Palazzo Artale Tumminello

Alle spalle della sontuosa Cattedrale di Palermo, sul lato settentrionale di Piazzetta Sett'angeli sorge il sobrio ed elegante Palazzo del Marchese Artale

Autore:

Categoria:

15,943FansLike
478FollowersSegui
580FollowersSegui

Palazzo Artale Tumminello è una nobile dimora resa finalmente accessibile alle visite culturali e turistiche dagli attuali proprietari, dopo un lungo periodo in cui l’intero palazzo è stato oggetto di una importante campagna di restauro conservativo.


La storia
L’edificio, a cui si accede da un ampio portone, nel Settecento fu edificato fino al primo piano dai primi proprietari, gli Artale, poi nella seconda metà dell’Ottocento venne completato con una seconda elevazione e la copertura dall’ultimo proprietario, il Barone Tumminello, che lo acquistò precisamente nel 1878. L’immobile comprendeva più fabbriche ed anche una chiesetta, poi demolita ed inglobata nella struttura, che si sviluppavano per un lungo tratto della salita Artale, dove il palazzo ha mantenuto un altro ingresso con ampio giardino, una corta interna e la torre dell’acqua.

Il Palazzo

Quando, alla fine del XVIII sec. il Palazzo era sotto la proprietà di Giuseppe Artale Procobelli , Marchese di Collalto, alcune sale del Piano Nobile furono elegantemente decorate in stile neoclassico dagli artisti Giuseppe Renda e Francesco La Farina. Quest’ultimo, allievo del pittore Giuseppe Velasco,  mise in pratica nell’esecuzione dell’opera, i suoi stessi modelli stilistici e iconografici.
Gli episodi illustrati si rifanno alla  mitologia greca e si riferiscono alle scene più toccanti della guerra di Troia. Negli undici saloni visitabili e risanati dopo il restauro conservativo di quasi 8 anni, sono ancora oggi custoditi dipinti ed affreschi, arredi originali, mobili e oggetti dell’artigianato locale, e l’atmosfera ricreata è quella di un ambiente familiare e quotidiano della nobiltà sette-ottocentesca.
Non manca infine il Salone delle Feste ed un rigoglioso giardino d’inverno.

A Palazzo Artale Tumminello potrete scoprire il fascino, oltre delle sale o dell’alcova del marchese, anche di certi passaggi segreti o piccoli stanzini che usava la servitù per spostarsi velocemente tra i saloni e infine godere dai suoi balconi, di una inusuale e straordinaria vista sull’abside arabo-normanna della Cattedrale di Palermo.

VISITE GUIDATE

Ti è piaciuto? Condividilo con gli amici!

Rimani aggiornato su Telegram

Redazione
Redazione
Un gruppo di persone accomunate dalla passione per la Sicilia, ma sopratutto per Palermo, con la sua storia millenaria, la sua cultura unica e le sue molte, moltissime sfaccettature.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

Ti potrebbe interessare anche...

Come partecipare al X Premio Nazionale di Poesia “L’arte in versi”

Ancora due mesi per partecipare al X Premio Nazionale di Poesia “L’arte in versi” Ci sono ancora due mesi di tempo per aderire alla decima...

Villa Branciforti di Butera a Bagheria

STORIA                   Don Giuseppe Branciforti, principe di Pietraperzia e conte di Raccuja, deputato del regno, già pretore di Palermo ed esponente di uno dei maggiori casati...

Il giardino della Cuncuma a Palermo

Forse oggi è una rarità poter ascoltare la parola Cuncuma in un discorso comune tra le nuove generazioni, giocoforza la lentissima ma inesorabile scomparsa...

Carusi, addevi e picciriddi: i bambini in Sicilia

Sono molti i modi in cui chiamiamo i bambini in Sicilia. Dipende dalle diverse province dell’isola dove il termine bambino cambia, pur mantenendo lo...

La Sala delle Donne

A Palermo in passato non erano molti i luoghi pubblici dedicati solo alle donne. Eppure pochi sanno che ve ne era uno in particolare...

Jack Churchill: L’ufficiale che sbarcò in Sicilia con arco e spada

Che qualcuno sia sbarcato in Sicilia armato di spada, arco lungo e frecce, non è certo una novità nella storia millenaria della nostra isola....