“Riserva dello Zingaro, come in un mare caraibico”

Autore:

Categoria:

Aiutaci a far crescere la pagina con un semplice clic sul pulsante...Grazie

22,395FansLike
1,069FollowersSegui
633FollowersSegui

La Riserva dello Zingaro, è una riserva naturale situata nella suggestiva provincia di Trapani in Sicilia, rappresenta un vero e proprio gioiello naturalistico che incanta visitatori provenienti da ogni angolo del mondo. Istituita nel 1981, questa riserva vanta una superficie di circa 1.700 ettari, estendendosi per 7 chilometri lungo la costa incontaminata del Mar Mediterraneo.

Riserva dello Zingaro: paesaggi mozzafiato e biodiversità unica

Il territorio della Riserva dello Zingaro si distingue per la sua conformazione variegata, offrendo un panorama mozzafiato che alterna calette incantevoli, grotte marine suggestive, falesie imponenti e una fitta macchia mediterranea. Tra le calette più rinomate troviamo Cala del varo, Cala della Disa, Cala Beretta e Cala Uzzo, rinomate per le loro acque cristalline e la sabbia dorata, ideali per rilassarsi al sole e godersi il mare.

Oltre alla bellezza paesaggistica, la Riserva dello Zingaro vanta una ricca biodiversità. Qui si possono ammirare diverse specie di flora e fauna, tra cui:

Flora: macchia mediterranea con lentisco, rosmarino, mirto, erica, ginepro e diverse specie di orchidee selvatiche.

Fauna: vanto della riserva è l’aquila del Bonelli, il falco pellegrino e sono stati avvistati esemplari di aquile reali. Altre specie presenti sono il corvo imperiale, il passero solitario, la cornacchia grigia, la gazza, il cardellino e l’usignolo. E ancora: conigli, volpi, pipistrelli, vipere e numerose specie di insetti e una ricca varietà di pesci che popolano i fondali marini.

Sentieri escursionistici e attività per tutti i gusti

riserva dello zingaro

La Riserva dello Zingaro è un paradiso per gli amanti del trekking e dell’escursionismo. Tre sono i sentieri percorribili: costiero, di mezza costa e sentiero alto, con diverse attrazioni e diverse difficoltà permettono di attraversare l’intera riserva, offrendo panorami spettacolari e scorci suggestivi sulla costa.

I sentieri è percorribile a piedi o in mountain bike ed è adatto a persone di tutte le età e preparazione fisica.

Oltre al trekking, la Riserva dello Zingaro offre diverse attività per tutti i gusti:
Snorkeling e immersioni: i fondali marini cristallini della riserva sono un vero paradiso per gli amanti dello snorkeling e delle immersioni. Qui è possibile ammirare una ricca varietà di pesci, coralli e altre creature marine.
Speleologia: la riserva ospita diverse grotte marine accessibili solo via mare, offrendo un’esperienza emozionante per gli amanti dell’esplorazione.
Birdwatching: la Riserva dello Zingaro è un luogo ideale per il birdwatching, grazie alla presenza di diverse specie di uccelli migratori e stanziali.
Barche e gommoni: è possibile noleggiare barche e gommoni per esplorare la costa della riserva via mare e raggiungere calette inaccessibili via terra.

Musei visitabili all’interno della Riserva dello Zingaro:

Il Museo Naturalistico
Il Museo della Manna
Il Museo dell’Intreccio
Il Museo delle Attività Marinare
Il Museo della Civiltà Contadina

riserva dello zingaro

Regole e consigli per una visita responsabile

La Riserva Naturale dello Zingaro è un’area protetta, pertanto è importante rispettare alcune regole per preservarne la bellezza e l’integrità:

Non sono ammessi i cani o altri animali domestici: la presenza di animali domestici potrebbe essere vista dagli animali selvatici come una invasione del proprio territorio ed innescare reazioni aggressive.

Sono vietati i mezzi motorizzati: all’interno della riserva è vietato l’utilizzo di auto, moto e qualsiasi altro mezzo motorizzato.

Nelle calette (spiaggette), è vietato: introdurre ombrelloni, sedie, lettini da spiaggia, sdraio e natanti o materassini gonfiabili.

Rispettare l’ambiente: è importante non lasciare rifiuti, non accendere fuochi (quando permesso è possibile chiedere autorizzazione ad eseguire bivacchi) e non disturbare la flora e la fauna.

Portare con sé solo l’occorrente necessario: è necessario portare con sé cibo o bevande in quanto all’interno della riserva non sono presenti punti di ristoro.

Rispettare i sentieri: è importante rimanere sui sentieri segnalati e non avventurarsi fuori pista.

Indossare un abbigliamento e calzature adeguate: il sentiero escursionistico è sterrato e presenta alcuni tratti saliscendi, pertanto è consigliabile indossare scarpe comode e abbigliamento adatto alle diverse condizioni climatiche. Non è permesso transitare in ciabatte, infradito ed altre tipologie di calzature che potrebbero causare cadute.

Qui il regolamento della Riserva dello Zingaro

Conclusione

La Riserva Naturale dello Zingaro rappresenta un’oasi di pace e bellezza incontaminata, un luogo ideale per immergersi nella natura e vivere un’esperienza indimenticabile. Rispettando le regole e seguendo i consigli per una visita responsabile, è possibile contribuire a preservare questo tesoro inestimabile per le generazioni future.

L’ingresso è a pagamento: Tariffe 

Biglietto intero:         5 euro
Biglietto ridotto:       3 euro
(ragazzi fino ai 14 anni – studenti universitari – insegnanti di ogni ordine e grado – dipendenti della Regione Sicilia)

Biglietto speciale:     1 euro
(scolaresche, gruppi di allievi di corsi di formazione)

Biglietto gratuito:
(cittadini italiani di età superiore ai 65 anni, bambini di tutte le nazioni di età inferiore ai 10 anni, guide turistiche nell’ esercizio della loro attività , forze dell’ordine in servizio, dipendenti dell’ Assessorato Regionale dell’agricoltura, dello sviluppo rurale e territoriale della pesca mediterranea e dell’Assessorato territorio e ambiente)

NB. Per questioni di sicurezza, in caso di vento forte di scirocco, l’ingresso al pubblico potrebbe essere sospeso.

Come raggiungere la riserva dello Zingaro

Ingresso Nord: San Vito Lo CapoDa Trapani, dirigiti verso San Vito Lo Capo e poi procedi verso la Tonnara del Secco fino ad arrivare all’ingresso Nord della Riserva.
Ingresso Sud: Scopello – Da Palermo, prendere l’A29 in direzione Mazara del Vallo. Uscire al casello di Castellammare del Golfo e seguire le indicazioni per Trapani. Dopo pochi chilometri da Castellammare del Golfo, seguire le indicazioni per Scopello e raggiungere il parcheggio situato poco prima dell’ingresso Sud della Riserva dello Zingaro.

Qui la cartina della Riserva naturale dello Zingaro


Visualizza mappa ingrandita

Sito web: www.riservazingaro.it

fonte: siciliaparchi.com

Ti è piaciuto? Condividilo con gli amici!

Rimani aggiornato su Telegram

Redazione
Redazione
Un gruppo di persone accomunate dalla passione per la Sicilia, ma sopratutto per Palermo, con la sua storia millenaria, la sua cultura unica e le sue molte, moltissime sfaccettature.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Ti potrebbe interessare anche...

Pasta coi Tenerumi

Quando il sole fa capolinea nell’ora più calda della giornata, un palermitano si alza e decide di preparare un buon piatto di Pasta coi...

San Giovanni dei Lebbrosi

La piccola chiesa di San Giovanni dei Lebbrosi,  dedicata a San Giovanni Battista, prende il suo toponimo dall'annesso lebbrosario, del quale oggi più nulla...

Zucchine ripiene ai funghi

Le zucchine fanno parte di quei piatti provenienti dalla tradizione contadina, e quindi di uso comune nelle nostre famiglie. Sono un alimento molto povero...

Le Catacombe dei Cappuccini

Le cosiddette Catacombe dei Cappuccini di Palermo, sono uno dei patrimoni storici più particolari della città, nonché una delle attrazioni turistiche più apprezzate dai...

Vermicelli con Bottarga di Tonno

La bottarga di tonno è un prodotto agroalimentare tradizionale siciliano. Viene ricavata dalle uova del tonno,  sottoposte a salatura, poi pressate ed essiccate. Dal termine arabo buttarikh che...

Voci di strada: mestieri antichi a Palermo

Le voci di Strada appartengono classicamente ai venditori ambulanti. Ambulanti perché camminano, perché portano con sé la propria merce e la propongono ai propri...