Home eventi - www.palermoviva.it Visita alla camera delle Meraviglie

Visita alla camera delle Meraviglie

13 luglio 2024

Una giornata di visita alla Camera delle Meraviglie, “una stanza unica al mondo”
Sabato 13 luglio 2024 dalle 10 alle 18
via Porta di Castro 239, Palermo

Per partecipare alle visite è necessario acquistare i ticket in anticipo. Ticket: € 10 (bimbi 5/10 anni €5)
Infoline: 320.7672134 – 392.8888953 eventi@terradamare.org

Lo scrigno, nascosto in un palazzo tra le strade dell’Albergheria, nei pressi del mercato di Ballarò e nell’aria dell’antico letto del fiume Kemonia, torna visitabile grazie a Terradamare e alla famiglia Cadili-Giarrusso, i proprietari della dimora ottocentesca che nel 2003, durante la ristrutturazione dell’abitazione, ne scoprirono le pareti blu nascoste da strati d’intonaco.

La Camera delle Meraviglie

Gli infiniti fili che legano la Sicilia al mondo musulmano, sembrano snodarsi in questa stanza magica a due passi da Palazzo Reale e San Giovanni degli Eremiti
Tutto comincia nel 2003, quando i proprietari dell’appartamento, i giornalisti Valeria Giarrusso e Giuseppe Cadili iniziano i lavori di restauro dell’abitazione e scoprono, scrostando l’intonaco da una parete danneggiata a causa di un’infiltrazione di acqua, scoprono la decorazione sottostante con caratteri arabi in oro e argento su fondo blu. Anche la volta è decorata, sono raffigurate le lucerne che potrebbero evocare, ai più piccoli, la favola di “Aladino”.
L’illustre restauratore Franco Fazzio, si accorge che anche le porte della stanza erano dipinte. Per averne certezza scientifica, il radiologo dell’UNESCO, Giuseppe Salerno, effettua una tac su una di tali porte e individua, sotto diversi strati di vernice, un disegno ancora più ricco di quello al momento visibile, realizzato seguendo il rilievo delle pennellature originarie.
L’enigma, infine, è stato decifrato da due professori dell’IOA, l’Istituto di Lingue orientali e asiatiche dell’Università di Bonn.

L’interpretazione della frase, ripetuta come un mantra su tutte le pareti, è questa «Sia lodato Dio, niente è simile a Lui». Anche le lucerne, dipinte sul soffitto, hanno un profondo significato spirituale, perché  sarebbero la concettualizzazione della sūra, la luce nel Corano.
Questa simbologia, così sofisticata, fa pensare ad un committente particolarmente vicino alla cerchia dell’arabista Michele Amari. L’edificio che contiene la “Camera delle Meraviglie”, in quel periodo, apparteneva ad un personaggio di spicco dell’epoca: Stefano Sammartino, duca di Montalbo, Ministro delle Finanze e Capo della Polizia dei Borbone. Uomo di grande sensibilità e potrebbe essere stato il committente di questa stanza della meditazione. Il numero sette, legato a quella particolare spiritualità, ricorre nella simbologia della “cubola”: le scritte sono disposte su sette righe, sette sono le lucerne su ogni lato della volta e sette sono le aperture dell’ambiente.

Il blu che avvolge l’osservatore, le sue dimensioni, la bellezza delle volute calligrafiche, che hanno affascinato diversi critici, docenti universitari, esperti d’arte e  studiosi di tutto il mondo, tra cui anche Vittorio Sgarbi, rendono la stanza unica al mondo.
Una visita, condotta dallo stesso proprietario, in cui vengono raccontate le fasi del suo fortunato ritrovamento, la storia del palazzo e il suo collegamento con le evoluzioni urbanistiche della città

Data

13 Lug 2024
Expired!

Costo

€ 10 (bimbi 5/10 anni €5)

Luogo

camera delle Meraviglie (Pa)
Categoria

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.