Il Cartoccio siciliano

Il Cartoccio rappresenta uno dei prodotti tradizionali della pasticceria siciliana, anche se a Palermo se ne fa un grande uso, specialmente a colazione accompagnato da un buon caffè.

Autore:

Categoria:

13,155FansLike
478FollowersSegui
577FollowersSegui

Il Cartoccio rappresenta uno dei prodotti tradizionali della pasticceria siciliana, anche se a Palermo se ne fa un grande uso, specialmente a colazione accompagnato da un buon caffè. Insieme all’ Iris, il cartoccio fa parte della rosticceria dolce palermitana, una vera e dolce goduria per il palato.
Ma cos’è il cartoccio siciliano? Non è altro che un cannolo di pan brioche rigorosamente fritto, passato nello zucchero e farcito con crema di ricotta e gocce di cioccolato.

Ingredienti

  • Farina 00 500 g
  • Strutto 40 g
  • Zucchero 40 g
  • Latte 250 ml
  • Sale 1 pizzico
  • Lievito Di Birra Fresco 20 g
  • olio di semi per friggere

Ripieno

  • Ricotta Di Pecora 400 g
  • Zucchero 200 g
  • Gocce Di Cioccolato Fondente q.b.

     

    Per ottenere i cartocci, dovrete procurarvi dei cannoli d’acciaio

    Fate colare la ricotta dentro un colino a maglie strette, in modo da risultare più asciutta. Dopo circa un ora aggiungete lo zucchero e mescolatelo bene fino ad  ottenere una crema soffice e senza grumi. Fate riposare in frigo.
    Trascorso il tempo necessario, mettete la farina in una ciotola, aggiungete lo zucchero al centro e aggiungete il lievito sciolto nel latte appena tiepido. Continuate con  lo strutto e  se l’impasto e troppo duro, un altro po’ di  latte aggiunto poco alla volta. In ultimo unite il sale e continuate ad impastare su un piano di lavoro leggermente infarinato. Impastate bene fino a che risulti liscio e compatto. Coprite con un canovaccio e mettetelo a lievitare in luogo tiepido. Fate lievitare fino al raddoppio.
    A questo punto dividete l’impasto in piccoli pezzi di circa 100 gr ciascuno formando delle palline che farete ancora riposare e lievitare  per almeno 30 minuti.
    Prendete adesso ogni pallina e allungatela ricavando  un cordoncino da ogni impasto di circa 40 cm. Avvolgere la pasta brioche intorno ai tubolari per cannoli, imburrati facendo tre giri e lasciare riposare ancora per un’altra ora distanziandoli uno dall’altro fino al loro raddoppio. Mettete l’olio di semi in una casseruola e friggete i vostri cartocci uno per uno, metteteli in una pirofila con carta assorbente.
    Appena saranno tiepidi rimuovete il cilindro dall’interno dei cartocci e farcite  con la crema di ricotta

    Passateli nello zucchero semolato e serviteli.

     

Ti è piaciuto? Condividilo con gli amici!

Rimani aggiornato su Telegram

Serafina Stanzione
Serafina Stanzione
Staff member. Redattrice, responsabile e curatrice della sezione dedicata agli Eventi a Palermo

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

Ti potrebbe interessare anche...

Andrea Camilleri parla della Strage di Capaci

Il grande scrittore siciliano, Andrea Camilleri, oltre alle sue famose opere, ha sempre avuto la capacità di raccontare grandi storie, anche durante delle semplici...

Chiesa e Oratorio dei S.S. Elena e Costantino

Il complesso religioso che comprende la chiesa e l'Oratorio dei santi Elena e Costantino, oggi di proprietà della Regione Siciliana, si affaccia sul magnifico...

Nuove truffe sempre in agguato: ecco l’ultima

  Il tuo pacco sta arrivando: occhio alla truffa via sms Moltissimi italiani hanno già segnalato di aver ricevuto in queste ore sul proprio cellulare un...

Rotolo con ricotta e gocce di cioccolato

In Sicilia usare la ricotta nella pasticceria è davvero un classico. Usiamo la crema di ricotta per farcire i cannoli, la cassata, le cassatelle,...

Prenotazioni vaccini per i cittadini dai 65 ai 79 anni

I cittadini dai 65 ai 79 anni di età (dalle classi 1956 fino alla 1942), cioè coloro (esclusi i soggetti estremamente vulnerabili) a cui...

Villa Bonanno e la scoperta dell’area archeologica romana

Villa Bonanno è un parco cittadino che si trova nel centro storico di Palermo, a due passi dalla Cattedrale e dal monumentale ingresso di...