Maccarruna cu sucu ‘nta Maidda

La preparazione dei Maccarruna cu sucu 'nta Maidda in occasione del Carnevale è una tradizione molto sentita nella cittadina di Termini Imerese in provincia di Palermo

Autore:

Categoria:

I maccarruna cu sucu ‘nta Maidda sono una tradizionale ricetta siciliana, tipica di Termini Imerese, cittadina in provincia di Palermo, tradizionalmente preparata in occasione del Carnevale. Gli ingredienti di questa gustosa ricetta sono: pasta fresca, (maccheroni “maccaruna”)un tipo di pasta simile a dei grossi bucatini  e sugo di maiale rigorosamente mangiati ‘nta Maidda.

A maidda è una vasca rettangolare di legno, in cui le famiglie contadine un tempo impastavano il pane e la pasta. In questo caso per questa ricetta, le massaie cucinavano la pasta e dopo averla condita col sugo la versavano nella maidda e la condividevano festosamente con la famiglia.
Tradizionalmente questa pasta veniva preparata con il ferro da maglia (si usavano anche le aste degli ombrelli), ma anche un semplice spiedino di legno è perfetto per realizzare oggi i maccheroni fatti in casa.

 

Ingredienti per la pasta

500 g di farina di semola di grano duro
acqua 180/200 gr
7 gr circa di sale

Ingredienti per il sugo

500 g di polpa di maiale
500 g di polpa di vitello
2 spicchi di aglio
2 carote
1 costa di sedano
200 g di concentrato di pomodoro
1 l di salsa di pomodoro
1 cucchiaino di zucchero
olio extravergine d’oliva
sale pepe

Come preparare i Maccaruna

Dopo aver fatto una fontana con la farina versate il sale e iniziate a versare l’acqua poca per volta. Potete se vi viene più semplice versare la semola di grano duro in una ciotola e solo dopo aver assorbito l’acqua ponetela su una spianatoia.

Lavorate con una mano fino a quando la farina avrà assorbito tutta l’acqua e l’impasto risulti duro omogeneo e consistente. Questo è elemento fondamentale per la riuscita dei maccarruna. Formate una palla, copritela con una ciotola capovolta e lasciate riposare l’impasto a temperatura ambiente per circa un’ora. A questo punto staccate piccoli pezzetti di impasto e realizzate dei bastoncini lunghi 4/5 cm e spessi 1 cm circa.

Appoggiate sopra il bastoncino di pasta uno spiedino di legno, e con una leggera pressione delle dita farlo penetrare all’interno della pasta, rigirarlo in modo che la pasta stessa si chiuda. Appoggiatevi sopra prima il palmo di una mano e premendo leggermente, farlo rotolare avanti e indietro: la pasta si allungherà formando il nostro maccherone..

Sfilate quindi delicatamente il maccherone dal legno e adagiatelo su una base infarinata. Continuate così fino a quando tutti i maccheroni saranno pronti.

Potete cucinare i vostri maccheroni dopo averli fatto asciugare un oretta, o meglio preparateli la sera prima lasciarli asciugare coperti da un canovaccio. Lessare la pasta in abbondante acqua salata.

Come preparare il sugo

Fate un trito di sedano, aglio, carote, e rosolate tutto in un tegame con abbondante olio extra vergine d’oliva
Aggiungete la carne, fate rosolare qualche minuto, versate il vino e fate sfumare.
Versate la salsa di pomodoro ed il concentrato  condite con sale, pepe, un cucchiaio di zucchero. Fate cuocere a fuoco basso fino a quando la carne risulterà ben cotta ed il sugo ristretto. Il sugo è pronto per condire i vostri maccheroni

Cospargete con una manciata di caciocavallo grattugiato, guarnite con qualche foglia di basilico e servite.

 

Ti è piaciuto l'articolo? Condividilo con i tuoi amici!

Rimani aggiornato con la cultura...

10,930FansLike
478FollowersSegui
554FollowersSegui
Redazione
Redazione
Un gruppo di persone accomunate dalla passione per la Sicilia, ma sopratutto per Palermo, con la sua storia millenaria, la sua cultura unica e le sue molte, moltissime sfaccettature.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

Ti potrebbe interessare anche...

Quando nacquero i primi giornali a Palermo?

Il primo numero del Giornale di Sicilia fu pubblicato il 7 giugno 1860 con la testata “Giornale Officiale di Sicilia” sotto la direzione di...

La scuola di una volta

Chiariamo subito che non si tratta degli anni 30 o 40, quando ancora si usavano penna e calamaio, anche se i banchi della scuola...

Il prezioso archivio dell’Architetto Salvatore Cardella

È in fase di riordino un prezioso fondo privato di notevole valore storico artistico: l’archivio del Prof. Arch. Salvatore Cardella (Caltanissetta 24/06/1896 – Palermo...

Monte Pellegrino

Ho voluto iniziare la descrizione del monte Pellegrino con queste belle parole tratte dal libro "Viaggio in Sicilia" di Bernard Berenson del 1957, perché...

Chiesa Sant’Antonio Abate (detta dell’Ecce Homo)

La chiesa di S. Antonio Abate si trova in via Roma, sulla destra poco dopo la via Vittorio Emanuele venendo dalla Stazione Centrale. È...

Palermo e le Sedie Volanti

Come molti sanno, a Palermo esiste una strada chiamata via delle sedie volanti. Questo nome, così curioso, ha sempre risvegliato la fantasia popolare che...