Dolore addominale: che fare?

Aggiornato al:

Autore:

Categoria:

Aiutaci a far crescere la pagina con un semplice clic sul pulsante...Grazie

22,309FansLike
1,064FollowersSegui
633FollowersSegui

Perché avviene il dolore addominale?

Il dolore addominale può venire direttamente da un organo interno  (dolore viscerale puro), diffondersi a distanza (dolore riferito viscero-parietale) o infine provenire da una  infiammazione che interessa una parte o per intero la membrana che avvolge i visceri addominali (dolore peritoneale).

Quali le possibili cause di dolore addominale:

Distensione dei visceri per aumento della pressione interna (di solito per una forma di occlusione); spasmi muscolari, stiramenti di legamenti, compressione di tronchi nervosi sensitivi, processi infiammatori,  ischemia (mancato apporto di sangue) infarto addominale con necrosi.

Come distinguere il dolore addominale:

mal di pancia

Il dolore viscerale puro è profondo, intermittente a crampi (dolore a doglie). Non sempre si riesce a darne una precisa localizzazione e spesso s’indica con incertezza la linea mediana dell’addome. La leggera palpazione della parete addominale non provoca resistenza e dolore. Quando è intenso, il dolore viscerale può causare nausea, vomito, sudorazione e modificazioni della frequenza cardiaca (tachicardia o bradicardia).
In pratica questo tipo di dolore compare quando i muscoli di organi viscerali tentano di forzare un ostacolo (es. nelle coliche biliari, nelle coliche pancreatiche, nelle coliche renali, nelle occlusioni intestinali, etc).

Il dolore riferito viscero-parietale insorge per stimoli dolorosi di una certa entità, ed è, di solito, coesistente con uno stato infiammatorio. Questo tipo di dolore può proiettarsi anche a distanza dalla zona infiammata,  e abitualmente si avverte nella zona laterale e non centrale. Tipici sono quelli in basso e a destra della parete addominale (nella zona inguinale) nell’appendicite acuta senza peritonite, quelli alla spalla ed alla regione scapolare destra  frequenti nelle colecistiti acute, quelli al testicolo nella calcolosi reno-ureterale.

Il dolore peritoneale (peritonite) parte dalle terminazioni nervose del peritoneo che è la membrana che avvolge la cavità ed i visceri addominali. Il dolore può essere localizzato o diffuso a tutto l’addome se la patologia ha irritato buona parte del peritoneo (pus o secrezioni in addome). Il dolore è legato all’infiammazione ed è molto intenso, specie in corrispondenza del focolaio d’infezione. Si accompagna a rigidità della parete addominale alla palpazione e ad arresto dei movimenti intestinali. Chi ne soffre preferisce stare immobile per non sentire dolore, ha un respiro superficiale,  spesso ha la febbre e presenta l’alvo chiuso a feci e gas.

In ogni caso, il dolore è intenso può condurre a perdita di coscienza e in questi casi è meglio rivolgersi subito al medico o recarsi al Pronto Soccorso.

Se l'articolo ti è piaciuto, condividilo!

Disclaimer

I contenuti degli articoli, per quanto frutto di ricerche accurate, hanno uno scopo esclusivamente informativo e non sostituiscono in alcun modo l’intervento o l’opinione del medico o la sua diagnosi in relazione ai casi concreti. Tutte le terapie, i trattamenti ed i consigli di qualsiasi natura non devono essere utilizzati a scopo diagnostico o terapeutico per qualsiasi malattia o condizione psicofisica. Conseguentemente si consiglia in ogni caso di contattare il medico di fiducia.

Saverio Schirò
Saverio Schiròhttps://gruppo3millennio.altervista.org/
Appassionato di Scienza, di Arte, di Teologia e di tutto ciò che è espressione della genialità umana.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Ti potrebbero interessare...