Guerra ai frittolari

Autore:

Categoria:

13,358FansLike
478FollowersSegui
583FollowersSegui

Street food_frittolaroLa Polizia Municipale si accanisce contro la vendita di interiora (frittola, meusa, stigghiola e altro…)

Mano pesante della Polizia Municipale di Palermo contro i venditori ambulanti di frittola, stigghiola, meusa, musso e interiora di animali.
Con questa iniziativa si intende conservare la linea dei cittadini panormiti, molto propensi – per tradizione e per leccumaria – a cibarsi di queste prelibatezze. In pratica senza le pur rispettabili indicazioni della chiesa palermitana – che di solito invita i fedeli durante  il periodo quaresimale ad astenersi dalle classiche abbuffate fuori controllo –   il comando dei vigili vuole reprimere uno stile alimentare che piazza ai primi posti  – per una ricerca  bizzarra  – a livello mondiale i cittadini palermitani.

La ricerca effettuata all’OSM (Organizzazione  Mondiale della Sanità) consiste nel misurare il girovita dei maschi di età compresa fra i 30 e i 50 anni.
Finalmante!! Era l’ora di vedere i palermitani piazzarsi nei primi posti di una classifica che conta. Addirittura, due vigilesse – immortalate il 6 marzo sotto i portici di via Ruggero Settimo – molto solerti e ligie al dovere, hanno ritenuto di dover controllare se il banchetto posizionato da parte dell’Associazione Donatori di Midollo Osseo, con tanto di colombe per raccogliere fondi a favore della stessa Associazione,   avesse i requisiti e i permessi per stare lì.
Il tutto dovuto ad una cattiva interpretazione dell’ordinanza municipale che riportava testualmente:  “Controllare a tappeto tutti gli ambulanti abusivi che vendono o promuovono frattaglie e interiora“. Molto probabilmente il non avere specificato che si trattasse di frattaglie e interiora di origine animale è alla base della solerzia che ha indotto le vigilesse ad accanirsi contro i volontari dell’Associazione Donatori di Midollo Osseo.

Giuseppe Compagno

Ti è piaciuto? Condividilo con gli amici!

Rimani aggiornato su Telegram

Redazione
Redazione
Un gruppo di persone accomunate dalla passione per la Sicilia, ma sopratutto per Palermo, con la sua storia millenaria, la sua cultura unica e le sue molte, moltissime sfaccettature.

2 COMMENTI

  1. Già, mio omonimo, e tutto finisce nel nulla! Le nuove mafie e i nuovi mafiosi prendono lo stipendio sicuro! E nessuno li può licenziare… dopo la lingua, ci stanno togliendo la nostra anima, così non ci sarà più nemmeno la voglia di autodeterminazione che è un ricordo che va svanendo.

  2. Evviva gli sceriffi! Ma quanto godranno a vietare, a proibire, ma soprattutto a multare la gente che lavora ! E poi loro si fanno timbrare il cartellino dal collega di turno… e tutto finisce nel nulla!

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

Ti potrebbe interessare anche...

Il Giapponismo: Come Palermo scoprì l’Oriente

Il ventaglio dipinto nella Palermo Fin de Siècle tra accessorio moda, oggetto artistico e modello decorativo. Che Palermo non fosse solo arabo – normanna e...

Vaccini per gli over 50, via alle prenotazioni

Dalle ore 20 di giovedì 6 maggio in Sicilia chi ha tra 50 e 59 anni potrà effettuare la prenotazione per la vaccinazione sulla piattaforma...

Pedonalizzazione del lungomare di Mondello

Modalità di pedonalizzazione del lungomare di Mondello. La pedonalizzazione sarà articolata in due fasi. Dal 15 giugno, sarà pedonale il tratto di via Regina Elena...

Certificazioni verdi Covid-19, cosa sono e come ottenerli

Il nuovo  decreto del Governo, con le novità legislative applicabili al 26 aprile in materia di contrasto alla diffusione del Coronavirus, introduce la tanto attesa Certificazione Verde...

La stagione balneare in Sicilia apre i battenti

La stagione balneare in Sicilia aprirà i battenti domenica 16 maggio,  lo stabilisce un’ordinanza del presidente della Regione Siciliana Nello Musumeci. Nei giorni precedenti sarà...

Le proprietà degli alimenti secondo la medicina popolare siciliana

È la scienza della nutrizione che si occupa dello studio sulle proprietà degli alimenti, ma una volta, era la medicina popolare siciliana che aveva...