I nettascarpe, pezzetti di storia quasi dimenticati

Nei centri storici siciliani è facile imbattersi in curiosi arnesi di ferro che spuntano dai marciapiedi. Di cosa si tratta?

Autore:

Categoria:

Passeggiando per il centro storico di Palermo, ma anche negli altri centri storici siciliani, non è raro imbattersi in dei curiosi arnesi metallici piantati per terra, di solito in prossimità degli ingressi dei palazzi più antichi. Cosa sono queste piccole lamine fissate ai marciapiedi o alle pareti degli edifici?

Ecco a cosa servivano i cosiddetti nettascarpe.

Come dice il nome stesso, questi curiosi oggetti, noti anche come “gratta scarponi”, sono considerabili come gli antenati degli zerbini. Venivano dunque utilizzati per pulirsi le scarpe prima di entrare in un edificio.
Per capirne l’effettiva utilità, bisogna pensare che al tempo della loro diffusione (dalla fine del ‘700 ai primi del ‘900) molte delle strade cittadine non avevano asfalto o basolato, quindi la terra che le ricopriva tendeva ad attaccarsi alle scarpe, specialmente durante le giornate di pioggia.

Oltretutto il fango non era la cosa peggiore che si poteva calpestare, visto che le strade più trafficate dalle carrozze erano spesso ricoperte dallo sterco dei cavalli che le affollavano.

Era quindi necessario passare le suole sul nettascarpe, per eliminare la maggior parte del fango (e del resto) prima di entrare in un palazzo, specie se per recarsi al cospetto di un nobile.

Tuttavia questi arnesi, di solito fatti in ghisa o ferro, non erano in uso solo nei palazzi nobiliari. Anche le case più povere ne avevano uno all’ingresso, soprattutto tra le famiglie di contadini per le quali risultava molto comodo poter grattare via il fango degli scarponi dopo una giornata in campagna, anzi in alcuni paesi qualcuno li usa ancora oggi.

Ovviamente le case più ricche potevano permettersi dei nettascarpe più elaborati, in alcuni casi dei veri e propri capolavori artistici. Ma anche quelli più poveri e “classici” svolgevano benissimo la loro funzione, che in genere veniva completata poi dall’uso di un raschietto e una spazzola.

Purtroppo, con l’ammodernamento delle città, molti di questi piccoli pezzi di storia stanno scomparendo per sempre. Per fortuna alcuni restauri intelligenti decidono di mantenere i nettascarpe come testimonianza di vita passata. Fate solo attenzione a non inciamparci sopra. 😉

Ti è piaciuto l'articolo? Condividilo con i tuoi amici!

Rimani aggiornato con la cultura...

12,815FansLike
478FollowersSegui
567FollowersSegui
Samuele Schirò
Samuele Schirò
Direttore responsabile, redattore e fotografo di Palermoviva. Amo Palermo per la sua storia e cultura millenaria.

1 COMMENTO

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

Ti potrebbe interessare anche...

Borghi dei Tesori. Nasce il network di 42 piccoli comuni siciliani sotto l’egida delle Vie dei Tesori

PALERMO. Dai siti archeologici alle fortezze saracene, dalle miniere abbandonate alle concerie fantasma, dai castelli aggrappati al cielo agli acquedotti seminterrati, dagli ipogei ai...

Ma quanto è buono il pane a Palermo!?

Il pane è buono dappertutto, e in ogni luogo ha la sua forma, il suo sapore, la sua tradizione. Come non ricordare il famoso...

Un anno di Covid

Esattamente un anno fa, il 25 febbraio 2020, abbiamo avuto in Sicilia il primo caso di coronavirus, una turista bergamasca in visita a...

Le Catacombe dei Cappuccini

Chi visita il cimitero sotterraneo dei Cappuccini si appresta a compiere un viaggio a ritroso nel tempo e nello spazio, certo, ma soprattutto in...

Pasta al ragù siciliano

Quando ero bambina uno degli odori che mi svegliava nelle fredde domeniche d’inverno era quello del “ragù siciliano”. Mamma si alzava alle sei del mattino...

La Sicilia torna in zona gialla

Da lunedì mattina la Sicilia sarà zona gialla. Nessuna deroga per domenica di San Valentino come chiedeva il governatore Musumeci. Il cambiamento rispetto alla...