di minigonna o scollatura, nasconda su di sé una videocamera per “registrare” le occhiate dei passanti.
Nonostante a Palermo anche le ragazze più pudiche abbiano sempre portato con loro il motto “C’arresta a taliata” (cioè tutto si ferma lì, al momento dell’occhiata), la pubblicazione di questo video a cura del quotidiano l’Ora ha causato un grande dibattito tra i cittadini di entrambi i sessi, anteponendo i sostenitori delle mummiate (che magari sono anch’essi dei mummiatori semi-professionisti) ai più globalizzati, e scandalizzati, detrattori della “barbarica pratica”.
Che apparteniate all’una o all’altra fazione vi invitiamo a guardare il video, ambientato per le strade di Palermo, e a dirci cosa ne pensate. D’altronde un esperimento sociale serve proprio a questo.

Samuele Schirò

 

Foto: Mirko Macari tramite Fotocontest.it

4 COMMENTI

  1. Sono d’accordo Pietro, ora tutti si scandalizzano per quella che a Palermo è sempre stata un’arte, e che le donne, in fondo, hanno sempre apprezzato. Poi la mummiata è anche democratica, destra, sinistra o centro si mettono tutti d’accordo di fronte ad un belvedere. W le donne e w Palermo!!

  2. Mummiare è un arte! Le biblioteche universitarie sono la sede delle migliori mummiate… Ah ! Quante sessioni di esami passate sui libri mummiando bellissime sconosciute ….

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.