Il Cartoccio siciliano

Il Cartoccio rappresenta uno dei prodotti tradizionali della pasticceria siciliana, anche se a Palermo se ne fa un grande uso, specialmente a colazione accompagnato da un buon caffè.

Autore:

Categoria:

Il Cartoccio rappresenta uno dei prodotti tradizionali della pasticceria siciliana, anche se a Palermo se ne fa un grande uso, specialmente a colazione accompagnato da un buon caffè. Insieme all’ Iris, il cartoccio fa parte della rosticceria dolce palermitana, una vera e dolce goduria per il palato.
Ma cos’è il cartoccio siciliano? Non è altro che un cannolo di pan brioche rigorosamente fritto, passato nello zucchero e farcito con crema di ricotta e gocce di cioccolato.

Ingredienti

  • Farina 00 500 g
  • Strutto 40 g
  • Zucchero 40 g
  • Latte 250 ml
  • Sale 1 pizzico
  • Lievito Di Birra Fresco 20 g
  • olio di semi per friggere

Ripieno

  • Ricotta Di Pecora 400 g
  • Zucchero 200 g
  • Gocce Di Cioccolato Fondente q.b.

     

    Per ottenere i cartocci, dovrete procurarvi dei cannoli d’acciaio

    Fate colare la ricotta dentro un colino a maglie strette, in modo da risultare più asciutta. Dopo circa un ora aggiungete lo zucchero e mescolatelo bene fino ad  ottenere una crema soffice e senza grumi. Fate riposare in frigo.
    Trascorso il tempo necessario, mettete la farina in una ciotola, aggiungete lo zucchero al centro e aggiungete il lievito sciolto nel latte appena tiepido. Continuate con  lo strutto e  se l’impasto e troppo duro, un altro po’ di  latte aggiunto poco alla volta. In ultimo unite il sale e continuate ad impastare su un piano di lavoro leggermente infarinato. Impastate bene fino a che risulti liscio e compatto. Coprite con un canovaccio e mettetelo a lievitare in luogo tiepido. Fate lievitare fino al raddoppio.
    A questo punto dividete l’impasto in piccoli pezzi di circa 100 gr ciascuno formando delle palline che farete ancora riposare e lievitare  per almeno 30 minuti.
    Prendete adesso ogni pallina e allungatela ricavando  un cordoncino da ogni impasto di circa 40 cm. Avvolgere la pasta brioche intorno ai tubolari per cannoli, imburrati facendo tre giri e lasciare riposare ancora per un’altra ora distanziandoli uno dall’altro fino al loro raddoppio. Mettete l’olio di semi in una casseruola e friggete i vostri cartocci uno per uno, metteteli in una pirofila con carta assorbente.
    Appena saranno tiepidi rimuovete il cilindro dall’interno dei cartocci e farcite  con la crema di ricotta

    Passateli nello zucchero semolato e serviteli.

     

Ti è piaciuto l'articolo? Condividilo con i tuoi amici!

Rimani aggiornato con la cultura...

12,151FansLike
478FollowersSegui
567FollowersSegui
Serafina Stanzione
Serafina Stanzione
Staff member. Redattrice, responsabile e curatrice della sezione dedicata agli Eventi a Palermo

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

Ti potrebbe interessare anche...

Emergenza freddo! Attivo nuovo numero telefonico per aiutare i senzatetto della città

Emergenza freddo! Per i cittadini che volessero segnalare la presenza di persone senza dimora che necessitano di assistenza, è sempre attivo h24 il numero della...

La storia del traffico a Palermo

Il traffico a Palermo è sempre stato una “piaga terribile”, per citare un famoso film di Roberto Benigni. Sebbene oggi la situazione del centro...

Bonus Luce – Gas – Acqua

Dal 1° gennaio 2021 i bonus sociali per disagio economico sono riconosciuti automaticamente ai cittadini/nuclei familiari che ne hanno diritto, senza che questi debbano...

Caponata di carciofi

I carciofi sono ortaggi molto apprezzati e usati nella cucina siciliana. La Caponata di carciofi è una variante invernale della conosciutissima Caponata di melanzane...

La Chimica Arenella, storia di un’eccellenza perduta

Il nome di Chimica Arenella forse non dirà niente ai più giovani, mentre qualcuno forse ne ricorderà le vicende passate, purtroppo molto spesso costituite...

La chiesa nascosta sotto la Cappella Palatina

Dentro il Palazzo dei Normanni, fiore all’occhiello di Palermo, si trova la semi sconosciuta Chiesa di Santa Maria delle Grazie, spesso impropriamente scambiata per...