San Valentino, lu zitu è vicino

Autore:

Categoria:

San Valentino, lu zitu è vicino. 
Conoscevate questo proverbio, un tempo molto in uso e caro alle fanciulle siciliane?
Si, perché il 14 febbraio, data della festa di San Valentino “festa degli innamorati” non è una festa nata ora, come si può pensare, una festa  consumistica, inventata per facilitare la vendita di medagliette, gioielli e cioccolatini.
Nei racconti del Pitrè possiamo leggere: “nel giorno di San Valentino, ogni zitella, che desidera conoscere se si mariterà, e quale sarà press’a poco la figura e l’età del futuro compagno, si affaccia alla finestra o sulla porta, una mezz’ora prima che che spunti il sole. Se in quella mezz’ora non passerà nessuno, addio matrimonio! Se invece un uomo passerà, le nozze son certe; e dall’età e dalla fattezza del passeggero presagiscono l’età e i pregi personali del futuro marito“.
Quindi care Zitelle! A San Valentino, affacciatevi alla finestra, potreste essere fortunate!
Ma cosa sappiamo di questo Santo, tanto caro alle coppie di innamorati?
San Valentino, era vescovo e patrono della città di Terni,  decapitato a Roma nel 273 , durante il periodo della persecuzione dell’imperatore Aureliano.
Non sappiamo molto di lui ma pare abbia avuto fama di guaritore e la sua fama crebbe a tal punto da essere imprigionato e torturato nel tentativo di fargli rinnegare la sua fede.
Col tempo si creò confusione e a questa data, il 14 febbraio, data della morte del vescovo si cominciò a commemorare anche un altro Valentino, un benefattore, vissuto anche lui nel III secolo che venne confuso col vero santo. Ma cosa c’entrano i due Valentini con gli innamorati? Nulla, semplicemente che quando si diffuse il culto era primavera e come sappiamo in questa meravigliosa stagione si risvegliano i fiori ma anche le passioni e nacquero così delle leggende che posero una sorta di stigma sul santo come protettore degli innamorati.
Una leggenda narra che il santo era solito offrire un fiore colto dal suo giardino alle giovani coppie che passavano davanti a casa sua. Ecco perché San Valentino è diventato patrono di tutti gli innamorati.
Quindi cari amici innamorati non aspettate il 14 Febbraio per ricordarvi di portare un fiore o un gioiello alla vostra amata, una scatola di cioccolattini o una cena al lume di candela. L’amore si celebra tutti i giorni e quando ci si ama è sempre una festa.

Ti è piaciuto? Condividilo con gli amici!

Rimani aggiornato su Telegram

Serafina Stanzione
Serafina Stanzione
Staff member. Redattrice, responsabile e curatrice della sezione dedicata agli Eventi a Palermo

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Ti potrebbe interessare anche...

Lievito fatto in casa in poche mosse

Una delle conseguenze di questo mese di quarantena da COVID-19 è l’impossibilità (o quasi) di trovare al supermercato o al panificio il lievito di...

Costanza Chiaramonte, la regina usa e getta

Uno degli episodi più curiosi della storia siciliana riguarda Costanza Chiaramonte, giovane esponente della famosa e potentissima famiglia siciliana che alla fine del ‘300...

Patate a spezzatino

Le patate a spezzatino, nelle sere fredde d'inverno erano una cena tipica delle famiglie semplici di una volta, calde, buone e riempivano molto la...

La curiosa storia del Barone Di Stefano, esiliato all’Hotel delle Palme

Avete mai sentito parlare del Barone Di Stefano? Questo noto e particolarissimo personaggio, ha trascorso gli ultimi 50 anni della propria vita in una...

L’Albergo delle Povere

L'Albergo delle Povere è un edificio sito nell'odierno Corso Calatafimi, la strada che portava da Palermo a Monreale. A partire dal 1633, sotto il regno...

Apollodoro il Siciliano, braccio destro e amante di Cleopatra

Nonostante sia citato in diverse fonti, anche molto antiche, la figura di Apollodoro il Siciliano è avvolta nel mistero, e ciò che sappiamo di...