La Casa del Dispetto, storia di una ripicca siciliana

La "Casa du Currivu" è un curioso edificio di Petralia Sottana, famoso per essere l'abitazione più stretta al mondo. Ecco la sua strana storia.

Autore:

Categoria:

16,020FansLike
478FollowersSegui
620FollowersSegui

A Petralia Sottana, borgo sulle Madonie in provincia di Palermo, si trova uno degli edifici più curiosi al mondo, la cosiddetta Casa du Currivu (ovvero Casa del Dispetto). Qual è la sua particolarità? Si tratta probabilmente della casa più stretta al mondo, larga solo 1 metro dalla facciata principale a quella posteriore.

Perché fu costruita questa bizzarra abitazione? E da dove deriva il suo nome?

La storia inizia negli anni ‘50 quando, come era ad uso in quei tempi, le famiglie in espansione innalzavano le proprie abitazioni per ricavare stanze in più. Tutt’ora la maggior parte delle vecchie case di paese, sono frutto di questa antica abitudine (oggi severamente regolamentata).

Prima di procedere con i lavori, però, era necessario chiedere l’autorizzazione ai vicini, soprattutto se le case avevano un muro in comune.

Ed ecco cosa successe. Un cittadino petralese, volendo innalzare la sua abitazione di un piano, chiese il permesso al suo vicino (forse addirittura il cognato). Questi però gli negò l’autorizzazione, perché un eventuale ampliamento gli avrebbe ostruito la vista panoramica di cui la sua casa godeva.
Da qui iniziò una vera e propria faida familiare.

Il proprietario scontento si rivolse al comune, dove gli risposero che senza il consenso del vicino non era possibile costruire, a meno di rispettare le distanze previste dalla normativa.

E qui arrivò l’idea geniale (o malefica).

Calcolando la distanza minima tra casa del vicino e il lato opposto della sua casa, il proprietario si accorse che lo spazio rimanente non era sufficiente per costruire un ambiente abitabile, tuttavia bastava ad ostruire inutilmente la preziosa vista che aveva causato la lite.
Non contento, nel nuovo piano, largo appena 100 centimetri, fu costruito un bel balcone panoramico, mentre la facciata interna, quella che il vicino avrebbe visto dalla finestra, fu funestamente dipinta di nero. Uno sfregio nello sfregio.

Così nacque la Casa del Dispetto, un vero e proprio pugno nell’occhio che ancora oggi attira molti turisti e curiosi, che in uno dei borghi più belli d’Italia, vanno alla ricerca di questa singolare costruzione.

Foto: C. Maggio

Ti è piaciuto? Condividilo con gli amici!

Rimani aggiornato su Telegram

Samuele Schirò
Samuele Schirò
Direttore responsabile e redattore di Palermoviva. Amo Palermo per la sua storia e cultura millenaria.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

Ti potrebbe interessare anche...

Via Divisi

La via Divisi va da piazza Rivoluzione a via Maqueda, attraversando la via Roma. La denominazione proviene da una antichissima contrada, una delle più fertili...

Via Scannaserpe

La via Scannaserpe è una traversa della via Resuttana. Scannaserpe è il nome della zona, che anticamente era occupata dal vastissimo “fondo Scannaserpi”, così denominato...

L’Osservatorio Astronomico del Palazzo Reale e il Museo della Specola

Il Palazzo Reale o Palazzo dei Normanni di Palermo è sicuramente l'edificio più antico della città e rappresenta un sito monumentale di grande interesse...

Piazza Ignazio Florio

La piazza Florio si trova tra le vie Principe di Granatelli, Principe di Scordia, principe di Belmonte e Michele Amari. Ignazio Florio fu un noto...

La Nave di Pietra dell’Acquasanta

Cosa è quello strano edificio a forma di nave, da secoli ormeggiato su un molo dell’Acquasanta? Strano a dirsi, ma si tratta proprio di...

Il mistero della Madonna della Provvidenza ai Teatini

A Palermo, sotto la chiesa di San Giuseppe dei Teatini, si trova una grande chiesa ipogea intitolata alla Madonna della Provvidenza. Qui c'è un...