Il Cartoccio siciliano

Il Cartoccio rappresenta uno dei prodotti tradizionali della pasticceria siciliana, anche se a Palermo se ne fa un grande uso, specialmente a colazione accompagnato da un buon caffè.

Autore:

Categoria:

13,528FansLike
478FollowersSegui
576FollowersSegui

Il Cartoccio rappresenta uno dei prodotti tradizionali della pasticceria siciliana, anche se a Palermo se ne fa un grande uso, specialmente a colazione accompagnato da un buon caffè. Insieme all’ Iris, il cartoccio fa parte della rosticceria dolce palermitana, una vera e dolce goduria per il palato.
Ma cos’è il cartoccio siciliano? Non è altro che un cannolo di pan brioche rigorosamente fritto, passato nello zucchero e farcito con crema di ricotta e gocce di cioccolato.

Ingredienti

  • Farina 00 500 g
  • Strutto 40 g
  • Zucchero 40 g
  • Latte 250 ml
  • Sale 1 pizzico
  • Lievito Di Birra Fresco 20 g
  • olio di semi per friggere

Ripieno

  • Ricotta Di Pecora 400 g
  • Zucchero 200 g
  • Gocce Di Cioccolato Fondente q.b.

     

    Per ottenere i cartocci, dovrete procurarvi dei cannoli d’acciaio

    Fate colare la ricotta dentro un colino a maglie strette, in modo da risultare più asciutta. Dopo circa un ora aggiungete lo zucchero e mescolatelo bene fino ad  ottenere una crema soffice e senza grumi. Fate riposare in frigo.
    Trascorso il tempo necessario, mettete la farina in una ciotola, aggiungete lo zucchero al centro e aggiungete il lievito sciolto nel latte appena tiepido. Continuate con  lo strutto e  se l’impasto e troppo duro, un altro po’ di  latte aggiunto poco alla volta. In ultimo unite il sale e continuate ad impastare su un piano di lavoro leggermente infarinato. Impastate bene fino a che risulti liscio e compatto. Coprite con un canovaccio e mettetelo a lievitare in luogo tiepido. Fate lievitare fino al raddoppio.
    A questo punto dividete l’impasto in piccoli pezzi di circa 100 gr ciascuno formando delle palline che farete ancora riposare e lievitare  per almeno 30 minuti.
    Prendete adesso ogni pallina e allungatela ricavando  un cordoncino da ogni impasto di circa 40 cm. Avvolgere la pasta brioche intorno ai tubolari per cannoli, imburrati facendo tre giri e lasciare riposare ancora per un’altra ora distanziandoli uno dall’altro fino al loro raddoppio. Mettete l’olio di semi in una casseruola e friggete i vostri cartocci uno per uno, metteteli in una pirofila con carta assorbente.
    Appena saranno tiepidi rimuovete il cilindro dall’interno dei cartocci e farcite  con la crema di ricotta

    Passateli nello zucchero semolato e serviteli.

     

Ti è piaciuto? Condividilo con gli amici!

Rimani aggiornato su Telegram

Serafina Stanzione
Staff member. Redattrice, responsabile e curatrice della sezione dedicata agli Eventi a Palermo

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

Ti potrebbe interessare anche...

La storia della manna in Sicilia

La storia della manna in Sicilia ha radici molto antiche, risalgono probabilmente agli arabi che importarono nella "terra del sole" i frassini da manna,...

Villa Trabia

Com'è abbastanza noto, sin dal XVII secolo presso l'aristocrazia siciliana, che possedeva già sontuosi palazzi a Palermo, si era affermata la consuetudine di costruire...

Bonus cultura: una guida per aiutare i diciottenni a capire come utilizzarlo

Come usare il bonus Cultura 18app? È un'iniziativa del Ministero per i giovani ed è dedicata a promuovere la cultura! Se sei nato nel 2002 e...

Chiesa del Carmine: dentro il cuore di Ballarò

Quante volte, da ragazzo, sono passato davanti al portone della chiesa del Carmine senza accorgermi della sua esistenza? Gli anni della prima adolescenza, quando...

L’urna con le ossa di Santa Rosalia

Fra qualche giorno ricorrerà il 397° festino della nostra amatissima patrona Santa Rosalia, ma anche quest’anno ci toccherà rinunciare alla sfilata del carro trionfale...

Rosalia Sinibaldi “la Santuzza”, Signora di Palermo

Rosalia Sinibaldi non è soltanto un’immagine ritratta in uno dei quadri presenti all’interno della Galleria Regionale di Palazzo Abatellis, né una rappresentazione lapidea che...