Acqua dei Corsari vista dal cielo

Autore:

Categoria:

Acqua dei CorsariLa zona marittima di Acqua dei Corsari, era un tempo il fiore all’occhiello della costa Palermitana. Purtroppo anni di abbandono e degrado hanno reso la sua bellezza incontaminata, un tenue ricordo. Da qualche tempo sono stati avviati dei progetti di riqualificazione, che mirano a riportare questo splendido tratto di costa alla bellezza di un tempo.

Per sensibilizzare la cittadinanza, il team di SiculDrone ha realizzato un video promozionale. Qui si mostra la zona di Acqua dei Corsari come non l’avete mai vista. Dall’alto.
Tramite l’utilizzo di droni, le splendide riprese dall’alto evidenziano i tratti di costa e gli edifici caratteristici di questo splendido quartiere marinaro.
Merita senz’altro di essere visto.

Buona Visione.

Ti è piaciuto l'articolo? Condividilo con i tuoi amici!

Rimani aggiornato con la cultura...

10,411FansLike
478FollowersSegui
543FollowersSegui
Samuele Schirò
Samuele Schirò
Direttore responsabile, redattore e fotografo di Palermoviva. Amo Palermo per la sua storia e cultura millenaria.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

Ti potrebbe interessare anche...

Il fiume Papireto fratello del Nilo

Uno dei principali fiumi di Palermo, il Papireto, ha svolto un ruolo molto importante nella storia antica della nostra città. Come sappiamo, fino al...

La città riparte: Chiese, Musei e Monumenti di Palermo aperti al pubblico

Dopo il lockdown, Palermo come tutte le città comincia a riaprire i siti turistici tanto apprezzati e così, la città riparte con le proprie...

Movida palermitana: le nuove regole

26 giugno 2020 - l sindaco Leoluca Orlando ha firmato ieri un'ordinanza che modifica gli orari di vendita e somministrazione di bevande alcoliche e...

Le chiavi di San Pietro

Le chiavi di San Pietro sono dei dolci tipici della tradizione di Palermo consumati il 29 giugno, per la festa dei Santi Pietro e...

Il fiume Oreto: storia, ricordi e speranze di recupero

Ricordo ancora quando da ragazzino scendevo dal ponte Oreto al fiume e insieme a qualche amico esploravamo quella zona di terra fangosa, acqua, canneti...