‘a Casazza rappresentazione della Passione di Cristo a Gangi

Autore:

Categoria:

Aiutaci a far crescere la pagina con un semplice clic sul pulsante...Grazie

21,849FansLike
1,032FollowersSegui
633FollowersSegui
aCasazza201528 – 29 Marzo 2015
In occasione della festa delle Palme, presso quel fantastico palcoscenico costituito dal Calvario e dagli spazi adiacenti la chiesa di Santa Maria di Gesù (con all’interno le splendide statue lignee del Quattrocchi) e la torre campanaria del ‘500. Saranno presentati due spettacoli a sera, uno alle 20.00, l’altro alle 22.00. In circa un’ora, sintetizzati in un prologo e cinque parti per complessivi 29 quadri, saranno presentati in una vera e propria piece teatrale alcuni dei momenti più significativi della vita e della morte di Gesù di Nazareth.
Lo spettatore sarà dentro la scena e potrà seguire il tutto come in un film.
La “Casazza” rappresentazione sacra. I suoi contenuti vanno dal Vecchio al Nuovo testamento e, in particolare, agli eventi che caratterizzano la Settimana Santa e perciò la passione e morte di Gesù Cristo. La “Casazza” non appartiene, nonostante la ricchezza culturale, alla tradizione gangitana, ma è entrata ugualmente nella memoria collettiva da quando, nel lontano 1956, essa fu rappresentata da una “compagnia” venuta da fuori che i racconti dei testimoni dicono provenire da Bompietro. Sempre i racconti parlano, commossi, di un grande spettacolo, realizzato su palco, lì, proprio davanti al nostro Calvario. Non ci si ricorda del nome della compagnia, ma quell’evento, in ogni caso, è rimasto impresso in maniera indelebile nelle menti di molti ed è stato tramandato come una preziosa eredità. Esso ha accompagnato i non più giovani per decenni nella speranza che potesse essere riproposto e rinnovasse in loro quei momenti di stupore e commozione. Per rivederlo sarebbero dovuti passare ben più di cinquanta anni. Nel 2009, infatti, sono stati i ragazzi della Scuola Media a cimentarsi, con curiosità e coraggio, nella rappresentazione di un testo della “Casazza”. Anche quello è stato un grande spettacolo, fatto con pochi mezzi, ma non per questo meno ricco, meno sorprendente, e capace di reggere il confronto sia con la memoria dei non più giovani sia con l’aspettativa dei più giovani.

Ti è piaciuto? Condividilo con gli amici!

Rimani aggiornato su Telegram

Redazione
Redazione
Un gruppo di persone accomunate dalla passione per la Sicilia, ma sopratutto per Palermo, con la sua storia millenaria, la sua cultura unica e le sue molte, moltissime sfaccettature.

2 COMMENTI

  1. Nel Meridione d’Italia in tante Regioni e in tanti paesi di queste Regioni sin dal Medioevo si è iniziata a rappresentare la Passione di Cristo che culminata con la messa in croce del personaggio che interpretava il Cristo. A Gangi è stata rappresentata non da una Compagnia teatrale di Alimena e non di Bompietro. Ad Alimena vi era una Compagnia stabile e a chi interpretava il Cristo lo chiamarono col soprannome di “Signuruzzu”, come pure la Madonna che la rappresentava la più bella Sig.ra di Alimena.

    • Errata corrige: 1°) culminava;
      2°)è stata rappresentata dalla Compagnia teatrale di Alimena e non di Bompietro;

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Ti potrebbe interessare anche...

Una passeggiata al mercato di Palermo

Se dico Vucciria, Ballarò, Capo, cosa vi viene in mente? Caos di urla, colori e odori? E se vi dicessi che tutto ciò che...

La Fontana dei Tre Vecchioni alla Cattedrale di Palermo

Davanti alla Cattedrale di Palermo, più o meno dove adesso si trova la statua di Santa Rosalia, un tempo vi era la grande fontana...

Giuseppe D’Alesi, il Masaniello siciliano

Tra le rivolte più memorabili avvenute a Palermo, non si può non raccontare quella di Giuseppe D’Alesi, un comune artigiano messosi a capo di...

Bignè con crema pasticcera

I bignè sono dei dessert composti da pasta choux e ripieno di creme variamente aromatizzate. La ricetta della pasta choux, probabilmente, nacque durante il Rinascimento...

Il Parco Fondo Badia

Il Parco Fondo Badia sorge nella contrada di Uditore, che si estendeva tra le fertili campagne nord­occidentali di Palermo, comprendeva in origine fondi di...

Costanza d’Altavilla, da monaca a regina

La regina Costanza d’Altavilla è stata senza alcun dubbio una delle grandi donne di Palermo che hanno fatto la nostra storia.Le cronache, scritte evidentemente...