Un modo semplice per fare una mascherina in casa

Autore:

Categoria:

E’ scattato da oggi, giovedì 9 aprile, l’obbligo per i lavoratori dei negozi di alimentari di portare sempre la mascherina e da parte dei cittadini, l’obbligo di indossare una mascherina quando ci si trova in spazi piccoli nei quali non è possibile mantenere la distanza minima di un metro, condizione assolutamente verificabile se si è in fila per entrare ad un supermercato, se si va dal fruttivendolo, in farmacia, al panificio, alle poste…

Si è discusso molto sulla reale utilità di indossare una mascherina chirurgica quando si esce, non è abbastanza filtrante, gli unici sussidi a risultare efficaci contro il Coronavirus sono le mascherine FFP2 e 3, la mascherina chirurgica fungerebbe  prevalentemente da barriera, ma che se indossata da tutti riduce l’emissione di particelle di virus influenzali e di Coronavirus qualora ne fossimo infetti, ma attenzione a rispettare sempre le distanze di sicurezza (pari ad almeno un metro)

Ma visto il nuovo obbligo se di mascherine non ne troviamo o hanno un costo davvero elevato rispetto all’effettivo valore (ricordiamoci che le mascherine vanno cambiate ogni 4 ore o almeno ogni giorno) come fare? Possiamo farle noi in casa maschere di cotone, semplici e principalmente lavabili e riutilizzabili

Ecco come fare:

Prendete una stoffa di cotone e ritagliatene una striscia di circa 16 cm x 40 cm

 

 


Circa a metà fate tre pieghe, che serviranno ad aprirsi quando indossate la mascherina, la rimanente parte ripiegatela all’interno , una sull’altra in modo da formare una tasca.

 


Rifinite i laterali con un bordino dove inserirete degli elastici che serviranno da passare dietro le orecchie.
Nella parte superiore, fate una piccola cucitura in modo da far passare dentro un piccolo ferretto (potete utilizzare uno di quei ferretti che usate per chiudere le buste) servirà per stringerlo sul naso ed evitare che la mascherina cada.
Bastano dunque, una stoffa di cotone, ago e filo, spilli e se avete una macchina da cucire, altrimenti potete realizzarla anche a mano.

 


All’interno nella tasca che si è venuta a creare, inserite qualcosa di impermeabile, per esempio della carta forno, o un po di cellophane che dopo l’uso potete togliere facilmente e lavare la vostra mascherina.
Non sarà sicuramente il massimo ma in questo modo ognuno di noi avrà fatto qualcosa per non propagare i propri virus e le vostre mascherine saranno sicuramente più simpatiche e meno tristi di quelle chirurgiche che ci ricordano un ospedale.
Ricordiamo comunque che questo tipo di  mascherine non sono un dispositivo medico-sanitario di protezione personale, bisogna sempre mantenere il più possibile le distanze.

 

 

Ti è piaciuto l'articolo? Condividilo con i tuoi amici!

Rimani aggiornato con la cultura...

12,149FansLike
478FollowersSegui
567FollowersSegui
Serafina Stanzione
Serafina Stanzione
Staff member. Redattrice, responsabile e curatrice della sezione dedicata agli Eventi a Palermo

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

Ti potrebbe interessare anche...

Emergenza freddo! Attivo nuovo numero telefonico per aiutare i senzatetto della città

Emergenza freddo! Per i cittadini che volessero segnalare la presenza di persone senza dimora che necessitano di assistenza, è sempre attivo h24 il numero della...

La storia del traffico a Palermo

Il traffico a Palermo è sempre stato una “piaga terribile”, per citare un famoso film di Roberto Benigni. Sebbene oggi la situazione del centro...

Bonus Luce – Gas – Acqua

Dal 1° gennaio 2021 i bonus sociali per disagio economico sono riconosciuti automaticamente ai cittadini/nuclei familiari che ne hanno diritto, senza che questi debbano...

Caponata di carciofi

I carciofi sono ortaggi molto apprezzati e usati nella cucina siciliana. La Caponata di carciofi è una variante invernale della conosciutissima Caponata di melanzane...

La Chimica Arenella, storia di un’eccellenza perduta

Il nome di Chimica Arenella forse non dirà niente ai più giovani, mentre qualcuno forse ne ricorderà le vicende passate, purtroppo molto spesso costituite...

La chiesa nascosta sotto la Cappella Palatina

Dentro il Palazzo dei Normanni, fiore all’occhiello di Palermo, si trova la semi sconosciuta Chiesa di Santa Maria delle Grazie, spesso impropriamente scambiata per...