Palazzo Francavilla

Nel pieno centro cittadino, ha ingresso sulla elegante via Ruggero Settimo e si affaccia su Piazza Verdi, di fronte al maestoso Teatro Massimo

Autore:

Categoria:

Aiutaci a far crescere la pagina con un semplice clic sul pulsante...Grazie

22,441FansLike
1,080FollowersSegui
633FollowersSegui

Il Palazzo Francavilla venne edificato nel 1783 fuori dalla cinta muraria che difendeva la città, dove era ancora la campagna palermitana. Oggi è invece nel pieno centro cittadino, ha ingresso sulla elegante via Ruggero Settimo e si affaccia su Piazza Verdi, di fronte al maestoso Teatro Massimo.
Nel 1801 il palazzo fu acquistato da Don Saverio Oneto e Gravina Duca di Sperlinga, nobile aristocratico del tempo che per motivi di salute era stato costretto a lasciare il suo palazzo di città e a trasferirsi in questa “Casa Grande” o “Casa Nobile” di campagna , al di là di Porta Maqueda.

Nel 1811 un discendente della famiglia, Don Giusesppe Oneto e Lanza Duca di Sperlinga, fece restaurare tutto l’immobile, rifare la facciata del palazzo di aspetto troppo semplice e modesto, modificare la disposizione degli interni e provvedere alla decorazione delle stanze del Piano Nobile.
Nel 1893 un altro erede dei Duchi di Sperlinga, Luigi Majorca e Mortillaro Conte di Francavilla, si impegnò nel ripristinare tutta la struttura il palazzo che aveva subito gravi danni durante i moti del 1860 e le insurrezioni del 1866 e un abbassamento del livello stradale per il riassetto delle vie su cui prospiceva.

Per questi interventi chiamò l’architetto Ernesto Basile già celebre per aver collaborato con il padre Giovan Battista Filippo Basile alla costruzione dell’antistante Teatro Massimo.

Il Basile, oltre alla facciata e ai due grandi atri, disegnò i mobili della sala d’ingresso, le vetrine dove sono tuttora esposti i vestiti delle dame e dei nobiluomini della famiglia ed arredò anche la galleria, arricchita dai motivi floreali Liberty deal pittore Giuseppe Enea.

Le volte dei vari saloni furono affrescate oltre che da Enea, anche da Rocco Lentini e Luigi Di Giovanni, considerati gli artisti più in vista del periodo. Tutto il Piano Nobile è un susseguirsi di saloni di rappresentanza, sale dal ballo, sale da pranzo e per finire c’è l’elegante giardino d’inverno che si affaccia nella corte interna.

Un fascino a parte aleggia all’interno della biblioteca Majorchiana disegnata dal Basile e realizzata dal mobilificio palermitano della Ditta Ducrot.

Gli attuali proprietari amano dire che “l’amore per l’arte è l’eredità più importante che hanno ricevuto dai propri avi”, i cui volti impreziosiscono le pareti della sala dei Medaglioni del Palazzo.
La grande opportunità di ammirare i tanti saloni del Piano Nobile e le opere d’arte che ancora vi si conservano, viene offerta dagli attuali proprietari che ancora lo abitano, solo occasionalmente e per gruppi selezionati che abbiano l’entusiasmo di riscoprire sia l’atmosfera culturale che si viveva a Palermo nel settecento sia quella fascinosa ed elegante del periodo Liberty.

Grazia Bellardita

Palazzo Francavilla – Via Ruggero settimo, 8, 90141 Palermo

 

Ti è piaciuto? Condividilo con gli amici!

Rimani aggiornato su Telegram

Grazia Bellardita
Grazia Bellardita
Architetto, esperto in Marketing Manager del Turismo Culturale ed in edilizia privata, ha fondato l’Associazione Turistico Culturale Itiner’ars

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Ti potrebbe interessare anche...

Quei ruderi a Palermo: curiosità e storia dei monumenti abbandonati

Quante volte hai incontrato dei ruderi a Palermo e ti sei chiesto cosa erano un tempo e perché sono stati abbandonati? Archi diroccati, portali...

Il mestiere delle Prefiche, pagate per piangere ai funerali

In questo frammento di ceramica attica risalente alla seconda metà del V Sec. a.C. è ritratta una donna che piange e si lamenta. Si...

Le “riparate dello Scavuzzo”: le pentite che non potevano diventare suore

Le “riparate dello Scavuzzo” chi erano queste donne che abitavano questa "Casa dello Scavuzzo”? Perché nella Palermo del XVII secolo vengono chiamate “riparate”? C’è...

Villa Arena Mortillaro ai “Petrazzi”

Villa Arena Mortillaro ai Petrazzi è un'antica dimora nobiliare di Palermo, che oggi purtroppo versa un cattivo stato. La storia La Piana dei Colli si estende...

Si dice del mese d’Aprile

Aprili, lu duci durmiri Aprili nè livari, nè mettiri: un vecchio proverbio siciliano constata come in questo mese sia dolce il dormire e consiglia agli...

La Real Casa dei Matti

La Real Casa dei Matti di Palermo, è l’istituto che precede la fondazione dell’ex Manicomio, che oggi è diventato sede dell’ASL di via La...