La fonte miracolosa dei Teatini

Sotto la chiesa di San Giuseppe dei Teatini si trova una fonte d'acqua alla quale sono attribuiti poteri guaritivi prodigiosi. Ecco la storia di questa sorgente miracolosa.

Autore:

Categoria:

16,020FansLike
478FollowersSegui
620FollowersSegui

Sotto la splendida chiesa di San Giuseppe di Teatini, nasce una fonte d’acqua visitata da secoli da migliaia di fedeli. Perché? Si dice che quest’acqua sia miracolosa, in grado di curare ogni male.
Ecco la storia della sorgente della Madonna della Provvidenza ai Teatini.

Nel cuore della Palermo antica, a due passi dai Quattro Canti, esiste una fonte sotterranea che da oltre 3 secoli richiama migliaia di fedeli in cerca di grazie e di miracoli.

Questa storia ha inizio il 7 Gennaio 1668, quando nei sotterranei della chiesa di San Giuseppe dei Teatini, un operaio colpì una delle pareti rocciose nei pressi dell’altare dedicato alla Madonna della Provvidenza. Da quella crepa iniziò a sgorgare in abbondanza un’acqua fresca e limpidissima.

Sotterranei chiesa TeatiniI sotterranei della chiesa, come spesso avveniva a quei tempi, erano stati lasciati vuoti in seguito alla costruzione del grande edificio soprastante, forse con lo scopo di ricavarne delle cripte e altri spazi sepolcrali. Tuttavia, in questo caso, sotto la grande chiesa si decise di costruire una seconda chiesa ipogea gemella nelle dimensioni, anch’essa con tre navate seppur con uno stile molto più sobrio ed i soffitti bassi. Tale spazio fu destinato alla crescente confraternita della Madonna della Provvidenza, nata qualche anno prima, la cui storia presenta numerose particolarità.

Tornando alla fonte, i lavori di scavo erano supervisionati dal teatino Padre Francesco Maggio, in seguito ad una visione avuta qualche anno prima, che gli disse di cercare l’acqua miracolosa sotto la chiesa. Adesso, dopo anni di ricerche, la fonte prodigiosa era finalmente stata trovata.
Non sappiamo quanto ci sia di vero in questa storia e quanto invece sia stato romanzato dalla fantasia popolare, quello che sappiamo per certo è che una settimana dopo il rinvenimento, domenica 15 Gennaio, dopo aver eseguito i necessari lavori che permettessero ai fedeli di attingere l’acqua, la fonte fu solennemente benedetta dai padri Teatini ed iniziò ad accogliere migliaia di pellegrini che accorrevano per vedere e toccare quest’acqua dei miracoli.

Secondo quanto raccontato dal Mongitore, erano tantissimi i fedeli che, dopo aver bevuto alla fonte o aver bagnato piaghe e ferite, riuscivano inspiegabilmente a guarire, un po’ come quanto sarebbe successo a Lourdes circa due secoli dopo.

Oggi la fonte è ancora esistente ed attiva. In seguito a dei lavori eseguiti nel 2013, il flusso d’acqua è stato incanalato in una fontanella che si trova in un cortile alla destra della chiesa. Tutt’oggi sono molti i visitatori che portano con loro una bottiglietta da riempire alla fonte della Madonna della Provvidenza, da usare o tenere in casa, perché non si può mai sapere dove finisce la leggenda ed inizia la verità.

Foto: C. Di Maggio

Ti è piaciuto? Condividilo con gli amici!

Rimani aggiornato su Telegram

Samuele Schirò
Samuele Schirò
Direttore responsabile e redattore di Palermoviva. Amo Palermo per la sua storia e cultura millenaria.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

Ti potrebbe interessare anche...

Panelle e Panellari

Le panelle sono una pietanza tradizionale di Palermo, la cui storia sembra risalire ai tempi degli arabi, quando la farina di ceci venne cotta...

Come è nato il Parco della Favorita?

Tutti conosciamo il Parco della Favorita come il polmone di Palermo, un’oasi in cui l’urbanizzazione selvaggia non è mai riuscita a prendere il sopravvento....

Via del Bosco

La via del Bosco va dalla via Maqueda alla piazza Ballarò. Questa strada deve il suo nome al palazzo dei Bosco, principi di Belvedere, costruito...

Carciofi con la tappa dell’uovo (Cacocciuli ca tappa i l’ovu)

I Cacocciuli ca tappa i l’ovu o Carciofi ripieni con la tappa d'uovo sono un piatto tipico della cucina palermitana. Ca Tappa i l'ovu, vuol dire...

Le nobili monache spendaccione

Nella Palermo antica, come in molte altre parti d’Italia, vi era l’usanza di instradare alla vita monacale i figli non primogeniti degli aristocratici. Questa...

Zuppa di lenticchie

La potete gustare al naturale con dei crostini di pane abbrustolito o passarla nel passaverdure per ottenere una delicata vellutata o aggiungendo della pasta...