Il prezioso archivio dell’Architetto Salvatore Cardella

Autore:

Categoria:

15,943FansLike
478FollowersSegui
580FollowersSegui

È in fase di riordino un prezioso fondo privato di notevole valore storico artistico: l’archivio del Prof. Arch. Salvatore Cardella (Caltanissetta 24/06/1896 – Palermo 15/09/1973), una eccellenza nel panorama culturale nazionale della prima metà del Novecento.

Docente di Composizione Architettonica nella prima facoltà di Architettura siciliana a Palermo nel 1944 e nel biennio di Ingegneria e allievo di Ernesto Basile, Enrico Calandra e Antonio Zanca, del quale fu anche assistente, la sua brillante carriera accademica è affiancata da una ricca produzione architettonica e pittorica e da numerosi scritti sul tema del rinnovamento dell’architettura e sulla ricerca di un nuovo linguaggio espressivo coerente con il mutare della società e della cultura del suo tempo. Consapevole della lezione dei suoi maestri e profondo conoscitore della storia dell’architettura e dell’arte, Cardella ha saputo cogliere gli elementi fondamentali da cui partire per comunicare con un linguaggio nuovo, ma pur sempre “colto”.

I suoi carteggi epistolari con esponenti della cultura italiana del suo tempo (Argan, Piacentini, Samonà…), presenti in archivio, evidenziano il grande fermento culturale nel quale Cardella cerca la nuova via dell’arte e dell’architettura.
La distinzione tra edilizia e architettura che fa nel suo scritto “Il travaglio e la meta della nuova architettura” del 1945 è esemplificativa della sua teorizzazione e della sua visione dell’atto creativo come atto spirituale nel quale, attraverso la materia, si concretizza l’ideale universale ed eterno: “ Se viene ormai concordemente riconosciuto che l’edilizia e l’architettura non sono attività tra loro indipendenti, bisogna tuttavia ribadire che l’architettura non può mai identificarsi con l’edilizia …passando all’opera di architettura bisogna metodicamente porre, accanto ai problemi statici e funzionali, ancora quello spirituale e quello espressivo”.

L’Archivio Cardella si compone di numerosi disegni, schizzi, progetti, dipinti e fotografie, oltre a una ricca produzione di scritti teorici, manoscritti e stampati. Completano il fondo il corposo epistolario e i plastici di alcune sue opere.
Uno dei suoi dipinti più raffinati, Estremo chiarore” del 1925, menzionato in molte riviste e giornali del tempo, è stato a lungo esposto presso la Galleria d’Arte Moderna “Empedocle Restivo” a Palermo.

Le sue opere architettoniche sono state realizzate a Palermo, Caltanissetta, Enna, Gela, Ragusa e Roma, dove ha edificato la sua casa-studio, sintesi perfetta della suo ideale di architettura.

Arch. Margherita Lo Iacono,
direttore scientifico dell’Archivio Cardella

Didascalie immagini:

  • Estremo chiarore, cm. 100×200, olio su tela, 1925, proprietà della Galleria d’Arte Moderna “Empedocle Restivo” di Palermo.
  • Casa-studio Cardella, via Gradoli, Roma, anni Sessanta, foto di proprietà dell’Archivio Cardella.
  • Salvatore Cardella, foto di proprietà dell’Archivio Cardella

Ti è piaciuto? Condividilo con gli amici!

Rimani aggiornato su Telegram

Redazione
Redazione
Un gruppo di persone accomunate dalla passione per la Sicilia, ma sopratutto per Palermo, con la sua storia millenaria, la sua cultura unica e le sue molte, moltissime sfaccettature.

1 COMMENTO

  1. Sono in possesso di n. 6 foto della clinica Ballati (Caltanissetta) in costruzione anno 1933.E’ possibile avere ulteriori informazioni?

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

Ti potrebbe interessare anche...

Il giardino della Cuncuma a Palermo

Forse oggi è una rarità poter ascoltare la parola Cuncuma in un discorso comune tra le nuove generazioni, giocoforza la lentissima ma inesorabile scomparsa...

[Palermo] ACQUA. Lavori Amap ed Enel. Disservizi in città e nella zona nord-ovest della provincia

A causa di alcuni lavori concomitanti di Amap ed Enel sull'adduttore Jato e alla condotta proveniente dall'invaso di Piana degli Albanesi, nella gioranta di...

Carusi, addevi e picciriddi: i bambini in Sicilia

Sono molti i modi in cui chiamiamo i bambini in Sicilia. Dipende dalle diverse province dell’isola dove il termine bambino cambia, pur mantenendo lo...

La Sala delle Donne

A Palermo in passato non erano molti i luoghi pubblici dedicati solo alle donne. Eppure pochi sanno che ve ne era uno in particolare...

Jack Churchill: L’ufficiale che sbarcò in Sicilia con arco e spada

Che qualcuno sia sbarcato in Sicilia armato di spada, arco lungo e frecce, non è certo una novità nella storia millenaria della nostra isola....

Le Sorgenti del Gabriele

Ad est dell’aeroporto di Boccadifalco, ai piedi della “conigliera”così conosciuta dai palermitani, sotto la via Umberto Maddalena,  sorgono le Sorgenti del Gabriele dall’arabo Garbel...