Lievito fatto in casa in poche mosse

Autore:

Categoria:

Una delle conseguenze di questo mese di quarantena da COVID-19 è l’impossibilità (o quasi) di trovare al supermercato o al panificio il lievito di birra fresco.
Oggi vi do una ricetta ottima, appena provata, che vi garantisce una quantità di lievito costante a casa e che vi permetterà durante la settimana di fare pane, pizza e focacce. Ovviamente dovete partire da una base e quella che ho usato io e che consiglia lo Chef Stefano Barbato è proprio il lievito di birra recuperato con mezzi di fortuna.

Provate a farlo il risultato è davvero ottimo!

Ingredienti

25 grammi di lievito di birra
25 grammi di acqua
60 grammi di farina 00

Prendete 25 gr di lievito di lievito di birra e sbriciolatelo in una ciotola, aggiungete 25 gr di acqua e con una spatola mescolate per farlo sciogliere. A questo punto aggiungete la farina e con la spatola continuate a mescolare per amalgamare bene gli ingredienti.

Trasferite il composto su un piano da lavoro e continuate a lavorarlo con le mani tanto da formare una palla. Mettetelo in barattolo ermetico e lasciatelo riposare in frigorifero per 24 ore.
Trascorse le 24 ore il vostro lievito di birra  sarà pronto per essere utilizzato nelle stesse dosi di quello che comprate al supermercato. Se volete realizzare altro lievito di birra, ripetete l’operazione con il lievito che avete prodotto voi stesse.
Il lievito di birra si conserva per una settimana ben coperto in frigorifero, ma potete congelarlo e utilizzarlo al bisogno.

 

Ti è piaciuto? Condividilo con gli amici!

Rimani aggiornato su Telegram

Serafina Stanzione
Serafina Stanzione
Staff member. Redattrice, responsabile e curatrice della sezione dedicata agli Eventi a Palermo

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Ti potrebbe interessare anche...

Involtini di pesce spada

  Gli involtini di pesce spada sono un secondo piatto tipico della tradizione siciliana. Per questo piatto calcolate un numero di 3 fettine per ogni commensale. Le...

La Pupaccena: la tradizionale Pupa di Zucchero

La Pupa di Zucchero, anche detta Pupo di zucchero o Pupaccena, è un dolce tipico siciliano amatissimo dai bambini, consumato quasi esclusivamente nel periodo...

“Domeniche con Musei Gratis a Palermo”

Una bellissima occasione per fare i turisti nella nostra città senza pagare nulla, l'arte alla portata di tutti

Palazzo Ajutamicristo

Il Palazzo Ajutamicristo è uno splendido edificio di architettura Gotico-Catalana, con chiari influssi rinascimentali sito nell'odierna via Garibaldi, l'antica “ruga di Portae Thermarum”, una...

La Catacomba di Porta d’Ossuna

La Catacomba di Porta D'Ossuna è una delle più antiche testimonianze storiche di Palermo. La Paleapolis, l'antica città Fenicia, era un tempo circondata da due...

Lo Sfincione palermitano

  Lo sfincione, il cui nome deriva dal latino "Spongia" che vuol dire spugna, ha come caratteristica una pasta spugnosa, morbida e soffice e condita...