Caserecce vegetariane

Autore:

Categoria:

15,943FansLike
478FollowersSegui
580FollowersSegui

Sery miniaturaOggi prepariamo insieme un piatto molto mediterraneo, allegro e colorato, che magari non fa parte della cucina tipica siciliana, ma che a casa mia o dei miei amici palermitani doc, con le dovute e libere variazioni di qualche ingrediente, è chiaro, viene molto usato.
Si tratta di caserecce con peperoni, melanzane, zecchinette, cipolle e funghi che io chiamo “Caserecce vegetariane”.
Tutti ingredienti salutari, con molteplici effetti benefici sulla salute, sulla protezione e la prevenzione di diverse patologie: invecchiamento precoce, tumori e malattie cardiovascolari.
Tutti ingredienti buoni, facilmente reperibili e che non mancano mai nei nostri frigoriferi principalmente nei mesi estivi.

caserecce vegetariane 1

Per 4 persone circa occorrono:

Lavate le melanzane, tagliatele a cubetti e tenetele sotto sale per un ora circa, in modo che perdono l’amaro. Trascorso il tempo necessario, friggetele e mettetele su di un piatto con carta assorbente.400 gr. di caserecce
2 peperoni
2 zucchinette verdi
2 melanzane
1 cipolla
8 funghi
olio extra vergine d’oliva
(se vi piacciono i sapori piccanti mezzo peperoncino rosso)
sale e pepe nero

Lavate i peperoni e le zucchine e tagliatele a listarelle.
In una grossa padella mettete a soffriggere in abbondante olio la cipolla tagliata a fettine sottili, i peperoni e le zucchine, rimestando frequentemente con un cucchiaio di legno.
Affettate i funghi, puliti e spellati, aggiungeteli agli ortaggi, aggiustate di sale e pepe (se volete anche del peperoncino) e coprite per 10 minuti.
Aggiungete le melanzane fritte e lasciare sul fuoco per altri 5 minuti.

Lessare le caserecce in abbondante acqua salata, scolatele al dente e versatele in padella col condimento, mescolare bene e servite, magari con qualche fogliolina di basilico.

Ti è piaciuto? Condividilo con gli amici!

Rimani aggiornato su Telegram

Redazione
Redazione
Un gruppo di persone accomunate dalla passione per la Sicilia, ma sopratutto per Palermo, con la sua storia millenaria, la sua cultura unica e le sue molte, moltissime sfaccettature.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

Ti potrebbe interessare anche...

Come partecipare al X Premio Nazionale di Poesia “L’arte in versi”

Ancora due mesi per partecipare al X Premio Nazionale di Poesia “L’arte in versi” Ci sono ancora due mesi di tempo per aderire alla decima...

Villa Branciforti di Butera a Bagheria

STORIA                   Don Giuseppe Branciforti, principe di Pietraperzia e conte di Raccuja, deputato del regno, già pretore di Palermo ed esponente di uno dei maggiori casati...

Il giardino della Cuncuma a Palermo

Forse oggi è una rarità poter ascoltare la parola Cuncuma in un discorso comune tra le nuove generazioni, giocoforza la lentissima ma inesorabile scomparsa...

Carusi, addevi e picciriddi: i bambini in Sicilia

Sono molti i modi in cui chiamiamo i bambini in Sicilia. Dipende dalle diverse province dell’isola dove il termine bambino cambia, pur mantenendo lo...

La Sala delle Donne

A Palermo in passato non erano molti i luoghi pubblici dedicati solo alle donne. Eppure pochi sanno che ve ne era uno in particolare...

Jack Churchill: L’ufficiale che sbarcò in Sicilia con arco e spada

Che qualcuno sia sbarcato in Sicilia armato di spada, arco lungo e frecce, non è certo una novità nella storia millenaria della nostra isola....