Capretto in umido con funghi

Autore:

Categoria:

Aiutaci a far crescere la pagina con un semplice clic sul pulsante...Grazie

22,068FansLike
1,050FollowersSegui
633FollowersSegui

La carne di capretto non è un tipo di carne che tutti amano forse per il suo odore forte che in siciliano si definisce “di beccume”, ma che vi assicuro, una volta cotto e sfumato col vino è molto buono! Possiamo cucinare il capretto al forno, “aggrassato chi patati“, che in realtà sarebbe “glassato con le patate”, ma io oggi vi propongo di cucinare il capretto in umido con i funghi.


Ingredienti per 6 persone

2 Kg di capretto
2 grosse cipolle
1 bicchiere di vino rosso secco
brodo di carne
500 g di funghi
prezzemolo fresco
olio extra vergine d’oliva
sale e pepe

Tagliate a pezzi il capretto, lavatelo ed asciugatelo. In un largo tegame fate soffriggere le due cipolle affettate sottilmente, aggiungete anche il capretto e rosolate, quando la carne avrà raggiunto il giusto grado di rosolatura, versatevi il bicchiere di vino rosso che lascerete evaporare. Salate, pepate e aggiungete, fino a coprire la carne, il brodo di carne o di dado. Fate cuocere per circa 30/35 minuti a fuoco basso. A questo punto aggiungete i funghi, precedentemente puliti e affettati, un po’ di prezzemolo e continuate la cottura per altri 15 minuti circa. Servire il capretto in umido accompagnato da un buon vino rosso, magari un Nero d’Avola.

Ti è piaciuto? Condividilo con gli amici!

Rimani aggiornato su Telegram

Redazione
Redazione
Un gruppo di persone accomunate dalla passione per la Sicilia, ma sopratutto per Palermo, con la sua storia millenaria, la sua cultura unica e le sue molte, moltissime sfaccettature.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Ti potrebbe interessare anche...

Il mito della Sicilia secondo gli antichi cinesi

Prima che la tecnologia ci consentisse di parlare in tempo reale con persone che si trovano in ogni angolo del mondo, era molto difficile...

Carusi, addevi e picciriddi: i bambini in Sicilia

Sono molti i modi in cui chiamiamo i bambini in Sicilia. Dipende dalle diverse province dell’isola dove il termine bambino cambia, pur mantenendo lo...

Il santo col coltello in testa raffigurato a San Domenico

Poco tempo fa, passeggiando per Palermo, mi è capitato di soffermarmi di fronte alla splendida chiesa di San Domenico. Qui, incastonate nella ricca facciata...

Complotti e fantasmi nella Galleria di Tremonzelli

Una delle leggende più misteriose sulla Sicilia, riguarda gli inspiegabili fenomeni della Galleria di Tremonzelli, nel tratto autostradale più alto della Palermo-Catania. Oltre agli...

Ma quantu mi siḍḍìa? Origine di un verbo caro ai siciliani

Lo abbiamo detto e sentito dire migliaia di volte, perché quando una cosa siḍḍìa, siḍḍìa e basta.Per chi non lo sapesse, il verbo siḍḍijari...

Cosa vedere nel centro storico di Palermo

Se avete deciso di visitare la Sicilia, una destinazione assolutamente da non perdere è il suo capoluogo. Cosa vedere nel centro storico di Palermo? Tantissimo...