Si dice del mese di Febbraio

Autore:

Categoria:

Ci sono tanti proverbi legati o a qualche giorno in particolare o a tutto il mese di Febbraio, e per lo più sono detti che parlano delle migliori o peggiori condizioni metereologiche di questo mese o delle pratiche agricole.
Proviamo a ricordarne qualcuno e segnalateci altri eventuali proverbi e detti che non sono presenti in questo articolo.

Il 2 Febbraio, giorno della Candelora, si dice: “A la santa Cannilora, si nivica o chiova, quaranta jorna cci n’è ancora”, quindi per avere il tepore della primavera dovremmo teoricamente aspettare almeno 40 giorni. Il 14 Febbraio: “San Valentino, lu zitu è vicinu” ed anche: “A San Valentino la primavera sta vicino” e possiamo considerarlo vero, anche se un detto precedente a questa data,
E poi ancora “Frivaru Frivaleddu, curtuliddu e malidittu“. Il proverbio non è sempre vero, lo dimostrano le belle temperature siciliane. Sempre più spesso, infatti, Febbraio odora di primavera, anche se secondo le previsioni, le possibilità di gelate e di piogge ci sono tutte e qualcuno a tal proposito dice ancora “Frivaru curtu e amaro”, per indicare che si tratta del mese più breve dell’anno, oppure “Frivaleddu è curtuliddu, ma nun c’è cchiù tintu d’iddu”.
Non mancano tuttavia i lati positivi, secondo qualcuno infatti “Frivareddu è beddu tuttu, jorna longhi e misi curtu”.
Per chi si occupa di agricoltura c’è “Pi Sant’Agati cucuzzi nati e s’un su nati su siminati” per dire a chi non ha seminato le zucche (entro il 5 di Febbraio, Sant’Agata) di affrettarsi a seminarle.
Se a Febbraio piove, poi, il buon raccolto è assicurato, infatti “Frivaru, quann’è chiuvusu è assai lucrusu” e “L’acqui di Frivaru jinchinu lu granaruSe invece non piove, come noi preferiremmo, sono guai infatti si dice “Frivaru asciuttu, massaru ruttu“.
Se invece il tempo non va come dovrebbe, secondo la tradizione campagnola, “Si a frivaru nun frivia, a marzu erburia”, che sta ad indicare erba alta a marzo!
Per chi dovesse potare alberi e vigneti, aspettate che manchi la luna, il detto afferma infatti: “Ntra la manca di Frivaru, puta di paru“.
Per finire poi, vista la variabilità del clima, c’è purtroppo chi non regge e si ammala “Frivaru frivareddu, frivarisi, a cu’ frevi cci leva, a cui frevi cci misi.

Ti è piaciuto l'articolo? Condividilo con i tuoi amici!

Rimani aggiornato con la cultura...

12,037FansLike
478FollowersSegui
567FollowersSegui
Serafina Stanzione
Serafina Stanzione
Staff member. Redattrice, responsabile e curatrice della sezione dedicata agli Eventi a Palermo

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

Ti potrebbe interessare anche...

Caponata di carciofi

I carciofi sono ortaggi molto apprezzati e usati nella cucina siciliana. La Caponata di carciofi è una variante invernale della conosciutissima Caponata di melanzane...

La Chimica Arenella, storia di un’eccellenza perduta

Il nome di Chimica Arenella forse non dirà niente ai più giovani, mentre qualcuno forse ne ricorderà le vicende passate, purtroppo molto spesso costituite...

La chiesa nascosta sotto la Cappella Palatina

Dentro il Palazzo dei Normanni, fiore all’occhiello di Palermo, si trova la semi sconosciuta Chiesa di Santa Maria delle Grazie, spesso impropriamente scambiata per...

Cassata siciliana al forno

La cassata siciliana al forno è un dolce buonissimo di pasta frolla che racchiude un ripieno cremoso di ricotta di pecora e gocce di cioccolato fondente, una variante della...

Da dove viene il termine Locco?

Dopo aver analizzato le origini del termine Babbasone, andiamo a ricercare le origini di un altro aggettivo molto popolare a Palermo. Locco è un...

Pasta con tonno e mollica tostata

La pasta con tonno e mollica tostata è un primo piatto buonissimo, facile ed economico. Un classico primo piatto da fare velocemente, quando arrivate...