Santa Rosalia, patrona di… Genova!

Oltre che patrona di Palermo, Santa Rosalia è patrona di un importante quartiere di Genova, Pegli. Ecco come è nato il culto della Santuzza in Liguria.

Autore:

Categoria:

Aiutaci a far crescere la pagina con un semplice clic sul pulsante...Grazie

22,370FansLike
1,065FollowersSegui
633FollowersSegui

Tra i capitoli più sconosciuti che riguardano la nostra città, ce ne sono alcuni davvero insospettabili. Tra questi, oggi vi racconto di come Santa Rosalia, simbolo indiscusso di Palermo, sia diventata anche patrona di uno dei quartieri più importanti di Genova, facendo registrare uno dei pochissimi casi di culto della Santuzza al di fuori della Sicilia.

Il quartiere genovese di cui parliamo è Pegli, un tempo un borgo indipendente abitato in prevalenza da pescatori, in seguito divenuto sede di importanti dimore nobiliari e circa un secolo fa annesso al comune di Genova durante un progetto di espansione urbanistica del capoluogo ligure.

La storia

Come mai un paese della riviera ligure ha deciso di affidare le sue preghiere e la sua devozione alla nostra santa patrona?

La risposta risale al 1624, anno del ritrovamento delle ossa di Santa Rosalia, quando secondo la tradizione la santa apparve in sogno a Girolama La Gattuta, una ricamatrice di Ciminna recatasi nella grotta di Monte Pellegrino, rivelandole il luogo in cui avrebbe dovuto scavare per trovare un “tesoro”.
Qualche mese dopo le ossa di Santa Rosalia, portate in processione per Palermo avrebbero miracolosamente guarito la città dalla peste, dando origine al mito della Santuzza.

Uno dei protagonisti della vicenda, fu appunto un genovese, il cardinale Giannettino Doria, appartenente ad una delle casate nobiliari più importanti dell’epoca.
Fu lui a riconoscere ufficialmente l’autenticità del ritrovamento e ad indire la processione solenne che avrebbe fatto cessare la pestilenza, avviando così il fervente culto della Santuzza, una devozione che naturalmente colpì anche i numerosi mercanti appartenenti alla Nazione Genovese di Palermo.

Forse fu su loro richiesta che il Cardinale Doria autorizzò il trasferimento di una piccola parte delle reliquie della Santa a Pegli, nella chiesa dei Santi Martino e Benedetto, dove tutt’ora sono custodite. D’altronde con un loro concittadino come porporato la Nazione Genovese a Palermo era più forte che mai.
Un’altra ipotesi invece riguarda l’enorme influenza che la famiglia Doria aveva a nella cittadina ligure, luogo in cui aveva numerosi possedimenti tra cui l’imponente villa Doria Centurione. In questo caso il Cardinale avrebbe semplicemente arricchito di una reliquia il suo paese di residenza, un bene che in quel periodo era considerato dal valore inestimabile.

La Peste a Pegli

La Chiesa dei Santi Martino e Benedetto di Pegli, dove sono tutt’ora custodite le reliquie.

Quando circa 30 anni dopo, la peste colpì Genova e gran parte della riviera ligure, a Pegli si ricordarono della storia di quella Santa di cui possedevano le ossa, che qualche anno prima aveva miracolosamente salvato Palermo dallo stesso male. Questa storia, fu alimentata anche dalla memoria e dai racconti di marinai e mercanti che avevano assistito alla prodigiosa processione del 1625, diffondendone il mito in tutti i porti del Mediterraneo.

Così i pegliesi, già decimati dalla piaga, decisero di rivolgersi alla Santuzza, che a quanto pare ripeté il miracolo anche in quella circostanza. Come segno di devozione e ringraziamento, qualche anno più tardi Santa Rosalia fu proclamata patrona di Pegli, e da allora ogni 4 settembre si tiene una processione solenne in suo onore.

Ecco perché a Genova, dalla parte opposta del Mediterraneo, esiste un quartiere in cui si venera la nostra amata Santa Patrona, salvatrice di Palermo, ma anche di Pegli.

Fonti: Wikipedia.org – Santa Rosalia
Pegli.com
Santa Rosalia nel mondo – Cattedrale di Palermo

Ti è piaciuto? Condividilo con gli amici!

Rimani aggiornato su Telegram

Samuele Schirò
Samuele Schirò
Direttore responsabile e redattore di Palermoviva. Amo Palermo per la sua storia e cultura millenaria.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Ti potrebbe interessare anche...

L’Oratorio dell’Immacolatella

L'Oratorio dell'Immacolatella è un piccolo oratorio di eccezionale valore artistico e culturale che si trova in un angolo nascosto del centro storico, in via...

I nettascarpe, pezzetti di storia quasi dimenticati

Passeggiando per il centro storico di Palermo, ma anche negli altri centri storici siciliani, non è raro imbattersi in dei curiosi arnesi metallici piantati...

L’orto Botanico di Palermo

"Dovetti pizzicarmi per credere che non si trattasse di un sogno quel giardino tropicale" questo scriveva entusiasta la "Pigra" viaggiatrice inglese lady Frances Elliot...

L’Isola delle Femmine e le sue leggende

L'Isola delle Femmine è un fazzoletto di terra adagiato sul mare, sovrastato da una torre diroccata che lotta perennemente contro le forze della natura...

Le Crocchè o Cazzilli palermitani

Le "Crocchè" o "Cazzilli" sono una delle specialità gastronomica “da strada” della cucina palermitana. Sono crocchette di patate modellate con una tipica forma ovale...

Le dicerie su Porta Felice

La nascita di Porta Felice risale al 6 luglio del 1582, ai tempi in cui il viceré spagnolo Marcantonio Colonna, duca di Tagliacozzo, decise...