Morti sospetti all’Ospedale Ingrassia di Palermo

Autore:

Categoria:

15,943FansLike
478FollowersSegui
580FollowersSegui

ingrassiaSei morti in 48 ore a seguito intervento di chirurgia ortopedica
Non si ferma la carneficina all’ospedale Ingrassia di Palermo, 6 morti sospette in 48 ore a seguito di un intervento di chirurgia ortopedica.
ANIO – Associazione Nazionale per le infezioni Ossee, in data odierna viene a conoscenza di 6 morti sospette per intervento di chirurgia ortopedia, una nostra conoscente viene ricoverata giorno 31 gennaio per una frattura al femore, operata a distanza di 4 giorni, decede il 15.02.2017.
In camera mortuaria, la stessa giornata cerano altre 5 salme che avevano avuto lo stesso iter, ovvero:
operati in ortopedia, spostati per la complicazione di polmonite a distanza di pochi giorni e deceduti subito dopo. Riteniamo inammissibile che non siano scattati i controlli da parte del ministero della salute, ritenendo questi accadimenti avversi che vanno segnalati in un apposito registro, e chiediamo inoltre limmediato intervento della magistratura per fare luce su questa emorragia senza fine, in una struttura che da anni è nel mirino delle statistiche nazionali per il maggiore numero di morti a seguito interventi di chirurgia ortopedica.
Il Segretario Nazionale di ANIO Girolamo Calsabianca non è accettabile una realtà del genere, vogliamo chiarezza e lintervento immediato della regione e del ministero della salute. Le fratture di femore nei soggetti a rischio vanno operate entro 48 ore e non dopo 4 giorni – non è ammissibile che si debba morire per una frattura al femore, e che addirittura il conseguirsi di più decessi in pochi giorni non attivi la direzione ad un controllo per valutare se è necessario una decontaminazione del reparto o del sito operatorio. Chiediamo chiarezza immediata e giustizia civica.

La segreteria Nazionale ANIO
Il segretario Nazionale
Girolamo Calsabianca

Ti è piaciuto? Condividilo con gli amici!

Rimani aggiornato su Telegram

Redazione
Redazione
Un gruppo di persone accomunate dalla passione per la Sicilia, ma sopratutto per Palermo, con la sua storia millenaria, la sua cultura unica e le sue molte, moltissime sfaccettature.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

Ti potrebbe interessare anche...

Come partecipare al X Premio Nazionale di Poesia “L’arte in versi”

Ancora due mesi per partecipare al X Premio Nazionale di Poesia “L’arte in versi” Ci sono ancora due mesi di tempo per aderire alla decima...

Villa Branciforti di Butera a Bagheria

STORIA                   Don Giuseppe Branciforti, principe di Pietraperzia e conte di Raccuja, deputato del regno, già pretore di Palermo ed esponente di uno dei maggiori casati...

Il giardino della Cuncuma a Palermo

Forse oggi è una rarità poter ascoltare la parola Cuncuma in un discorso comune tra le nuove generazioni, giocoforza la lentissima ma inesorabile scomparsa...

Carusi, addevi e picciriddi: i bambini in Sicilia

Sono molti i modi in cui chiamiamo i bambini in Sicilia. Dipende dalle diverse province dell’isola dove il termine bambino cambia, pur mantenendo lo...

La Sala delle Donne

A Palermo in passato non erano molti i luoghi pubblici dedicati solo alle donne. Eppure pochi sanno che ve ne era uno in particolare...

Jack Churchill: L’ufficiale che sbarcò in Sicilia con arco e spada

Che qualcuno sia sbarcato in Sicilia armato di spada, arco lungo e frecce, non è certo una novità nella storia millenaria della nostra isola....