Non bruciamo i rifiuti!

Autore:

Categoria:

L´incendio della spazzatura è un vero e proprio attentato alla salute.
Forse si pensa che sia meglio respirare il fumo della spazzatura bruciata piuttosto che la puzza della spazzatura che marcisce al sole, ma non è così, i residui degli alimenti in putrefazione favoriscono il proliferare di germi è vero, o dei cosiddetti “vettori di malattie”, scarafaggi, mosche, topi,  che possono trasportare microbi ovviamente dannosi per  l’uomo, ma tutto questo è meno grave della diossina che viene prodotta con l’incendio dei cassonetti,  che aumenta significativamente il livello di rischio-tumori, avvelena i terreni e l’acqua e provoca numerose malattie e poi l’ effetto serra, il buco dell’ozono.
La combustione dei rifiuti è molto pericolosa, capiamo la disperazione della popolazione che vede sotto casa valanghe di spazzatura puzzolente, vede invadere le proprie strade, ostruire il passaggio ai propri portoni di abitazione,  ma non bruciamola!
Le sostanze nocive liberate sono capaci di provocare bruttissime malattie e favorirne delle altre.
L’ecosistema viene alterato con conseguenze disastrose per la vita dell’uomo.
Quello della raccolta dei rifiuti è un grosso problema per Palermo e lo sanno tutti, anche la nostra amministrazione comunale, che sta cercando, credo, la maniera migliore per affrontare tale emergenza, anche loro vivono a Palermo!
Aiutiamo anche noi Palermo a diventare più civile, contribuiamo anche nelle piccole cose a favorirne l’evoluzione.
Raccogliamo l’umido e buttiamolo in campagna
Favoriamo la raccolta differenziata della spazzatura
Non buttiamo carta sui marciapiedi o cicche per la strada
La città è la nostra casa, se tutti contribuiamo a mantenerla pulita sarebbe di certo più bella, più accogliente e più sana.

Ti è piaciuto? Condividilo con gli amici!

Rimani aggiornato su Telegram

Serafina Stanzione
Serafina Stanzione
Staff member. Redattrice, responsabile e curatrice della sezione dedicata agli Eventi a Palermo

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Ti potrebbe interessare anche...

Quando gli Zar si trasferirono a Palermo

Il 23 ottobre 1845 al porto di Palermo una folla di curiosi era accorsa per salutare, o forse meglio per vedere con i propri...

Spaghetti alla chitarra con funghi e prezzemolo

Gli spaghetti alla chitarra con funghi  e prezzemolo sono un primo piatto semplicissimo, fatto con pochissimi ingredienti e adatto in ogni occasione, dal pranzo domenicale alla...

Pasta al ragù siciliano

Quando ero bambina uno degli odori che mi svegliava nelle fredde domeniche d’inverno era quello del “ragù siciliano”. Mamma si alzava alle sei del mattino...

Giovanni Battista Sidoti, il prete “samurai” che tentò di convertire il Giappone

Durante il periodo Edo, quando il Giappone chiuse le sue frontiere nei confronti dell’Occidente, don Giovanni Battista Sidoti, un coraggioso prete palermitano, decise di...

Quando un pugno di ceci fece la storia della Sicilia

Sembrerà pure esagerato, ma dire che i ceci hanno fatto la storia siciliana è un semplice dato di fatto. Non solo questo cibo popolare...

Il castello di Maredolce

Situato alle pendici del Monte Grifone, nella periferia sud di Palermo, oggi quasi nascosto alla vista dalle costruzioni che lo circondano,  il castello di...