Monte Pellegrino, sulle orme della Santuzza

Autore:

Categoria:

16,020FansLike
478FollowersSegui
584FollowersSegui


monte-pellegrino-2

Il monte di Santa Rosalia

Rosalia figlia di Sinibaldo, signore di Quisquina, “sdegnosa del mondo e delle sue gioie”, consacratasi a Cristo, si seppellì volontariamente in un’oscura grotta del monte, dalla cui imboccatura, bassa e stretta, a malapena filtrava un po’ di luce.  Molti anni ella trascorse in quel luogo freddo e umido pregando e consumando la sua carne nei crudeli digiuni. Ancora giovane morì, e secondo le sue volontà fu seppellita nella  stessa grotta dov’era vissuta negli ultimi anni della sua vita.
La fama della sua santità si sparse per tutta la Conca d’Oro. Per molti secoli fedeli, frati ed eremiti cercarono invano di trovare le ossa della Santa.

Nel 1624, mentre in città imperversava la peste, le presunte ossa della Vergine Rosalia furono rinvenute all’interno della grotta del monte Pellegrino.
Trasportate le reliquie in città furono portate in processione il nove giugno del 1625, e secondo quanto riferito dai diaristi dell’epoca , la pestilenza andò rapidamente scemando e gli ammalati uscivano dagli ospedali prodigiosamente guariti gridando: “Viva Santa Rosalia“, finché il terribile morbo cessò interamente. In onore della Vergine Rosalia, proclamata Patrona della città di Palermo, la grotta sul monte Pellegrino fu trasformata in santuario, e da allora è divenuto meta di pellegrinaggi da parte dei fedeli ed è tuttora uno dei luoghi sacri più suggestivi di tutta la Sicilia.

Ancora oggi la fede e l’amore dei palermitani verso la loro Santa Patrona perdurano immutati, il 4 settembre molti pellegrinano a piedi,  a volte scalzi per l’antica strada acciottolata (la scala) dalle falde del monte fino al santuario.

Ti è piaciuto? Condividilo con gli amici!

Rimani aggiornato su Telegram

Redazione
Redazione
Un gruppo di persone accomunate dalla passione per la Sicilia, ma sopratutto per Palermo, con la sua storia millenaria, la sua cultura unica e le sue molte, moltissime sfaccettature.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

Ti potrebbe interessare anche...

Via Giuseppe Sciuti

La via Sciuti va da via Notarbartolo a viale Lazio ed è considerata una grande ed importante arteria del traffico cittadino. È intitolata al pittore...

La Baronessa di Carini

"Sacra Catholica Real Maestà, don Cesare Lanza, conte di Mussomeli, fa intendere a Vostra Maestà come essendo andato al castello di Carini a videre la...

Via Principe di Belmonte

La via Principe di Belmonte va dalla via Francesco Crispi alla via Ruggero Settimo. La strada è intitolata a Giuseppe Ventimiglia, principe di Belmonte, nato...

Il Monte di Pietà di Pallavicino: storia di beneficenza

Nel 1865 il Consiglio provinciale di Palermo della neocostituita Italia unita, nell’elenco di tutti gli “stabilimenti economici” enumera sotto la dizione “Olivella Eredità” ben...

L’Oratorio del SS. Rosario in San Domenico

L'oratorio del SS. Rosario in San Domenico, un piccolo scrigno nel cuore della città, si trova al civico n° 16 di via Bambinai, cosiddetta...

Via Giuseppe Ingegnieros

La via Ingegnieros va dalla via S. Lorenzo al viale Strasburgo. Giuseppe Ingegnieros fu un medico psicologo nato a Palermo nel 1877 e morto a...