Il cipresso di San Benedetto

Autore:

Categoria:

cipresso e chiesetta san benedettoIl Cipresso di San Benedetto è un vero capolavoro naturale.

Alto e solitario, a circa metà del Monte Grifone, su un poggiolo a duecento metri di altezza, nella parte più alta del Convento di Santa Maria di Gesù, svetta un antichissimo albero, il più vecchio di Palermo e addirittura uno degli esemplari di cipresso tra i più vecchi d’Italia.

Un albero prodigioso, la cui vita è strettamente legata alla vita di San Benedetto il Moro, il primo Santo nero canonizzato dalla chiesa cattolica e proclamato, per diversi decenni, patrono e protettore di Palermo insieme a Santa Rosalia.

Secondo la tradizione, l’albero, ha avuto origine dalla miracolosa radicazione del “bastone” che San Benedetto il Moro usava per sostegno e che infisse in quel luogo, dove il Santo si ritirava a pregare; accanto ad una piccola casetta che ricorda l’eremitaggio del frate, oggi divenuta cappella e meta di pellegrinaggi. La sua datazione risale a quattrocento anni fa, data in cui è avvenuta la morte del Santo,  nel 1589.

Lo si può raggiunge percorrendo una comoda stradina  a gradoni, alberata e illuminata, alla sinistra del convento

Nel corso dell’anno numerosi pellegrini si recano devotamente all’eremo per pregare ed immergersi nella spiritualità del Santo. Tradizionale è il pellegrinaggio della seconda domenica di Pasqua, domenica in albis, per ricordare il transito di San Benedetto, avvenuto il 4 aprile 1589, martedì di Pasqua, all’età di 63 anni, dopo trenta giorni di sofferenze per una gravissima malattia. Prima di ricevere l’Eucaristia chiese perdo­no a tutti e a ciascuno dei confratelli. Poi si spense serenamente in quel silenzio che tanto aveva amato durante la sua vita. Possiamo vedere le sue spoglie, non del tutto corrotte, all’interno della Chiesa del Convento di Santa Maria di Gesù.

Ti è piaciuto l'articolo? Condividilo con i tuoi amici!

Rimani aggiornato con la cultura...

12,814FansLike
478FollowersSegui
567FollowersSegui
Serafina Stanzione
Serafina Stanzione
Staff member. Redattrice, responsabile e curatrice della sezione dedicata agli Eventi a Palermo

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

Ti potrebbe interessare anche...

Un anno di Covid

Esattamente un anno fa, il 25 febbraio 2020, abbiamo avuto in Sicilia il primo caso di coronavirus, una turista bergamasca in visita a...

Le Catacombe dei Cappuccini

Chi visita il cimitero sotterraneo dei Cappuccini si appresta a compiere un viaggio a ritroso nel tempo e nello spazio, certo, ma soprattutto in...

Pasta al ragù siciliano

Quando ero bambina uno degli odori che mi svegliava nelle fredde domeniche d’inverno era quello del “ragù siciliano”. Mamma si alzava alle sei del mattino...

La Sicilia torna in zona gialla

Da lunedì mattina la Sicilia sarà zona gialla. Nessuna deroga per domenica di San Valentino come chiedeva il governatore Musumeci. Il cambiamento rispetto alla...

“Chista a sai?”: proverbi siciliani

Secondo alcuni, i proverbi sarebbero la quintessenza dell'ignoranza, un modo filosofico di esprimere semplicemente dei luoghi comuni, cose ovvie insomma. Secondo altri, invece, essi...

Pasta con pesto, pomodori secchi e olive

La pasta con pesto di basilico, pomodori secchi sott’olio e olive è un primo piatto facile, veloce e buonissimo. Un piatto vegetariano di grande...