Via Giuseppe l’Innografo

Autore:

Categoria:

Samuele Schirò firma 2

La via Giuseppe l’innografo va dalla via Adolfo Holm alla via Jacopo Mostacci.

Poeta e santo, Giuseppe l’Innografo è noto soprattutto per il gran numero di inni sacri da lui composti (circa un migliaio), che gli valsero il suo soprannome. Nacque in Sicilia, probabilmente a Siracusa, intorno all’816 e morì a Costantinopoli nel 886. Costretto a fuggire dalla Sicilia occupata dagli Arabi, si rifugiò con la madre nel Peloponneso e poi a Tessalonica, dove si fece monaco nel monastero di Latomi. Insieme a S. Gregorio Decapolita si recò a Bisanzio, dove venne incaricato di una missione a Roma, presso il papa, per cercare di ottenere un appoggio nella lotta contro gli iconoclasti. Tale incontro, però, non ebbe mai luogo. Durante il viaggio la sua nave cadde in mano ai pirati arabi e lui fu condotto a Creta e venduto come schiavo.
Una volta liberato tornò a Bisanzio, dove fece costruire una chiesa dedicata a S. Bartolomeo e a S. Gregorio Decapolita, suo amico.
A causa di forti contrasti con l’imperatore e con il patriarca Fozio, fu di nuovo costretto ad esiliare per un periodo. Poté infine tornare nella capitale, dove Basilio I il Macedone lo nominò “scevofilace” di S. Sofia e rappresentante del patriarca Ignazio.

[mappress mapid=”257″]

Ti è piaciuto l'articolo? Condividilo con i tuoi amici!

Rimani aggiornato con la cultura...

10,929FansLike
478FollowersSegui
554FollowersSegui
Redazione
Redazione
Un gruppo di persone accomunate dalla passione per la Sicilia, ma sopratutto per Palermo, con la sua storia millenaria, la sua cultura unica e le sue molte, moltissime sfaccettature.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

Ti potrebbe interessare anche...

Quando nacquero i primi giornali a Palermo?

Il primo numero del Giornale di Sicilia fu pubblicato il 7 giugno 1860 con la testata “Giornale Officiale di Sicilia” sotto la direzione di...

La scuola di una volta

Chiariamo subito che non si tratta degli anni 30 o 40, quando ancora si usavano penna e calamaio, anche se i banchi della scuola...

Il prezioso archivio dell’Architetto Salvatore Cardella

È in fase di riordino un prezioso fondo privato di notevole valore storico artistico: l’archivio del Prof. Arch. Salvatore Cardella (Caltanissetta 24/06/1896 – Palermo...

Monte Pellegrino

Ho voluto iniziare la descrizione del monte Pellegrino con queste belle parole tratte dal libro "Viaggio in Sicilia" di Bernard Berenson del 1957, perché...

Chiesa Sant’Antonio Abate (detta dell’Ecce Homo)

La chiesa di S. Antonio Abate si trova in via Roma, sulla destra poco dopo la via Vittorio Emanuele venendo dalla Stazione Centrale. È...

Palermo e le Sedie Volanti

Come molti sanno, a Palermo esiste una strada chiamata via delle sedie volanti. Questo nome, così curioso, ha sempre risvegliato la fantasia popolare che...