Si dice del mese di Febbraio

Autore:

Categoria:

Ci sono tanti proverbi legati o a qualche giorno in particolare o a tutto il mese di Febbraio, e per lo più sono detti che parlano delle migliori o peggiori condizioni metereologiche di questo mese o delle pratiche agricole.
Proviamo a ricordarne qualcuno e segnalateci altri eventuali proverbi e detti che non sono presenti in questo articolo.

Il 2 Febbraio, giorno della Candelora, si dice: “A la santa Cannilora, si nivica o chiova, quaranta jorna cci n’è ancora”, quindi per avere il tepore della primavera dovremmo teoricamente aspettare almeno 40 giorni. Il 14 Febbraio: “San Valentino, lu zitu è vicinu” ed anche: “A San Valentino la primavera sta vicino” e possiamo considerarlo vero, anche se un detto precedente a questa data,
E poi ancora “Frivaru Frivaleddu, curtuliddu e malidittu“. Il proverbio non è sempre vero, lo dimostrano le belle temperature siciliane. Sempre più spesso, infatti, Febbraio odora di primavera, anche se secondo le previsioni, le possibilità di gelate e di piogge ci sono tutte e qualcuno a tal proposito dice ancora “Frivaru curtu e amaro”, per indicare che si tratta del mese più breve dell’anno, oppure “Frivaleddu è curtuliddu, ma nun c’è cchiù tintu d’iddu”.
Non mancano tuttavia i lati positivi, secondo qualcuno infatti “Frivareddu è beddu tuttu, jorna longhi e misi curtu”.
Per chi si occupa di agricoltura c’è “Pi Sant’Agati cucuzzi nati e s’un su nati su siminati” per dire a chi non ha seminato le zucche (entro il 5 di Febbraio, Sant’Agata) di affrettarsi a seminarle.
Se a Febbraio piove, poi, il buon raccolto è assicurato, infatti “Frivaru, quann’è chiuvusu è assai lucrusu” e “L’acqui di Frivaru jinchinu lu granaruSe invece non piove, come noi preferiremmo, sono guai infatti si dice “Frivaru asciuttu, massaru ruttu“.
Se invece il tempo non va come dovrebbe, secondo la tradizione campagnola, “Si a frivaru nun frivia, a marzu erburia”, che sta ad indicare erba alta a marzo!
Per chi dovesse potare alberi e vigneti, aspettate che manchi la luna, il detto afferma infatti: “Ntra la manca di Frivaru, puta di paru“.
Per finire poi, vista la variabilità del clima, c’è purtroppo chi non regge e si ammala “Frivaru frivareddu, frivarisi, a cu’ frevi cci leva, a cui frevi cci misi.

Ti è piaciuto l'articolo? Condividilo con i tuoi amici!

Rimani aggiornato con la cultura...

10,416FansLike
478FollowersSegui
543FollowersSegui
Serafina Stanzione
Serafina Stanzione
Staff member. Redattrice, responsabile e curatrice della sezione dedicata agli Eventi a Palermo

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

Ti potrebbe interessare anche...

Il fiume Papireto fratello del Nilo

Uno dei principali fiumi di Palermo, il Papireto, ha svolto un ruolo molto importante nella storia antica della nostra città. Come sappiamo, fino al...

La città riparte: Chiese, Musei e Monumenti di Palermo aperti al pubblico

Dopo il lockdown, Palermo come tutte le città comincia a riaprire i siti turistici tanto apprezzati e così, la città riparte con le proprie...

Movida palermitana: le nuove regole

26 giugno 2020 - l sindaco Leoluca Orlando ha firmato ieri un'ordinanza che modifica gli orari di vendita e somministrazione di bevande alcoliche e...

Le chiavi di San Pietro

Le chiavi di San Pietro sono dei dolci tipici della tradizione di Palermo consumati il 29 giugno, per la festa dei Santi Pietro e...

Il fiume Oreto: storia, ricordi e speranze di recupero

Ricordo ancora quando da ragazzino scendevo dal ponte Oreto al fiume e insieme a qualche amico esploravamo quella zona di terra fangosa, acqua, canneti...