Un giro in carrozza

Sery miniatura

la carrozzaMezzo di trasporto molto caro ai nostri avi, ma che affascina, a Palermo, i nostri turisti è la “carrozza” trainata dal cavallo, che fin dai tempi più antichi è presente nella nostra città.
Il cocchiere (comunemente chiamato gnuri), colui che guida la carrozza è un mestiere ormai scomparso, un tempo poteva considerarsi un personaggio importante, egli assicurava il servizio di trasporto tra le grandi città, aveva autorità su tutta l’organizzazione del viaggio e decideva orari e soste.

A Palermo i “Cocchieri” prestavano la loro opera presso le case aristocratiche vestivano in livrea, si riunivano in corporazioni e istituirono addirittura la “Venerabile Confraternita dei Cocchieri.

Oggi a Palermo sono rimasti in pochi e quasi sempre in conflitto con l’amministrazione comunale ed i vigili urbani per via delle licenze, della pulizia, dell’intralcio al traffico e delle applicazioni delle tariffe, spessissimo esose e irregolari.

Ma oggi un nuovo regolamento tutela tutti: turisti, animali e cocchieri. Esiste un perimetro entro il quale le carrozze possono portare a spasso la gente, aree di stazionamento, tariffe, minime e massime, regolamentari, che garantiscono il turista.
Tutelata anche la salute dei cavalli, verranno effettuati controlli dell’Asp per garantire una migliore vita agli animali e infine, la possibilità di utilizzare la carrozza anche per eventuali manifestazioni o ricorrenze, previa autorizzazione.
Tutto questo, per dare valore alle nostre tradizioni, favorire lo sviluppo turistico della la nostra città e tutelare il lavoro ai cocchieri.

Quindi, se volete fare un giro in carrozza, non è più il caso di mercanteggiare come una volta, chiedete di vedere il tariffario stabilito dalla legge e…Buon giro in carrozza!

cavallo

 

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.