Le gelsominaie di Milazzo. Storia di uno sciopero al femminile.

Autore:

Categoria:

Una storia siciliana che in pochi conoscono, è quella delle gelsominaie di Milazzo, un gruppo di donne lavoratrici che iniziarono una rivolta per ottenere condizioni lavorative più dignitose.

Tra le tante produzioni agricole presenti in Sicilia nel primo e nel secondo dopoguerra, una delle meno note è quella dei fiori di gelsomino, allora fortemente richiesti dalle industrie cosmetiche di tutta Italia ed Europa per produrre profumi ed altri prodotti arricchiti da questa nota fragranza mediterranea.

Il lavoro di raccolta, purtroppo, non era cosa semplice. Le operaie dovevano alzarsi in piena notte e passare molte ore piegate nei campi, tra fango ed insetti, raccogliendo delicatamente i fiori uno per volta e deponendoli in ampie ceste. Inoltre le gelsominaie, essendo per lo più vedove di guerra costrette a darsi da fare come nelle più classiche trame neorealiste, portavano spesso i figli con loro nei campi, lasciandoli nelle ceste se in tenera età, coinvolgendoli nel lavoro di raccolta se più grandi.

La paga per questa dura fatica? 25 lire per ogni chilo di gelsomini (corrispondente a circa 10.000 fiori!).

Nell’agosto del 1946 scoppiò una rivolta tra le lavoratrici della piana di Milazzo. Una delle gelsominaie, tale Grazia Saporita anche detta “La Bersagliera”, andò a raccattare le sue colleghe casa per casa e munita di bastone si recò al commissariato occupandolo, per rivendicare migliori condizioni di lavoro e per denunciare gli sfruttatori.

Questa prima rivolta presto raccolse la solidarietà di tutte le altre donne sfruttate negli aranceti, negli uliveti, nei semenzai, nelle fabbriche di sarde salate delle zone costiere, nelle cave d’argilla di Santo Stefano di Camastra. Era diventato uno sciopero generale che presto paralizzò tutto il messinese.

A questo punto le gelsominaie ebbero la meglio. La loro paga venne subito raddoppiata, e crebbe gradualmente negli anni successivi fino a superare le 1000 lire al chilo negli anni ‘70. Inoltre vennero loro forniti stivali, grembiuli e guanti per agevolare il loro lavoro.

Queste donne coraggiose, con la loro battaglia contro lo sfruttamento ed il lavoro in nero, hanno scritto un piccolo pezzo di storia siciliana, che ancora oggi dovremmo ricordare.

 

Fonti:

dols.it

oggimilazzo.it

viagrande.co

Foto: viadeimillesicilia.com

Ti è piaciuto l'articolo? Condividilo con i tuoi amici!

Rimani aggiornato con la cultura...

10,929FansLike
478FollowersSegui
554FollowersSegui
Samuele Schirò
Samuele Schirò
Direttore responsabile, redattore e fotografo di Palermoviva. Amo Palermo per la sua storia e cultura millenaria.

2 COMMENTI

  1. Questo mi ricorda tristemente quei poveri cristi che ogni anno si spaccano la schiena nei campi di pomodori e nei vigneti per una miseria. Tutto pur di mandare qualche soldo a casa.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

Ti potrebbe interessare anche...

Quando nacquero i primi giornali a Palermo?

Il primo numero del Giornale di Sicilia fu pubblicato il 7 giugno 1860 con la testata “Giornale Officiale di Sicilia” sotto la direzione di...

La scuola di una volta

Chiariamo subito che non si tratta degli anni 30 o 40, quando ancora si usavano penna e calamaio, anche se i banchi della scuola...

Il prezioso archivio dell’Architetto Salvatore Cardella

È in fase di riordino un prezioso fondo privato di notevole valore storico artistico: l’archivio del Prof. Arch. Salvatore Cardella (Caltanissetta 24/06/1896 – Palermo...

Monte Pellegrino

Ho voluto iniziare la descrizione del monte Pellegrino con queste belle parole tratte dal libro "Viaggio in Sicilia" di Bernard Berenson del 1957, perché...

Chiesa Sant’Antonio Abate (detta dell’Ecce Homo)

La chiesa di S. Antonio Abate si trova in via Roma, sulla destra poco dopo la via Vittorio Emanuele venendo dalla Stazione Centrale. È...

Palermo e le Sedie Volanti

Come molti sanno, a Palermo esiste una strada chiamata via delle sedie volanti. Questo nome, così curioso, ha sempre risvegliato la fantasia popolare che...