Chiesa dell’Immacolata Concezione

Autore:

Categoria:

16,020FansLike
478FollowersSegui
598FollowersSegui

Entrando da Porta Carini, una delle tre porte che si aprivano sul lato settentrionale della città antica, dovrete fare solo pochi passi sotto i tendoni colorati e le bancarelle di venditori ambulanti del mercato del Capo, e scoprirete un autentico gioiello del barocco fiorito palermitano, la Chiesa dell’Immacolata Concezione.

Facciata ChiesaL’austera e sobria facciata della chiesa, ispirata ai caratteri del primo barocco romano, non lascia immaginare il miracolo dell’interna magnificenza.
Preparatevi a stupirvi, visitatori che entrate in questa chiesa, qui lo sbalordimento supererà le più ardite immaginazioni. Allo stupore del visitatore si offre una spettacolare visione di marmi mischi, di stucchi, di pitture, di ferri forgiati e dorati, di statue e di colonne tortili in marmo rosso, che catturerà il vostro sguardo e desterà la vostra ammirazione. Al primo impatto sarete sopraffatti da tanta meraviglia, dal fasto raffinato del suo insieme e dei singoli capolavori d’arte, che portano le firme di insigni artisti. Un vero trionfo del barocco raccontato con linguaggio enfatico, immagine di un’epoca, quella della Controriforma, che trovò anche espressione nella fondazione di fastosi edifici religiosi, rappresentazione stessa del potere ecclesiale.

La Chiesa

La Chiesa dell’Immacolata Concezione al Capo, fu costruita tra il 1604 e il 1612 su progetto dell’architetto Orazio Lo Nobile, e in origine era annessa all’omonimo monastero benedettino, edificato nel 1576 dalla nobildonna Laura Imbarbara, moglie di don Sigismondo Ventimiglia (il suo sarcofago funerario è ancora conservato all’interno della chiesa).
Donna Laura Imbarbara fece donazione al novello monastero del suo palazzo e casa grande, ed estensione d’altre case in più corpi, con due giardini, cortili, terre ed altre case al pianterreno…”.  Così scrive il Di Giovanni nei primi decenni del seicento. Il monastero nel 1932 venne demolito assieme al Bastione d’Aragona per fare posto all’odierno Palazzo di Giustizia. Ciò che rimaneva fu distrutto nel corso dei bombardamenti aerei del 1943.
La realizzazione della chiesa della Concezione, richiese più di 140 anni di lavori e la ragguardevole spesa di 80.000 scudi d’oro (una vera follia). I lavori si ultimarono soltanto nel 1740 con la decorazione a fresco del soffitto affidata a Olivio Sozzi.

Architettura
Interno

L’edificio religioso è a pianta rettangolare ad unica navata, all’ingresso si trova il magnifico coro, sostenuto da quattro colonne binate opera di Giacomo Amato e Gaetano Lazzara.
Ma tutto l’apparato decorativo della chiesa ruota attorno all’altare maggiore, sovrastato dalla grande tela della “Immacolata Concezione” del 1637 opera del grande pittore monrealese Pietro Novelli, che, per valorizzare la sua opera, realizzò anche il cupolino ottagonale tutto a stucco che copre il vano presbiterale.

Statua 2Le pareti laterali mostrano fastose decorazioni marmoree che ricoprono interamente l’interno, e bellissime cappelle che si caratterizzano per lo straordinario connubio tra architettura e decorazione. Da ammirare i quattro paliotti ad intarsio marmoreo policromo di inimitabile effetto scenografico, raffinate opere di oreficeria marmorea la cui realizzazione si deve a geniali artisti siciliani con l’utilizzo di pietre dure, agate, lapislazzuli e vetri colorati veneti. Vittorio Amedeo di Savoia, re di Sicilia anche se solo per pochi anni, s’innamorò di questi incantevoli paliotti al punto di ordinarne due da mandare a Torino: chissà che fine hanno fatto.

Nell’andar via non trascurate però di abbassare gli occhi, potrete godere del pregevole pavimento della chiesa, tutto a marmi policromi commessi che formano un unico, raffinato e coloratissimo disegno geometrico. Preferisco non aggiungere altro, nella descrizione di questo luogo sacro, che ritengo sia meglio andare a vedere, così potrete assaporarlo con calma, lasciando che i vostri sensi facciano il resto.

Uscendo vi troverete in mezzo a un gran numero di botteghe, di banchi di frutta, di venditori di pesce e di mercanzie d’ogni genere che “abbanniano”, in netto contrasto con la fantasmagorica parata di oro e di marmi preziosi che avete appena ammirato nella chiesa della Concezione. Non abbiate fretta di andare via, godetevi questa atmosfera immergendovi tra la folla: in fondo anche questa è “arte”.

                                                                                            Nicola Stanzione

ORARI DI VISITA 

Lunedì | Martedì | Giovedì | Venerdì | Sabato |   9.00 – 17.00
Mercoledì | Domenica |  9.00 – 13.00
Info e contatti : info.immacolataconcezione@gmail.com

Contributo di visita €2.00/persona – €1.00/gruppo oltre le dieci persone e studenti di ogni grado.

Chiesa dell’Immacolata Concezione al Capo

Via Porta Carini, 38 – 90134 Palermo
Tel: 091328430

immacolata_concezione_putti_N

Ti è piaciuto? Condividilo con gli amici!

Rimani aggiornato su Telegram

Nicola Stanzione
Nicola Stanzione
Innamorato di Palermo ed esperto dei suoi palazzi storici, monumenti, usi, costumi e tradizioni

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

Ti potrebbe interessare anche...

La regina Bianca e il Gran Giustiziere: storia vera di una farsa

Quando un fatto storico colpisce in maniera particolare la fantasia del popolo, succede spesso che dalla vicenda venga tratta poi una farsa, soprattutto quando...

Giovanni Battista Sidoti, il prete “samurai” che tentò di convertire il Giappone

Durante il periodo Edo, quando il Giappone chiuse le sue frontiere nei confronti dell’Occidente, don Giovanni Battista Sidoti, un coraggioso prete palermitano, decise di...

La Chiesa scomparsa: “La Madonna di Piedigrotta alla Cala”

Ubicata sulla sponda sinistra della Cala, più o meno dove oggi è l'edificio del mercato ittico, si ergeva fino al 22 marzo del 1943,...

Via Maestri d’Acqua

La via Maestri d’Acqua va da piazzetta Montesanto a via Divisi. Con il nome di maestri d’acqua erano noti gli attuali fontanieri (o idraulici), che...

Rifugio antiaereo della Seconda Guerra Mondiale

Sotto Piazza Pretoria, con ingresso da "Palazzo Pretorio" si trova un rifugio antiaereo sotterraneo che risale alla seconda guerra mondiale. I rifugi antiaerei noti anche...

Rua Formaggi

La rua Formaggi va dalla salita Raffadali e dalle vie Nino Basile e dell’Università alla Piazzetta Ballarò. Si tratta di una delle vie più antiche...