Lievito fatto in casa in poche mosse

Autore:

Categoria:

Una delle conseguenze di questo mese di quarantena da COVID-19 è l’impossibilità (o quasi) di trovare al supermercato o al panificio il lievito di birra fresco.
Oggi vi do una ricetta ottima, appena provata, che vi garantisce una quantità di lievito costante a casa e che vi permetterà durante la settimana di fare pane, pizza e focacce. Ovviamente dovete partire da una base e quella che ho usato io e che consiglia lo Chef Stefano Barbato è proprio il lievito di birra recuperato con mezzi di fortuna.

Provate a farlo il risultato è davvero ottimo!

Ingredienti

25 grammi di lievito di birra
25 grammi di acqua
60 grammi di farina 00

Prendete 25 gr di lievito di lievito di birra e sbriciolatelo in una ciotola, aggiungete 25 gr di acqua e con una spatola mescolate per farlo sciogliere. A questo punto aggiungete la farina e con la spatola continuate a mescolare per amalgamare bene gli ingredienti.

Trasferite il composto su un piano da lavoro e continuate a lavorarlo con le mani tanto da formare una palla. Mettetelo in barattolo ermetico e lasciatelo riposare in frigorifero per 24 ore.
Trascorse le 24 ore il vostro lievito di birra  sarà pronto per essere utilizzato nelle stesse dosi di quello che comprate al supermercato. Se volete realizzare altro lievito di birra, ripetete l’operazione con il lievito che avete prodotto voi stesse.
Il lievito di birra si conserva per una settimana ben coperto in frigorifero, ma potete congelarlo e utilizzarlo al bisogno.

 

Ti è piaciuto? Condividilo con gli amici!

Rimani aggiornato su Telegram

Serafina Stanzione
Serafina Stanzione
Staff member. Redattrice, responsabile e curatrice della sezione dedicata agli Eventi a Palermo

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

Ti potrebbe interessare anche...

Noto Antica e Cava Carosello, un viaggio tra antiche rovine e la magia di un percorso naturale

Vale la pena visitare la Noto Antica, come viene adesso chiamata, anche se sono rimasti solo pochi ruderi. Ancora di più, perché da lì parte...

I pupazzi di Mastressa: Storia di un inganno archeologico

Intorno al 1867 a Mastressa, nei dintorni di Taormina, uno dei più noti archeologi siciliani si imbatté quasi per caso in quella che sembrava...

Mazzallakkar, la fortezza araba ritrovata

Sulle sponde del Lago Arancio, nel comune di Sambuca di Sicilia, si trova l’antico fortino di Mazzallakkar risalente al tempo in cui gli arabi...

Un giro in carrozza a Palermo

Il cocchiere (comunemente chiamato gnuri), colui che guida la carrozza è un mestiere ormai scomparso, un tempo poteva considerarsi un personaggio importante, egli assicurava...

Chiesa di Sant’Agata alla Guilla

La Storia Nel cuore della vecchia città, nascosta tra gli edifici fitti e modesti del popoloso quartiere del Capo, tra palazzi antichi e decaduti, in...

Le misteriose piramidi dell’Etna

Conoscete la storia delle Piramidi dell'Etna?Tra i tanti misteri che riguardano la nostra Sicilia, uno dei più grandi riguarda le strane piramidi che si...