Storia dei Casinò in Europa

Autore:

Categoria:

Molto prima che Las Vegas sorgesse dal deserto e si trasformasse nella capitale dei casinò, era l’Europa a regnare nel mondo dei giochi, dove i primi edifici dedicati aprirono già nel XVII secolo.

Quello che era iniziato come un gioco di dadi all’interno delle case private o degli accampamenti dell’esercito, è continuato attraverso numerose regolamentazioni, fino a quando i primi casinò di lusso sono stati costruiti in Europa.
Nei tempi attuali, i giochi dei casinò europei si sono spostati dalle sontuose sale di Monte Carlo
oppure online, dove si trovano diversi siti specializzati. Ma la strada verso il gioco moderno non è sempre stata lastricata di servizi premium o di una vasta selezione di giochi e bonus. In realtà, i casinò europei hanno iniziato in piccolo, a volte anche dai governi stessi, fino al XIX secolo e il loro successo ha aperto le porte al gioco d’azzardo moderno.

Il gioco d’azzardo in Europa ha avuto inizio già nel 500 a.C., almeno quando apparvero i primi giochi di dadi. Tuttavia, il gioco d’azzardo era disapprovato dalle autorità romane, ed è per questo che i romani dovevano essere creativi e trovare il modo di mascherare il loro gioco d’azzardo. Fu così che nacquero le prime fiches, per evitare di essere perseguiti per il gioco d’azzardo con denaro reale.
Sia i dadi che i divieti sono sopravvissuti a lungo nei secoli successivi e nel Medioevo, quando apparvero nuove forme di gioco d’azzardo, seguite da nuove restrizioni da parte delle autorità.
Durante il XV secolo i giochi di carte arrivarono in Europa e lo presero d’assalto, ma la maggior parte del gioco veniva fatto in case pubbliche o private, che erano molto diverse dai casinò che conosciamo oggi.

Ma fu solo nel 1638 che apparve la prima casa da gioco d’azzardo in Europa: il Riddotto di Venezia. Questa casa da gioco veneziana era di proprietà del governo e fu il primo casinò ufficiale per gli standard odierni. Non si badò a spese sia per il servizio che per l’arredamento, e si stabilirono regole severe, il tutto con la speranza di attirare una clientela di classe superiore. E anche se fu progettato come attrazione temporanea per deviare il caos durante il carnevale, il casinò rimase aperto fino al XVIII secolo, quando il gioco d’azzardo fu proclamato illegale. Il casinò si trova ancora a Venezia, ma negli anni Cinquanta del secolo scorso ha cambiato sede dal palazzo originale a Ca’ Vendramin Calergi.

Dopo un periodo di lotterie approvate dallo Stato, divieti di gioco d’azzardo e giochi di carte, decreti che rendono nuovamente legale il gioco d’azzardo e varie restrizioni imposte dai governi di tutta Europa, il Cardinale Jean-Theodore di Baviera approvò la costruzione del secondo casinò più antico d’Europa – il casinò Redoute a Spa, in Belgio, nel 1762. Il casinò fu turbato in seguito dalla rivoluzione di Liegi e dai divieti, ma rimane aperto fino ad oggi con il nome di Casino Spa.
Dopo l’apertura della Redoute, nel 1765, nella città tedesca di Baden Baden è stato aperto un bagno termale, che lentamente ha iniziato ad attrarre visitatori con le sue attività per il tempo libero, una delle quali erano i giochi. Ufficialmente, il gioco d’azzardo era proibito, ma questo non ha impedito alle autorità di prendere commissioni che andavano in “fondi per i bagni” che sponsorizzavano le strade della città e altre amenità. Con il tempo, il gioco d’azzardo a Baden Baden si trasformò in un vero e proprio casinò e in uno dei più antichi casinò d’Europa.
Durante il 1770, nel continente furono aperti altri due casinò, il Redoute in Francia e il secondo casinò a Spa, in Belgio, il Vaux Hall. Ma fu solo 20 anni dopo che la ruota della roulette si impose, dopo che una nuova mania del gioco d’azzardo colpì la Francia, e trasformò l’attività del casinò in un enorme successo.
Le prime citazioni della ruota della roulette risalgono alla letteratura francese del 1796, ma il gioco non assomigliava ancora alla roulette europea che conosciamo e amiamo oggi. Furono i fratelli francesi Blanc a modificare il tavolo della roulette a un solo 0 e ad iniziare ad operare nel nuovo casinò Kursaal di Homburg, in Germania, nel 1843. La loro versione del gioco si diffuse immediatamente in tutta Europa e iniziò l’espansione del casinò europeo.
Il resto è storia nota.

Ti è piaciuto? Condividilo con gli amici!

Rimani aggiornato su Telegram

Redazione
Redazione
Un gruppo di persone accomunate dalla passione per la Sicilia, ma sopratutto per Palermo, con la sua storia millenaria, la sua cultura unica e le sue molte, moltissime sfaccettature.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

Ti potrebbe interessare anche...

Piazza degli Aragonesi

La piazza degli Aragonesi si trova tra la piazza delle Stigmate e le vie S. Gregorio e S. Agostino. Il nome, prima del 1865, indicava...

Polpette con le patate

le Polpette sono uno di quei piatti che noi siciliani amiamo tanto mangiare. Versatili, perché possiamo cucinarle in vari modi, comode perché possiamo prepararle...

“Viva Santa Rusulia, Viva!”

“Viva Santa Rusulia, Viva!”, questo il caloroso inno, con cui ogni anno i palermitani, nei giorni del 14 e 15 luglio, iniziano “u Fistino”,...

Via Papireto

La via Papireto va dalla via Matteo Bonello alla piazzetta Porta Guccia. Tale nome ricorda il Papireto, uno dei due fiumi che anticamente lambivano la...

Agnello al forno con patate e pomodorini

L'agnello al forno è un secondo piatto di carne, molto in uso nella cucina tradizionale siciliana, specialmente nel periodo pasquale, ma in realtà è...

Pasta alla Norma

La pasta alla Norma è un primo piatto della tradizione catanese, uno dei simboli della cucina siciliana in generale e conosciuta davvero ovunque. Pasta, solitamente rigatoni, condita...