Traghetto: ecco come viaggiare in comodità

Autore:

Categoria:

Il traghetto rappresenta una soluzione ideale per vedere territori mai visitati e per raggiungere arcipelaghi e isole famose o località turistiche particolari. Se durante il viaggio si seguono determinati consigli, sarà possibile godersi al meglio il tempo trascorso durante il tragitto, stando comodi ed evitando problematiche di spazio o fastidi. Tra le accortezze da seguire vi è quella di non tirare fuori troppi oggetti dai propri bagagli, ma anche limitare il numero di questi ultimi e non solo.

Traghetto: le principali accortezze per viaggiare comodi

Viaggiare in traghetto è divertente e permette di esplorare tratte particolari, itinerari italiani e/o stranieri, visitando in questo modo territori meravigliosi. Per far sì che il proprio viaggio sia svolto nel massimo rispetto di ogni comfort, è possibile però fare attenzione a determinati dettagli. Prima di tutto, il fatto di optare per un vestiario semplice e comodo, ancora meglio se “a strati”, così se si avrà caldo, sarà possibile togliersi il giacchetto e/o i maglioncini e rimanere con indumenti più leggeri.

L’abbigliamento non dovrà essere eccessivamente ricco di fronzoli o di strascichi, né avere altri tipi di elementi che ostacolano il movimento. In più può essere opportuno, durante il viaggio, scegliere degli spazi non troppo ricercati, per avere una maggiore tranquillità quando si è a bordo. In questo modo tra l’altro si potrà anche evitare di sentire troppo chiasso.

Delle zone poco affollate per esempio potrebbero essere le poltroncine situate nel mezzo delle varie fila, o comunque né le prime poltrone, né le ultime.

Da aggiungere a tutto questo anche un altro consiglio, che consiste nell’evitare aree del traghetto in cui si concentra una maggiore intensità di luce, naturale o artificiale. Se infatti l’effetto luminoso dovesse essere esagerato, si potrebbe rischiare di provare fastidio durante la tratta, soprattutto se quest’ultima dovesse essere lunga.

Indipendentemente da questa, che può essere quella dei traghetti Genova Palermo, ma anche quella di diversi altri territori italiani o internazionali, è bene seguire quindi questi consigli, per viaggiare al massimo livello di comodità. Oltre a queste accortezze citate però ce ne sono anche altre da poter segnalare.

Gli altri aspetti da considerare per stare comodi

Per non avere problemi di spazio o per evitare che poi si smarrisca qualche oggetto, meglio lasciare tutto nei propri zaini, senza tirare fuori troppe cose durante il viaggio. In questo modo, non solo si starà più comodi, ma si eviterà anche di infastidire gli altri. Per una maggiore comodità poi non si deve dimenticare di evitare di portare con sé borse troppo pesanti oppure di avere un numero eccessivo di bagagli.

Da aggiungere a tutto questo anche il fatto di evitare di stare troppo al telefono quando si è a bordo, non solo per evitare di recare fastidio con la propria voce alta, ma anche per godersi al meglio l’esperienza. Comodità infatti vuol dire anche evitare di stressarsi, svagarsi e non avere fastidi di ogni tipo. Per questo, tenendo conto di tutti questi aspetti, si potrà essere rilassati e stare comodi mentre si viaggia in traghetto.

Ti è piaciuto? Condividilo con gli amici!

Rimani aggiornato su Telegram

Redazione
Redazione
Un gruppo di persone accomunate dalla passione per la Sicilia, ma sopratutto per Palermo, con la sua storia millenaria, la sua cultura unica e le sue molte, moltissime sfaccettature.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

Ti potrebbe interessare anche...

Il Santo Nero patrono di Palermo

Benedetto da San Fratello, noto soprattutto come San Benedetto il Moro, è uno dei patroni della città di Palermo. Ecco la sua storia straordinaria. Percorrendo...

La Madonna della Purità di Palermo

A Palermo la Madonna che mi ha affascinato di più, oltre all'Annunciata di Antonello da Messina, è la Madonna della Purità. L' ho sempre...

Zuppa di lenticchie

La potete gustare al naturale con dei crostini di pane abbrustolito o passarla nel passaverdure per ottenere una delicata vellutata o aggiungendo della pasta...

Le liccumarie palermitane

gelato, arancine, babbaluci, lumache, pane fritto, granita, panelle, cotognata, iris fritta, pignoccata, quaresimali, gelato di campagna

Via Saverio Scrofani

La via Scrofani va da via Sampolo a via Libertà. È intitolata all’economista Saverio Scrofani, nato a Modica nel 1756 e morto a Palermo nel...

Oratorio di Santa Caterina D’Alessandria

L'Oratorio di Santa Caterina D'Alessandria, dal 1946 sede dell'Ordine dei Cavalieri Gerosolimitani del Santo Sepolcro, si trova in via Monteleone, la strada che da...