Pif: il testimone scomodo

Autore:

Categoria:

Di libri, film e storie sulla mafia se ne conoscono a bizzeffe, eppure stupisce l’originalità del primo film di Pif, al secolo Pierfrancesco Diliberto, dall’emblematico titolo “La mafia uccide solo d’estate”. Il neo-regista palermitano, alla sua prima esperienza anche da attore sul grande schermo, vuole raccontare gli anni più famosi della mafia siciliana, quelli della guerra tra le famiglie, con il suo stile ironico e la sua satira sottile e geniale. Il mafioso di Pif, non è il temibile gangster tutto soldi e successo che il cinema americano ha dipinto, bensì il contadinotto tarchiato che ha problemi a stare al passo con i tempi, una figura grottesca e allo stesso tempo verosimile che stravolge gli stereotipi su Cosa Nostra, specie quelli d’oltreoceano. Così rivive un pezzo di storia siciliana, tristemente conosciuta da tutti, ma rivista in chiave realistica, mettendo da parte le idealizzazioni ed i punti di vista. Per questo Pif, in questo film, si conferma un “Testimone”, forse a volte scomodo, ma che, discostandosi dal ruolo di cantastorie, ci narra un racconto reale che immedesima ed emoziona come solo la verità sa fare.

L’arte di raccontare che Pif ha dimostrato nella sua trasmissione “Il testimone”, adesso si mostra nella sua forma più ampia, in un lungometraggio cinematografico che si rende portatore di una verità parallela a quella che siamo abituati a conoscere.

Samuele Schirò

Guarda il trailer

Ti è piaciuto? Condividilo con gli amici!

Rimani aggiornato su Telegram

Samuele Schirò
Samuele Schirò
Direttore responsabile e redattore di Palermoviva. Amo Palermo per la sua storia e cultura millenaria.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

Ti potrebbe interessare anche...

I misteri della Palermo esoterica

Cosa pensereste se vi dicessi che in luoghi famosi di tutta Palermo, vi sono dei messaggi nascosti, destinati ad occhi esperti che ne sanno...

L’ultimo matrimonio reale a Palermo (video)

Le porte e i cancelli di palazzo d’Orlèans si riaprirono l'8 aprile del 1931 per un evento destinato a richiamare l’attenzione della stampa internazionale...

Palazzo Santa Croce – Sant’Elia

Palazzo Santa Croce - Sant'Elia è nato su un frammento di tessuto urbano di matrice medievale, con un ampio cortile dove don Vincenzo, una...

Pasta con crema di zucca, speck, granella di mandorle e pistacchi

In autunno in Sicilia è facilissimo trovare zucche in abbondanza. Versatile, leggera, buona, la zucca viene cucinata in tanti modi, fritta, al forno, cotta a...

Taralli siciliani

I Taralli sono dolci tradizionali siciliani ricoperti di glassa di zucchero al limone, morbidi, profumati e aromatizzati all’anice. In Sicilia li troviamo in tutti i panifici e...

Piazza Giuseppe Verdi (o Massimo)

La piazza Giuseppe Verdi, anche conosciuta come piazza Massimo, si trova tra le vie Maqueda, Rossini, Donizetti, Favara, Mura di S. Vito, Volturno, Pignatelli...